CARE MAMME FORTUNATE

481

Avere la fortuna di essere madre è un dono, un miscuglio di sentimenti,gioia, paura e si pensa di essere state prescelte, il cuore si scioglie solo al pensiero che un esserino cresce dentro di noi.
Con il progetto del libro “Noi Tutti Incuso” abbiamo imparato a conoscere delle mamme meravigliose che hanno fatto della vita dei loro figli il loro vivere.
Ognuna di loro che sia ormai adulta o giovanissima ha avuto a che fare con situazioni che all’inizio sono sembrate insuperabili come a volte capita con la disabilità di un figlio.
Mamme compresa anche la mia che hanno immaginato un giorno di camminare mano nella mano al proprio figlio per poi un giorno poterlo lasciare andare correre verso la vita da solo.

Ognuna di loro ci ha messo un po ad accettare la condizione del proprio figlio e io prendo l’esempio di mia madre che per mesi e mesi è rimasta in silenzio a guardare mio fratello, senza rendersi conto che intorno a se avesse altri figli e che anche con loro avrebbe dovuto condividere il suo dolore, invece l’ha fatto solo suo fino a riuscire dopo un po di tempo a metabolizzarlo e a riuscire a reagire.
La stessa cosa è capitata alle mamme dei 10 protagonisti del libro, chi più, chi meno ha preso il proprio tempo per capire quel tipo di dolore lancinante che sentivano dentro e che non savano spiegarsi, c’è chi ha reagito subito, chi invece ancora si fa delle domande e si chiede un perchè.

Non si può capire quanta forza possa abitare dentro il corpo di una madre di un bambino speciale che ha bisogno di lei, non si può spiegare a parole quanto potente possa diventare l’amore di queste madri capaci di superare limiti, silenzi e parole non dette.
Sono rinate insieme ai propri figli e grazie a loro hanno saputo di avere quella forza che li accompagnerà per tutta la loro vita.
A tutte loro, compagne di questo bellissimo percorso, qualcuno ha assegnato un compito, quello di vivere e misurarsi con le proprie capacità, vivere e portarsi dentro un immenso dolore contro cui bisogna lottare ogni giorno fino a quando si diventa curvi e con i capelli bianchi come mia madre e come la mamma di Angela, di Mario, di Salvo che sono le più adulte tra tutte le altre.
Le più giovani riescono pure a sorridere e fare di quel loro dolore motivo di forza, di lotta e sono i loro figli che tengono per mano queste madri bellissime e coraggiose.

Un genitore scrive: “Cari genitori, è una grande fortuna quella che ci ha riservato il destino.
Quale grande fortuna abbiamo avuto a meritarci di essere stati messi davanti a questa altissima forma di insegnamento. Io dico non c’è premio più grande di stare, vivere con affetti che sono a volte così distanti e felicemente diversi da tanta ignobile umanità..”

È vero alcune di queste mamme non hanno mai potuto camminare mano nella mano con il proprio figlio, altre non possono farlo ora ma tutte hanno vissuto insieme a loro lo stesso dolore e lo hanno fatto tenendosi per mano e lo continueranno a fare per tutta la vita, tenendosi sempre stretta quella mano nella propria.

AUGURI A TUTTE LE MAMME SPECIALI CHE MI HANNO FATTO CAPIRE ANCORA DI PIÙ I TANTI SILENZI DELLA MIA.

(Graziella Tomarchio)