Acireale, arriva lo street control. Abbiamo sentito il consigliere Seminara

3005

ACIREALE – Tempi duri per gli indisciplinati. Con le videocamere sono stati sorpresi gli incivili che abbandonano la spazzatura per strada, presto con lo street control sarà arduo lasciare l’auto in divieto di sosta e sperare nel “fischio” del vigile. Un’altra modalità tecnologica che aiuta a reprimere i comportamenti incivili e, in questo caso, contro il codice della strada.

Abbiamo sentito il consigliere comunale Salvo Seminara.

L’INTERVISTA

Salvo Seminara ne abbiamo parlato alcuni anni fa e adesso è arrivato il momento dello street control per sanzionare gli automobilisti indisciplinati. Qual è la sua opinione?

Salvo Seminara (consigliere comunale). “Si, ne abbiamo discusso tre anni fa esattamente appena dopo l’insediamento del nuovo consiglio comunale. Personalmente da tempo avevo auspicato un aiuto tecnologico a quelle che sono anche le carenze di personale all’interno del corpo della Polizia Municipale, quindi sono certamente favorevole. La tecnologia ci viene in aiuto non solo perché in qualche modo supplisce alle carenze di personale ma anche per dare la giusta direzione a tanti automobilisti dai comportamenti indisciplinati e che non si adeguano alle regole ormai presenti anche in comuni vicini al nostro e mi riferisco a Catania che già da diverso tempo ha adottato questo sistema tecnologico”.

C’è un costo annuo ed uno mensile da pagare per l’uso dello street control?

Salvo Seminara (consigliere comunale). “Certamente i costi saranno recuperati e ammortizzati con le sanzioni che presumibilmente saranno elevate. Ritengo infatti che è opportuno sottolineare che l’affidamento per questo servizio è per un anno e in via sperimentale. Successivamente si capirà se continuare o meno ma sono certo non vi saranno problemi per rientrare nel costi per la strumentazione.

Con l’entrata in funzione dello street control avremo, secondo lei, la possibilità di vedere finalmente via Galatea e viale Regina Margherita sgombro di auto in sosta e che quotidianamente creano problemi al transito delle auto (viale R. Margherita) e a quello dei pedoni (via Galatea)?

Salvo Seminara (consigliere comunale). “Sono convinto di si perché con una sola pattuglia si potranno verificare queste ed altre strade nell’arco di poche ore. E’ un lavoro che la tecnologia fa al posto degli uomini e sono certo porterà notevole benefici alla circolazione e ai pedoni. Del resto ritornando al comune di Catania nel suo grande centro urbano ha regolamentato in maniera ferrea la sosta. Ovviamente questo sistema va ad intaccare le tasche dei cittadini indisciplinati ma è giusto che tutti ci si adegua alle norme del codice della strada.  Voglio ricordare che lo street control era ed è uno dei punti programmatici del documento unico di programmazione per gli anni 2017/2019 per cui stiamo rispettando gli impegni e continuiamo la lotta all’illegalità diffusa. Lotta che abbiamo intrapreso sin dall’inizio dell’amministrazione”.

Possiamo dire che insieme alle videocamera che riprendono gli incivili che abbandono la spazzatura per strada ora lo street control è un altro strumento per imporre la disciplina urbana?

Salvo Seminara (consigliere comunale). “La disciplina viene imposta da chi ha la carica per imporla, in questo caso dalla Polizia Municipale, lo street control è un aiuto tecnologico che da solo non impone la disciplina ma si preferisce sempre che i cittadini senza strumenti di coercizione riescono a comprendere che il rispetto delle regole migliora la vita di tutti e alza gli indici di vivibilità”.

(Daniela Gieri)