ACIREALE, MATTINATE FAI D’INVERNO ALLA BIBLIOTECA PINACOTECA ZELANTEA

ACIREALE, MATTINATE FAI D’INVERNO ALLA BIBLIOTECA PINACOTECA ZELANTEA

0 598

ACIREALE – Mattinate FAI d’lnverno è un grande evento nazionale dedicato al mondo della scuola, nel quale si chiede agli studenti non solo di partecipare come visitatori, ma anche di mettersi in gioco in prima persona e vivere l’esperienza come protagonisti.

Da lunedì 27 novembre a sabato 2 dicembre 2017 il FAI invita gli insegnanti e i loro studenti a scoprire il patrimonio storico-artistico delle loro città, guidati da altri studenti, gli Apprendisti Ciceroni, appositamente preparati dai volontari FAI e dai loro docenti.

Grazie infatti alle Delegazioni FAI attive su tutto il territorio nazionale, saranno aperti, gratuitamente e in esclusiva per le classi, meravigliosi tesori d’ltalia, poco conosciuti e spesso chiusi al pubblico. ln orario scolastico gli studenti delle classi avranno così l’occasione di partecipare a visite guidate condotte da loro coetanei, con l’obiettivo di avvicinare il mondo dei giovani alla storia e alla cultura del luogo e di vivere un’insolita esperienza di “educazione tra pari”.

Novità

L’edizione 2017 delle Mattinate FAI d’lnverno vede una più stretta collaborazione tra FAI e Gruppo Autogas attraverso I’integrazione di temi di sostenibilità ambientale all’interno del progetto. Tutti gli studenti in visita riceveranno un simpatico gadget con gli eco-consigli sul risparmio energetico e potranno partecipare al concorso a premi LA TUA IDEA GREEN.

Il gruppo FAI di Acireale, coordinato dal Loredana Grasso, aderisce all’iniziativa nazionale proponendo agli studenti la visita della Biblioteca Pinacoteca Zelantea il 29 e il 30 novembre dalle 9.00 alle 13.00. Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni: l.l.S.F. Brunelleschi, Liceo Scientifico linguistico Archimede

Descrizione:

Le origini della Biblioteca Zelantea sono collegate alla fondazione di due istituzioni culturali:

l’Accademia degli Zelanti e la Congregazione dei Padri dello Studio, nate per promuovere la cultura. L’attuale sede della Biblioteca risale al 1911: un edificio dalle grandi sale, che riprende temi dell’architettura neoclassica nelle colonne della sala centrale e nelle linee eleganti del prospetto. Delle otto sale, cinque sono adibite a Biblioteca e tre a Pinacoteca. Nell’atrio sono collocati alcuni busti in gesso, opere giovanili dello scultore Rosario Anastasi. Entrando, a sinistra, si accede alla Sala di Lettura dove sono collocati i cataloghi e le postazioni informatiche per la consultazione delle banche dati. Nel salone centrale sono collocati a semicerchio dieci busti di uomini illustri, principalmente acesi. Notevoli anche due candelore barocche, opera dell’artigianato siciliano in legno del secolo XVlll, La Biblioteca ha un patrimonio librario di oltre 200.000 unità tra volumi, opuscoli, fascicoli di riviste, incunaboli, cinquecentine, libri rari e di pregio.

La Pinacoteca istituita nel 1850, conserva circa 400 tele di pittori a partire dal secolo XVI (P.P.Vasta, M.Preti e altri). Vi sono conservate sculture, reperti archeologici, la carrozza del Senato acese (fine’700), la scultura in gesso di Aci e Galatea che ricorda il mito sulle origini del nome di Acireale e del suo territorio.

(CS)