Authors Posts by LaRed

LaRed

4546 POSTS 0 COMMENTS

0 973

ACIREALE, VIDEO INCHIODA GLI INCIVILI NEL CENTRO STORICO

Si potenzia e si estende l’attività di controllo della polizia municipale di Acireale sul conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini. Pattuglie e personale in borghese continuano a verificare 24 ore su 24 sia il corretto conferimento di famiglie e imprese in relazione al servizio di raccolta differenziata porta a porta, sia il perdurare di conferimenti illegittimi, l’abbandono di rifiuti in strada.

La polizia municipale ha diffuso un nuovo video, postato dal primo cittadino su un noto social network https://www.facebook.com/roberto.barbagallo.1975/videos/10215312840004837/

Le immagini sono state girate nel centro cittadino nel mese di ottobre e immortalano decine di cittadini che si dilettano ad abbandonare sacchi colmi di immondizia nelle vie apparentemente al riparo da occhio indiscreti.

Il comandante Antonino Molino ricorda che la polizia municipale si avvale di riprese di videosorveglianza, realizzate con dispositivi mobili su tutto il territorio comunale. Le immagini hanno permesso di identificare gli autori delle violazioni, a cui vengono successivamente notificati i verbali per il conferimento illecito.

«L’attività di vigilanza si sta estendendo e sta già dando qualche frutto. Le cattive abitudini sono dure a morire, ma non molliamo intensificheremo l’attività anche grazie alle nuove apparecchiature tecnologiche acquistate. Sono 490 gli incivili beccati e sanzionati dal primo febbraio ad oggi,- dichiara il comandante Molino-. Ricordiamo a chi non vuole ancora adeguarsi che la multa va dai 250 euro ai 500 euro».

«Chi sbaglia deve pagare! Ancora qualcuno sporca il nostro centro storico e non solo. Dobbiamo capire tutti che la Città è un bene comune- dichiara il sindaco Roberto Barbagallo-. Pazienza continueremo a sanzionare chi sporca la nostra Acireale. Arrivare a percentuali ottimali di differenziata non è la scommessa dell’Amministrazione Barbagallo, ma di tutta la città. Il perdurare di questi comportamenti non è tollerabile, dà un’immagine vergognosa della nostra città, ci costringe a conferire in discarica riducendo i benefici per tutti, anche in termini fiscali, e offende i cittadini che rispettano le regole».

«L’attività di controllo continua ogni giorno h 24. Chi non ha intenzione di adeguarsi non la farà franca,- annuncia l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Fichera-. Con determinazione e intransigenza andiamo avanti e con noi la stragrande maggioranza dei cittadini di Acireale».

 

0 3225

Dolore per una giovane vita che vola via per sempre. Acireale piange in silenzio una giovane vita spezzata.

Mai nessuno dovrebbe conoscere il dolore per la perdita di un figlio; è innaturale, è il massimo dolore che si possa sopportare, è una ferita nell’anima che non potrà mai guarire. Un ragazzo ci lascia con un gesto eclatante, forte, silenzioso, pubblico. Lascia questo mondo e ci consegna il silenzio del dolore sordo, l’irrazionale che diventa fine ultimo, lascia ognuno di noi senza fiato, senza conforto, senza alcuna possibilità di razionalizzare il fatto, l’evento, il lutto.

Acireale piange in silenzio una giovane vita spezzata chissà da quale tormento interiore, ognuno di noi si sente ferito, privato dalla ragione, consegnato e strattonato dentro il destino crudele di un giovane concittadino.

La fine prende tutti di nascosto, la fine è un pensiero troppo acuto per la conoscenza umana. Un ragazzo vola per sempre, scompare e riappare nel frastuono dei nostri incubi peggiori; un ragazzo va via per sempre e tutti noi ci sentiamo più soli, più fragili, più vulnerabili.

Comprendere il dolore di chi rimane a ricordare la vita del nostro ragazzo è difficile, impossibile per certi aspetti. Rimuoviamo la sensazione, nascondiamo le lacrime, freniamo i singhiozzi; una giovane vita scompare tra lo stupore e l’angoscia. Una giovane vita perduta, scappata via dal destino.

Davanti a tali atti siamo tutti impotenti e il solo pensiero ci ferisce, siamo soli nella disperazione dei giorni, soli lungo il percorso delle nostre esistenze e un giovane che vola incontro alla morte è un grido, un urlo a cui non sappiamo e forse non possiamo dare risposte.

