Authors Posts by LaRed

LaRed

4520 POSTS 0 COMMENTS

0 384

ACIREALE – Ieri sera (14/10/2017) nella sala Pinella Musmeci si è svolto un interessante incontro, organizzato dall’associazione culturale Vie Traverse, su Don Milani.

Il prof. Sebastiano Vecchio, docente di filosofia del linguaggio presso l’università di Catania ha parlato, insieme al prof. Caruso docente di lettere al Liceo “Regina Elena” di Acireale, della sua opera dal titolo “Perché Lorenzo. Spunti su Don Milani”, ovvero di come, a cinquant’anni dalla morte del Priore di Barbiana, i suoi insegnamenti risultano essere attualissimi.

In un Italia del secondo dopoguerra, con “cinque milioni di analfabeti”, come ci ha ricordato il prof. Vecchio, don Milani aveva capito che prima di fare il prete doveva necessariamente fare il maestro, perché “solo la cultura, il saper dominare la parola può veramente liberare dai padroni” e “chi non ha il dono della parola resta murato”. E allora in quel microcosmo che era Barbiana, una sorta di confino nel Mugello, Don Milani crea una scuola fuori da ogni regola, senza alcuna campanella o programmi ministeriali. Una scuola che non conosce vacanze estive,che dura 12 ore al giorno, ma dove i ragazzi vengono volentieri, perché imparare divertendosi è sicuramente molto meglio che spezzarsi la schiena di lavoro.

Si leggevano i giornali e ci si soffermava sulle parole perché “solo la lingua rende uguali” e “ogni parola non imparata oggi è un calcio in culo domani”. Per questo motivo la scuola – e la sua scuola era veramente laica, sprovvista anche del crocifisso, affinché avvicinasse tutti, anche gli atei o i socialisti- deve insegnare che “l’obbedienza non è più una virtù”, perché quando la legge è ingiusta (e cioè quando non difende i deboli, ovvero “accoglie i sani e respinge i malati”) essa non va accettata. Conoscere per capire, capire per difendersi da tutto ciò che è sbagliato e cercare di cambiarlo, quale messaggio può essere più rivoluzionario di questo?

(Valeria Musmeci)

0 623

E’ un dono che resterà scolpito nella memoria della Città e servirà ad esaltarne la cultura e la storia. Il cavaliere Mario A. Marano, acese emigrato negli Stati Uniti da oltre 50 anni, al momento della sua morte avvenuta lo scorso agosto in New Jersey, ha donato ad Acireale 280mila dollari. Tra le volontà messe nero su bianco nel testamento, pervenuto al sindaco Roberto Barbagallo, si legge che 150 mila dollari sono destinati alla Fondazione Teatro Bellini, 100 mila dollari alla realizzazione di un’opera simbolo dell’emigrazione; 30 mila dollari alla Basilica di San Sebastiano.

 

«Tutta la Città è grata al cavaliere Marano, che ha voluto non solo fare un regalo importante ai suoi concittadini, ma darci anche delle indicazioni precise. Lui, emigrato da oltre 50 anni, non solo tornava a visitare Acireale ogni anno, ma ne promuoveva le sue bellezze e la sua storia coinvolgendo centinaia di turisti. Amava il nostro Teatro Bellini, non ha mai dimenticato il suo splendore di un tempo. Come lui ha voluto, e per nostro preciso dovere, realizzeremo un’opera che resti a memoria dei nostri concittadini che hanno portato e portano la nostra Acireale nel mondo e mai la dimenticano», dichiara, grato al benefattore e ai suoi familiari, il sindaco di Roberto Barbagallo.

Proprio la scorsa estate il sindaco aveva conferito la “Cittadinanza Onoraria” al Cavaliere Mario A. Marano, funzionario emerito della Contea di Ocean – New Jersey e presidente di numerosi sodalizi e organizzazioni statunitensi.

