Carnevale, “domenica è sempre domenica.”

ACIREALE – Chiudono i Kolors la domenica di carnevale ad Acireale. I carri si esibiscono con grande partecipazione e stupore degli spettatori, la tribuna adiacente la villa Belvedere si riempie di visitatori per ammirare le creazioni dei maestri carristi acesi.

La domenica con le buone condizioni metereologiche è sempre domenica come ripeteva un vecchio refrain di Mario Riva. La sigla del “Musichiere”, trasmissione televisiva della fine degli anni ’50, nel finale faceva così. “Domenica è sempre domenica e ognuno appena si risveglierà felice sarà e spenderà sti quattro soldi de felicità”.

“I quattro soldi di felicità” sono la novità di questa edizione del 2019. Il ticket d’ingresso per tutti i non residenti acesi, che ha registrato numeri di cui ancora non conosciamo l’esatta portata. Nella previsione e nella speranza della Fondazione del Carnevale è stato previsto un incasso di quasi mezzo milione di euro che doveva essere il frutto della vendita di centomila biglietti e decimilia abbonamenti. Una scelta che è stata motivata con il continuo ridursi dei contributi pubblici e con la ricerca e la proposizione di un calendario di spettacoli di livello superiore rispetto alle passate edizioni. Eperimento mai fatto prima nella storia del carnevale, una novità che ha prodotto un fitto dibattito tra i cittadini e fin dentro l’aula consiliare. Ricordiamo passaggi importanti come quello della dimissione del collegio dei revisori dei conti, come la conferenza stampa a seguito della tragedia del mare che ha inghiottito a S. Maria la Scala tre giovani acesi. Insomma come ogni grande evento vi sono polemiche e dibattiti in libertà ma quello che resta come punto fermo del carnevale sono le fantastiche opere dei maestri della cartapesta acesi. Delle vere e assolute eccellenze, concentrato di creatività e tecnologia, di tradizione e progresso.

Martedì si chiuderanno le manifestazioni carnevalesche. Il tempo è stato clemente dando così una spinta importante per un successo di pubblico. Rimane da capire come è andata dal punto di vista economico questa edizione e dall’analisi dei numeri sarà chiaro se si proseguirà sulla strada intraprea o se saranno necessari dei correttivi alla formula voluta dal cda della Fondazione del Carnevale di Acireale.

(mAd)