RIP
(red)

0 335

Il giorno del muro diretto vince a Clermont Ferrand la 27a edizione del Festival du Film Documentaire Traces de Vies si è conclusa con l’assegnazione del prestigioso Prix de la Création al documentario “Il giorno del Muro” diretto da Daniele Greco, scritto e realizzato con Mauro Maugeri.

In un borgo di montagna nel cuore della Sicilia, la festa del Santo è l’occasione per offrire i frutti della terra e rivivere, nella ripetizione di gesti atavici, un rito dalle origini antiche, che mescola miti religiosi a costumi tribali.

Un documentario che ha voluto mostrare, attraverso il racconto cinematografico, come piccole comunità siciliane definiscano la propria identità attraverso feste religiose la legano agli elementi della natura. “La tecnica dei due registi siciliani si basa sul seguire i protagonisti nella loro vita quotidiana, intrecciata alla preparazione della festa, di entrare nelle loro case scomparendoci dentro, di registrarne i suoni senza soffermarsi sulle parole”.

Il film, attualmente in distribuzione su Tenk, piattaforma di documentari on demand leader in Francia, Belgio, Lussemburgo e Svizzera, si era fatto notare lo scorso luglio ottenendo la menzione speciale al Roma Cinema Doc e a settembre il Premio Cerere, in Sicilia. Si tratta di un cortometraggio appartenente al più ampio progetto Sicily Folk Doc, realizzato dai due registi insieme a Giulia Iannello (producer), Antonio Toscano (montatore) e Fabio Trombetta (sound designer), prodotto dall’associazione culturale Scarti.

Greco e Maugeri hanno voluto dedicare il premio agli abitanti di Capizzi (Me), borgo siciliano dove il film è stato interamente girato, ringraziandoli “per la capacità di guardare alle proprie radici come la risorsa più grande, di costruire su di esse il futuro, di trovare in esse la risposta più efficace all’omologazione culturale dominante”.

(red)

0 435

FLASH – Acireale, via degli Ulivi all’ufficio tributi rinvenute due bottiglie di benzina presumibilmente lasciate da ignoti che si sono introdotti dalle finestre. Sul posto sono intervenuti, per i rilievi, i Carabinieri della stazione di Acireale. Dichiara il sindaco Roberto Barbagallo: “Sembra, dai primi accertamenti, essere un atto intimidatorio nei confronti dell’amministrazione che nel campo del recupero dei tributi si sta muovendo già da tempo con risolutezza e chiarezza d’intenti. Al momento è presto per fare analisi più precise ma sembra proprio essere un atto intimidatorio”.

Segue una nota stampa del sindaco Barbagallo: “Secondo quanto abbiamo ricostruito con le forze dell’ordine, che hanno eseguito tutti i rilievi utili, sembra che nel corso della notte ignoti si siano introdotti dalle finestre del piano terra. Ci sono tutti gli elementi per pensare ad un atto intimidatorio nei confronti della linea adottata dall’Amministrazione. Solo pochi giorni fa avevamo annunciato un’ulteriore riduzione della Tari, il 20% rispetto allo scorso anno. Il bel risultato non è solo frutto dell’aumento della percentuale di raccolta differenziata, ma della lotta serrata per scovare gli evasori. Gli Uffici comunali hanno fatto e fanno controlli incrociati precisi per recuperare il dovuto di tanti che non erano abituati a contribuire. Ci dispiace se questa risolutezza a qualcuno non piace, ma si deve pagare tutti per pagare meno”.

(red)

 

0 873

ACIREALE – Domenica 10 dicembre ad Acireale i devoti di S. Sebastiano del “Comitato Piazza Porta Gusmana” organizzano una colletta alimentare a favore dei tanti bisognosi che sono sempre in aumento nella nostra città.

I devoti di “Porta Gusmana” intendono, con questa nobile iniziativa, proporre un momento di solidarietà e beneficienza per i bisognosi per cercare di dare loro un Natale migliore. Spirito di solidarietà e di sensibilità nell’operazione che si svolgerà domenica che insieme alla raccolta alimentare vedrà anche momenti di divertimento con l’animazione per i bambini.

Il risultato della raccolta alimentare sarà destinato ai bambini della “Tenda di Cristo”.

