Daily Archives: Apr 2, 2017

0 1451

ACIREALE – Arrivano i “29” nella sede del circolo del PD di Acireale ed è il primo momento pubblico del gruppo “dagostiniano” dentro la vita pulsante e litigiosa del circolo acese. Di fatto, così come in tutti i circoli d’Italia, nel pd le correnti sono fiumi in piena e producono onde di tempesta: racitiani, dagostiniani, il gruppo di Leotta, quello di Spinella e la “sinistra” del partito con Pina Napoli, Maurizio Musmeci, Pina Palella e altri.

Si presentano le mozioni, poi si vota. I risultati sono per certi aspetti prevedibili: Tesserati 259 –
Votanti 167 – Renzi 95 – Oralndo 67 – Emiliano 5. Saranno 7 delegati per Renzi, e 5 delegati per Orlando.  Un risultato che chiarisce come la minoranza del PD (sinistra) sia sempre meno rappresentativa in un partito a vocazione centrista e inciucista. Il PD con Alfano, il PD di Renzi e Gentiloni, quello degli ex democristiani non ha niente in comune con i valori della sinistra; per quei tesserati rimasti, crediamo, sia arrivato il momento di provare a raccogliersi intorno ad un’idea di sinistra, della sinistra.

All’ingresso del circolo PD incontriamo l’avv. Marcello Bonaventura, una delle menti che hanno portato Barbagallo a vincere le elezioni, già difensore civico del Comune di Acireale e uno dei fautori per la fondazione di un secondo circolo del PD cittadino. Operazione che non andò in porto ma che oggi, invece, è perfettamente riuscita ma entrando dall’uscio principale. Insieme all’avv. Bonaventura ci fermiamo con il dott. Nicotra ovvero con il consulente economico del Comune di Acireale e cofondatore de La Margherita insieme al dimissionario segretario di circolo Seby Leonardi.

Visi tesi, sorrisi tirati e le fazioni sono pronte per dividersi o per cercare una possibile mediazione. Nel video le parole dell’avv. Bonaventura e le poche frasi del dott. Nicotra sono eloquenti più di ogni lungo discorso e approfondita analisi.

(mAd)