Il sindaco e l’amministrazione comunale di Acireale avevano deliberato il prestigioso riconoscimento nell’aprile 2017, tenendo conto della richiesta avanzata da Giovanni Tesè, consigliere d’amministrazione del Coes, con la seguente motivazione:

“Per il sentimento di orgoglio e di appartenenza alle sue radici e l’affetto che ha custodito verso Acireale, dopo tantissimi anni di lontananza dalla Città, costruendo con grande successo, prestigio e straordinari meriti la propria carriera professionale attraverso la quale ha implementato scambi culturali tra la Sicilia e lo Stato del New Jersey, gli USA e non solo, promuovendo e divulgando le tradizioni, gli usi, i costumi e la storia della nostra Città, le bellezze del nostro territorio e della sua gente, favorendo proficui scambi culturali e turistici tra le due comunità.  Per tali motivazioni ha ricevuto numerosi riconoscimenti, venendo insignito quale Ambasciatore della cultura siciliana nel mondo, prestigioso riconoscimento che sottolinea il forte vincolo tra la nostra nazione, il territorio e l’estero. La Città di Acireale, riconoscente, gli rende omaggio, orgogliosa dell’affermazione di un suo figlio nel mondo”.

Il riconoscimento è stato un segno tangibile della stima che l’intera comunità acese nutre per uno dei suoi figli migliori.

Mario A. Marano è nato ad Acireale e poco meno che ventenne, dopo aver conseguito il diploma magistrale presso l’ Istituto Magistrale Statale “Regina Maria Elena” di Acireale, insieme alla propria famiglia, è emigrato negli Usa ( New Jersey), dove ha conseguito la Laurea in Scienze Commerciali (Bachelor of Science), con il massimo dei voti e la lode presso la Montclair State University, Upper Montclair, NJ e successivamente il certificato di R.P.P.S. (Registered Public Purchasing Specialist) Rutgers University, New Jersey.

Marano ha raggiunto altissimi incarichi nella Pubblica Amministrazione del New Jersey e della Contea di Ocean.

Tra i tantissimi e prestigiosi incarichi per tenere vivo il rapporto tra gli italiani e siciliani in America e le terre d’origine ricoperti da Marano, è stato membro del New Jersey Italian Heritage Commission (Commissione del New Jersey per il Retaggio Italiano); presidente del Comitato Eventi per lo Stato del New Jersey; membro del Comitato Relazioni Internazionali; presidente del Comitato Organizzazioni e Gruppi: Ocean County Columbus Day Parade Committee, Inc., Seaside Heights, New Jersey; co-fondatore e segretario dell’Ocean County United Italian American Clubs Association; rappresentante nel New Jersey del C.O.E.S. (Centro Orientamento Emigrati Siciliani); rappresentante negli Stati Uniti: F.I.SB. (Federazione Italiana Sbandieratori), membro di Arba Sicula, Queens, New York; membro Fondatore ed Ex Presidente della The Italian American Cultural Society of Ocean County, Incluso nel “Who is Who among Italian Americans ” pubblicato da NIAF (National Italian American Foundation), Washington, DC; corrispondente Consolare per il Consolato Italiano di Filadelfia, Pennsylvania.

Marano, come componente della Commissione Statale del New Jersey per il Retaggio Italiano e in cooperazione con Gilda Rorro Baldassari, Vice Console Onorario d’Italia a Trenton, ha promosso il “Progetto Amicizia”, un programma di scambi culturali fra studenti del New Jersey e della Sicilia. Ha promosso il turismo verso l’Italia ed in particolar modo verso Acireale e la Sicilia esponendo in vari eventi la bellezza e la cultura siciliana e italiana.
(LC)

0 267

Acireale – Continua la trasferenza di alcuni rifiuti davanti l’Istituto comprensivo “Vigo Fuccio – La Spina”.  Genitori umiliati e offesi iniziano le prime forme di protesta e la storia sembra proprio non finire malgrado l’indignazione generale. Abbiamo chiesto all’assessore Francesco Fichera di individuare un altro sito per questa manovra che, riteniamo, non può e non deve essere svolta nel primo luogo che capita. Assurdo vedere genitori e bambini fianco a fianco con le operazioni di trasferenza di alcuni rifiuti. Da piccoli mezzi i rifiuti vengono spostati in un grosso camion compattatore, operazioni che iniziano alle sei del mattino e che si protraggono fino a mattinata inoltrata, compreso l’orario di ingresso a scuola dei bambini.