I devoti di S. Sebastiano del comitato di Piazza Porta Gusmana si occuperanno inoltre, come ogni anno, si recuperare e donare giocattoli e di portare gli animatori al centro pediatrico oncologico del Policlinico di Catania.  Ed ancora si terrà una cena sociale nella casa famiglia “Tenda di Cristo” e sarà organizzata una conferenza con la presenza del dott. Vincenzo Serra intorno al tema della figura di S. Sebastiano.

I devoti di porta Gusmana lanciano un segnale forte di solidarietà concreta e di aiuto ai bisognosi. “S. Sebastiano non è folklore ma solidarietà e condivisione” ecco cosa affermano con orgoglio i devoti del Patrono di Acireale.

Sono le iniziative come queste che danno un segnale preciso a chi crede che le feste religiose siano solo botti e folklore, i devoti mostrano, in questo caso, una lodevole attenzione ai temi sociali e si adoperano per dare il loro contributo per costruire una società migliore e solidale.

(red)

 

0 498

ACIREALE – Lunga vicenda quella che ha accompagnato la riapertura del Palavolcan dopo gli eventi calamitosi del novembre 2014. Agibilità, burocrazia, caldaia, catastazione dell’immobile e altro ancora dovevano trovare la loro sistemazione e regolarizzazione burocratica. Tutto ciò è avvenuto ed è anche definitiva l’aggiudicazione al GIS della gestione della struttura sportiva.

Abbiamo sentito l’assessore allo sport del comune di Acireale Giuseppe Sardo che afferma: “Finalmente possiamo non parlare più di carte e burocrazia ne di collaudi o altro, oggi possiamo e dobbiamo parlare solamente di risultati sportivi, di attività agonistica, di sport e divertimento. Adesso il dato è che il Palavolcan è una struttura sicura, completa e ci da l’opportunità di vivere le attività dei nostri atleti con tutta la serenità possibile e dovuta”.

Tutto in regola dunque anche la catastazione dell’immobile?

Giuseppe Sardo (assessore allo Sport): “Certamente, è stata prodotta una SCA (Segnalazione Certificata di Agibilità) che è un documento unico che assevera tutti gli atti come certificati di conformità, accatastamento, caldaia, certificato incendi. Tutto a posto e segna il passo definitivo, possiamo affermare che siamo al top in termini di collaudi, sicurezza etc. Domenica potremmo assistere alla prima partita del Basket Acireale”.

Adesso la parola e i fatti passano allo sport e si spera che da domani (7/12/2017) potremmo assistere ai primi allenamenti e successivamente alle gare delle squadre che utilizzano il Palavolcan.

(red)

0 3400

Giunto il dissequestro per il cable park di via San Girolamo possono riprendere i lavori sia per la messa in sicurezza del cantiere che per il regolare svolgimento dei lavori di completamento.

Abbiamo sentito il progettista e direttore dei lavori l’ing. Gianfranco Caudullo che precisa: “In un’ottica collaborativa e nell’esclusivo interesse pubblico si precisa che  le opere realizzate attengono a lavori eseguibili con semplice CILA (comunicazione inizio lavori asseverata). Come  autorevolmente  confermato dall’ill.mo  PM. Dott.ssa Agata Santonocito che non ha  imposto alcuna limitazione al decreto di dissequestro. Pertanto i lavori potranno riprendere regolarmente”.

Per quanto riguarda, invece, l’attività sportiva Caudullo precisa: “L’avvio dell’attività sportiva potrà iniziare solo con la conclusione del procedimento avviato con lo SUAP (Sportello Unico Attività Produttive), il quale ultimo, in caso di approvazione, prevede il passaggio in Consiglio Comunale per la ratifica, da parte del sig. Sindaco della variante semplificata legata all’impresa (art.5 dpr447/1998  e art.8 dpr 160/2010)”.

(nella foto da sinistra Massimo Crespi, presidente commissione agonistica italiana – Valerio Longo, presidente wakesurfcenter – Luciano Serafica, presidente federazione italiana sci nautico e wakeboard)

Quindi previsto anche un passaggio in consiglio comunale “variante che non determina variazioni dello strumento urbanistico generale, e quindi non va confusa con la variante ordinaria”.  Ed ancora l’ing. Caudullo afferma: “La Società WAKE surf center srl auspica tuttavia che, in forma parallela alla procedura di variante semplificata, l’Amministrazione possa avviare la procedura di variante ordinaria, la quale potrà determinare il definitivo cambio di destinazione urbanistica da ZTO “E” agricola, a ZTO per verde pubblico attrezzato”.

(red)