Acireale, si scaldano i motori per le prossime amministrative

Acireale, si scaldano i motori per le prossime amministrative

0 1969

ACIREALE – Dal centrodestra è necessità iniziare a capire e trovare gli equilibri per individuare il futuro candidato sindaco da contrapporre a Roberto Barbagallo per le amministrative del 2019. Ed allora gli incontri tra i big dello schieramento sono necessari e indispensabili per non arrivare all’ultimo momento senza la quadra per l’indicazione del candidato primo cittadino.

Certamente l’on. Catanoso non perseguirà la strada provata nel 2014 con la candidatura civica del bravo Michele Di Re ma, in questa tornata, vederemo nomi e proposte che rientreranno nell’alveo dei partiti e dei politici che ne fanno parte. I nomi che girano con maggiore frequenza e con più possibilità non sono ancora, ovviamente, ufficiali ma, lo stesso, filtrano notizie che ci sembrano significativamente attendibili.

Per il centrodestra si discute intorno ad alcuni nomi. Gianluca Cannavò che ha risolto positivamente le sue questioni giudiziarie, Salvo Licciardello già assessore e sempre vicino all’on. Catanoso ed ancora, abbastanza quotato per la verità, il già assessore all’ambiente Gaetano Leonardi.  Al momento i “papabili” per la coalizione del centrodestra sono questi ma, chissà, se altre novità ci sorprenderanno all’avvicinarsi della scadenza elettorale. Sempre possibile la ricandidatura del già sindaco Nino Garozzo.

Per il centrosinistra, come sempre, la questione è complessa. Sicilia Futura presto e in occasione delle vicine elezioni nazionali si scioglierà per aderire nella fila del PD ed un primo dato che dovrebbe produrre anche in ambito cittadino la convergenza del PD nella fila della coalizione che sosterrà e ricandiderà Roberto Barbagallo per provare a fare il secondo mandato. Ci saranno a sostegno, ovviamente, le solite sigle civiche “last minute” e, probabilmente, tra queste anche le liste che fanno riferimento a Sammartino e a Anthony Barbagallo. E’ prevedibile una certa quantità di liste a sostegno dell’attuale sindaco di Acireale.

Il Movimento 5 Stelle, primo partito ad Acireale per le consultazioni regionali, dovrà, prima ancora di indicare un candidato sindaco,  cercare di formare una lista forte e con alcuni nomi che possano fare da traino e che siano in grado di convogliare un significativo numero di consensi. Resterà la scelta del candidato sindaco su cui al momento, per ragioni legate allo Statuto del movimento 5 stelle, non è possibile conoscerne le indiscrezioni e i rumors. In deroga allo stesso regolamento dei pentastellati tanti in città si augurano la candidatura per la carica di primo cittadino dell’on. Angela Foti, prima degli eletti in provincia di Catania per l’ars. Vedremo.

A sinistra cosa accadrà? Difficile un collocamento della sinistra tra le fila della coalizione del PD e del sindaco Barbagallo. A sinistra forse un candidato autorevole e indipendente potrebbe provare a comporre una lista utile a consegnare alla città un paio di consiglieri comunali in grado di fare una seria e decisa opposizione.

(mAd)