Ecco cosa diceva l’assessore il 29 sett. 2017 “… è già stato individuato un altro luogo dove far svolgere queste operazioni che certamente con la scuola chiusa per le vacanze estive non dava fastidio a nessuno mentre adesso con la riapertura della scuola emergono situazioni da modificare”.
La trasferenza continua e l’indignazione non si ferma.

(mAd)

0 913

CANDIDATO PRESIDENTE GIANCARLO CANCELLERI

Movimento 5 stelle
Gianina Ciancio
Cristiano Anastasi
Giampiero Santocono
Gionata Ciappina
Giovanni Cantarella
Francesco Cappello
Lidia Adorno
Valeria Diana
Giuseppe Scarcella
Angela Foti
Jose Marano
Antonino Sapienza, detto Antonio
Gaetano Nicolosi

CANDIDATO PRESIDENTE CLAUDIO FAVA

Cento passi per la Sicilia
Claudio Fava
Vittorio Bertone
Maurizio Bonincontro
Franco Catania
Giancarlo Maria Ciatto
Danilo Festa
Alessio Grancagnolo
Salvo Grasso
Rosaria Marletta
Valerio Marletta
Silvana Nicosia Iannotta
Helga Platania
Matilde Riccioli

 

CANDIDATO PRESIDENTE ROBERTO LA ROSA

Siciliani liberi

Roberto La Rosa
Raffaele Panebianco
Loredana Barbagallo
Gianmarco Barraco
Gianluca Castriciano
Francesco Crupi, detto Franco
Leda De Angelis
Corinne Di Mulo
Salvatore Ginaprali
Ciro Lomonte detto Lo Monte
Maria Pulvirenti
Maria Angela Suraci
Leone Venticinque

CANDIDATO PRESIDENTE FABRIZIO MICARI

Pd – Partito democratico Micari presidente
Anthony Barbagallo
Antonino Caruso
Pieruccia Castiglione
Sebastiano Catalano
Mario Di Fazio
Elena Ragusa
Antonio Rubino
Luca Sammartino
Maria Sanfilippo
Grazia Schilirò
Anna Siena
Elia Torrisi
Angelo Villari

Sicilia futura
Nicola D’Agostino
Carmelo Coppolino
Agatino Giuseppe Lanzafame
Andrea Messina
Alessandro Tornello
Marco Sinatra
Salvatore Pinzone
Giuseppe Conti
Rossana Mobilia
Mirella Catania
Danilo De Luca
Teresa Pizzo
Maria Grazia Vinciguerra

Alternativa popolare – Centristi X Micari
Marco Forzese
Simone Amato
Giuseppe Carciotto
Sebastiano Condorelli
Agatina Di Prima
Graziella Giangreco
Giovanni La Magna
Rosalba Mineo
Venera Rigano
Rosario Sorbello
Giovanni Tolomeo
Carmelo Zermo
Licia Dimino

Micari presidente

Antonino Venturino
Giuseppe Caudo
Lucia Aparo
Salvatore Di Maria
Salvatore Fazio
Antonio Leanza
Antonio Licciardello
Natascia Palermo
Concita Lombardo
Corrado Peligra
Mario Santagati
Filippo Vitale

CANDIDATO PRESIDENTE NELLO MUSUMECI

Diventerà bellissima

Salvatore Adornetto
Giuseppe Arena
Giovanni Barbanti
Marcella Barraja
Ernesto Calogero
Maria Valeria Contadino
Sabrina Arianna Crocitti
Giovanni Grasso
Francesco Longo
Carla Agata Erika Loreto
Antonino Musumeci
Angelo Sicali
Giuseppe Zitelli

