Bari-Acireale: comunque vada, è la giusta vittoria degli “ovunque tu sarai”

307

Tensione? Tanta. Ansia? Molta. Speranza? Quella sempre. La certezza? Comunque vada, sarà una festa. Aria di calcio, calcio vero, quello storico, blasonato e di un certo spessore. Quello che più, oggettivamente parlando, si addice alla storia del calcio granata. Era giusto il 2006 quando, dopo un’amarissima retrocessione, arrivò pure la sentenza del fallimento. Ma si riparte, testa bassa e pedalare, perchè alla fine tutto tornerà. Passeranno anni, ancora anni, forse decenni, ma tutto prima o poi tornerà. Intanto, però, si cade in uno dei punti più bassi della storia del calcio acese: la Promozione. Sarà l’Acireale dei vari Nello Leonardi e Loris Papa solo per citarne alcuni, ma sarà soprattutto l’Acireale di tutti quelli che “ovunque tu sarai” lo avranno come stile di vita da lì in avanti e non come semplice coro da stadio.

Promozione, poi eccellenza, quindi la serie D conquistata con Madonia ed Esposito. Poi ancora e ancora agonie. Troppo facile amare i colori di una maglia solo quando questi arieggiano sui prati verdi, quelli di stadi di un certo spessore e di una certa cultura. Il Tifoso, quello con la T maiuscola, segue ed ama il proprio coloro OVUNQUE e COMUNQUE. E quindi saranno solo in pochi a poter raccontare di aver seguito l’Acireale anche nei momenti meno canonici, quelli dei campi in terra che colori come il granata non vedevano da una vita. Forse addirittura mai. Quindi, quasi tredici anni dopo, ecco Bari ed il San Nicola, uno degli stadi più prestigiosi dell’intero panorama calcistico italiano. E proprio Bari ed il San Nicola saranno il giusto e meritato premio per tutti colori che per l’Acireale ci sono sempre stati, ovunque. E allora si, ecco perchè comunque vada sarà una festa.

Probabile formazione, si va verso la formazione tipo: Biondi; Iannò, Campanaro, Gambuzza, Talotta; Aprile, Mazzone; Manfrè, Savanarola, Madonia; Manfrellotti. In difesa non è però da escludere l’impiego dal 1′ del più esperto Raucci. Alla vigilia del match intanto, queste le parole del tecnico Romano sulla pagina facebook ufficiale della società acese: «Domani abbiamo una gara difficile e complicata, lo sappiamo – spiega il tecnico granata. Il Bari ha una squadra costruita per stravincere questo campionato e con un budget più che importante. Per forza ha questa squadra, ma noi andremo li per fare la nostra partita, consapevoli dei nostri mezzi e sperando di fare una buona gara. Anche per dare soddisfazione a tutti coloro che ci seguiranno, che saranno molti. Quindi speriamo di regalare loro almeno una prestazione di livello. Si incontrano due squadre che hanno avuto storia e blasone e – conclude Romano – l’importante sarà far divertire la gente con una prestazione all’altezza».

Giorgio Cavallaro