Acireale – Ass. AciGaia, Racconti di donna oggi la premiazione

Acireale – Ass. AciGaia, Racconti di donna oggi la premiazione

0 735

ACIREALE –  Domenica 14 maggio, alle ore 17:30, presso la sala Pinella Musmeci (ex locali Angolo di Paradiso), premiazione del concorso letterario “Racconti di donna Antonella Calì”, che è giunto alla terza edizione.  Il concorso, promosso ed organizzato dall’associazione culturale AciGaia, vede il patrocinio del comune di Acireale attraverso l’assessorato alle Politiche Sociali e Pari Opportunità, retto da Adele D’Anna.

Il tema di quest’anno è quello dei colori dell’anima, ed è stato chiesto alle scrittrici di descrivere come  crescendo e vivendo nuove esperienze le loro idee, la loro personalità, il loro modo di valutare e vivere le emozioni siano mutati e, come, inevitabilmente, sia cambiato anche il “colore” dell’ anima. I colori che parlano di noi e raccontano chi siamo, come ci sentiamo, come viviamo, la quiete o l’agitazione che ci pervadono, il nostro disordine interiore o il nostro essere ben centrati.  Le partecipanti sono state chiamate quindi a raccontare da dove  o da cosa scaturiscono i loro colori.

Tre le categorie previste per l’edizione 2017: “16+”per donne che abbiano già compiuto 16 anni, “Giovanissime” per ragazze di età compresa tra i 13 ed i 16 anni, e la sezione speciale Poesie.

Afferma il presidente dell’associazione AciGaia Paolo Monaco:  “Anche quest’anno abbiamo con estrema soddisfazione visto la partecipazione di numerose scrittrici che  hanno fatto pervenire i loro elaborati da tutta Italia:  Veneto,Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania, Calabria le regioni maggiormente coinvolte oltre che la nostra meravigliosa Sicilia. Continua, quindi,  con successo la promozione della nostra Città lungo tutto lo stivale.  Il concorso letterario “Racconti di donna Antonella Calì” è ormai simbolo di Acireale e riesce ad esportare la cultura al di fuori dei confini regionali registrando ogni anno un sostanziale incremento delle partecipazioni, ricoprendo in modo sempre più capillare il territorio nazionale.”

(red)