Forza Italia

Marco Falcone
Alfio Papale
Rosa Maria Baiamonte
Mario Cantarella
Antonio Castro
Letterio Daidone
Maria Carmela Manenti
Valentina Manuele
Riccardo Pellegrino
Alessandro Porto
Giorgia Rubulotta
Antonino Sinatra
Carmelo Tagliaferro

Udc

Alfio Barbagallo
Gaetano Benincasa
Giovanni Bulla
Paolo Ferrara
Roberta Musumeci
Francesco Petrina
Ketty Rapisarda Basile
Giulia Rapisarda
Vito Rau
Carmelo Sgroi
Virginia Silvestro
Ivana Spataro
Santo Trovato

Nello Musumeci Presidente (Fratelli d’Italia – Noi con Salvini)
Gaetano Alba
Gaetano Alberto Cardillo
Anastasio Carrà
Gaetano Galvagno
Cristina Grasso
Antonia Malfitana
Carmelo Nicotra
Christian Paratore
Anna Maria Patania
Salvatore Scaletta
Loredana Grazia Turchetti
David Simone Vinci
Rocco Zapparrata

Popolari e autonomisti:

Pippo Compagnone, Salvo Giuffrida, Giusi La Cava, Lucrezia La Paglia, Claudia Mamazza, Paolo Murabito, Salvo Polizzi, Santo Primavera, Consolazione Rapisarda, Nico Sofia, Giuseppe Toscano, Gianfranco Vullo, Filippo Privitera.

0 913

ZTL h.24 Via Ruggero Settimo (tratto compreso tra p.zza L. Vigo e p.zza Duomo) – P.zza L. Vigo (dal civico 10 al 12) – P.zza Duomo – Via Davì (tratto compreso tra p.zza Duomo e p.zza Mazzini) – Via Cavour (tratto compreso tra p.zza Duomo e via Alessi) – via Topazio, via Santo Stefano – via Romeo (tratto compreso tra via Galatea e via Lancaster) – via Petralia – via Lancaster – P.zza  Lionardo Vigo (nei tratti compresi tra via Lancaster e via Ruggero Settimo e tra via Lancaster e via Angelo Raffaele).

ZTL dalle ore 16.00 alle ore 21.00 (tutti i sabati, domeniche e festivi) C.so Umberto (tratto compreso tra Largo XXV Aprile e via P. Vasta) – via Nicolosi (tratto compreso tra via Galatea e c.so Umberto) – P.zza Cappuccini (dal civico 5 al civico 17 dove è consentita la sosta dei residenti degli stessi civici) – via Roma – via Tono

ZTL revocata in c.so Savoia e p.zza L. Vigo (area antistante la Basilica e le relative vie connesse).

Revocato il divieto di circolazione per gli autobus di linea urbana ed extraurbana con numero di posti superiore a 24 + 1 (conducente) lungo la corsia riservata di via Vittorio Emanuele II nel senso di marcia da sud a nord e su c.so Savoia (tratto compreso tra c.so Italia e p.zza Duomo), limitatamente all’orario antimeridiano compreso tra le ore 6.00 e le 15.00.

Confermato il divieto di circolazione agli autobus di linea urbana ed extraurbana  con numero di posti superiore a  24 + 1 (conducente) dalle ore 00.00 del 25 settembre 2017 lungo la corsia di marcia riservata di via Vittorio Emanuele II nel senso di marcia da sud a nord e su c.so Savoia (tratto compreso tra c.so Italia e p.zza Duomo), nelle ore pomeridiane comprese tra le 15.00 le ore 6.00. In tali orari gli autobus di linea urbani ed extraurbana con numero di posti superiore a 24 + 1 (conducente), provenienti da sud e diretti al nord, accederanno in città percorrendo la Statale 114 – Orientale Sicula, via Aquilia Nuova e faranno capolinea in p.zza Livatino, mentre quelli provenienti da nord, faranno capolinea in p.zza Livatino per poi proseguire lungo c.so Italia. Resta fermo il capolinea in p.zza Agostino Pennisi.

(red)