Storia Acese

0 751

Nasceva in Acireale  il 14 novembre del 1801 ,Studiò presso l’Università di Catania, conseguendo la laurea in Filosofia e Matematica. Nel 1829 vinceva il concorso per la cattedra di Fisica generale nello stesso ateneo, fu Ispettore Generale dei Ponti e delle Strade della Provincia di Catania, Messina e Siracusa. Nel 1861 progettava l’Albergo degli Invalidi (odierna Oasi Cristo Re) Nel 1862, mutati gli ordinamenti degli studi ebbe conferita la cattedra in Meccanica razionale e Geodesia teoretica. Nel 1875 con gli Ing. Prima e Cocuccio progettava l’allargamento della via Musmeci nel tratto Piazza Davì – Piazza San Sebastiano. Si spegneva a Catania il 14 marzo del 1891

Fu professore emerito e socio fondatore dell’Accademia Gioenia di Catania. La strada dove era situata la sua abitazione, nel centro storico della città etnea, porta il suo nome. Anche la sua città natale lo ricorda intitolandogli una via del centro storico.

FONTI:

Wichipedia, Università di Catania – facoltà di fisica, Imago Urbis – Gravagno – Scaccianoce

0 266

La città di Aci partecipava ai  Parlamenti Generali del Regno in quanto Città demaniale. Nel parlamento generale di Messina del 1639 si stabiliscono nuove tasse e appare per la prima volta nel regno l’uso della carta bollata.vicere-luigi-moncada-duca-di-montalto-1639

Duca di Montalto

Alli 23 di Febbraro 1639 si fece il Parlamento Generale in Messina e per pagare li donativi fatti dal Duca di Montalto fu necessario imponersi una gabella sopra sopra tutti li negotii di comprare e vendere e si havessero di pagare tarì 2 al Re per ogni onze 100 di negozio che si facesse; e si chiamasse la gabella delli duoi per cento . Dippiù si tentao una cosa non mai intesa nello Regno, cioè di bullare la carta. Et si costituijo che un foglio che vale grano uno, per li  negozii ordinarii delle Corti e per fare li libri delle Corti si comprasse con la bolletta di grana tre per foglio – per fare patenti di officii valesse tarì uno – per altri negozii più gravi valesse un foglio tarì due – più importanti, tarì quattro; et ad summum un foglio valesse tarì sei; et tutti quelli che facevano negotii nelle Corti si havevano di servire di detta carta bollata, sotto pene ardue, e di non volere nè potere ricevere scrittura li ufficiali delle Corti, che non fosse suggellata. Solamente erano franche di detta carta le porsone ecclesiastiche le quali si potevano servire della carta ordinaria nelle sue Corti; ma nelle Corti seculari, facendo lite con seculari e in pigliare copie di atti, si havevano da servire di detta carta bollata. Della ordinaria solamente se ne potevano servire gli ecclesiastici quando li seculari, per fare lettere e negotii di casa lor. Di queste gabelle fu accettuata la città di Messina con il suo distretto, per havere fatto donativo separato a Sua Maestà

cronache del Sac. Dott. Tommaso Lo Bruno – Per la storia di Acireale del Can. Vincenzo Raciti Romeo

0 322

Le continue infestazioni dei corsari divenuti padroni dei nostri mari determinarono nuovamente il vicerè a riunire l’esercito per allontanarli dal regno. Però, essendo grande il numero dei Cristiani caduti in mano dei Turchi, il 10 aprile 1562, egli impose ai Giurati di Aci e degli altri comuni dell’Isola di riunire in giorno di domenica il popolo nella chiesa maggiore e celebrata ivi la messa solenne, esortare i cittadini a raccogliere elemosine per la Redenzione dei captivi. Indi ordinò di mettere in ordine a punto di guerra le milizie per la custodia delle marine minacciate dall’armata del  turco et de vaxelli di corsali de Legeri (Algeri) de Barbaria, . . . in ordine per uxire a danno de li regni et domini di sua Maestà. In esecuzione di questi ordini il capitano e giustiziere Pietro Morene del Palayo,, con bando del 23 aprile ordinò che il 26 fosse tenuta nella mayori Ecclesia di Aquilia chiamata la Nunciata la riunione del popolo per la pia Opera della redenzione degli schiavi, e siccome, attesa la carestia di quell’anno e la povertà dei cittadini, non si riuscì a raccogliere elemosine, fu riunito il 10 maggio un consiglio estraordinario per trovare denaro per l’opera sì pietosa. In questa riunione furono tutti concordi nello accettare il voto del capitano, che il comune anticipasse 50 scudi alla deputazione di quest’opera, con diritto di riscuoterli nella prossima gestione degli abitanti del territorio.

Can. Vincenzo Raciti Romeo – Aci nel secolo XVI pag 157-158

0 312

La Pinacoteca Zelantea, una delle più ricche collezioni  di opere esistente nella nostra regione. Opere accumulate nel corso dei secoli, grazie a lasciti e legati testamentari. Uno di questo lasciti è descritto dal dott. Alfio Fichera attraverso un articolo apparso sul “Popolo di Sicilia” nel lontano Agosto 1934.

Il signor Ignazio Rossi, figlio del comm. Andrea, che tutti ricordano con riverente memoria, ha donato al signor podestà, per arricchire la nostra Zelantea di opere che riguardano le vicende storiche della città, alcuni documenti antichi. Ha donato pure una tela del pittore Antonino Bonaccorsi, detto Chiara, che visse nella nostra città nel secolo scorso e che fu artista di valore e ritrattista rinomato. La tela raffigura l’ava del donatore e fu eseguita nel 1876. E’ veramente assai fine e pregiata ed è uno dei più riusciti ritratti usciti dal pennello del Bonaccorsi. I documenti antichi sono i seguenti: una copia del privilegio dell’imperatore Carlo V che accordava ad Acireale la Fiera di Santa Venera, manoscritto del 1620, copie di lettere del delegato per la Fiera di Santa Venera, manoscritti del 1620, altri documenti riguardanti la Fiera che parlano della prima fondazione della chiesa di Santa Venera al Pozzo. Segnaliamo il gesto nobilissimo con l’augurio che venga imitato

dal “Popolo di Sicilia”, 30 agosto 1934

Ritratto della Signora Rossi

olio su tela

La N.D., elegante nella sua bella acconciatura a boccoli, e nel suo abito a strascico, ci appare in una  posa un po’ fredda, di circostanza. L’ambiente è un interno con pareti grigie e fiorami il pavimento in prospettiva vuole dare un illusione di profondità. La tela fu eseguita nel 1876.

nota del prof. Matteo Donato – Pinacoteca Zelantea di Acireale

0 293
EPSON scanner image

Dopo il trionfo del Congresso Eucaristico del giugno 1913, mons. Arista suo malgrado fu trascinato in una feroce polemica politica, causata dal sospensione dell “expedit” a favore del barone Giuseppe Pennisi nelle elezioni politiche dell’autunno 1913. Il presule, dopo un periodo di silenzio, scriveva una lettera pastorale al popolo acese.

Lettera pastorale di S.E. Rev.ma Mons. D. Giovanni Battista Arista Vescovo di Acireale per la Quaresima del 1914. Acireale, Tip. Orario delle ferrovie, 1914.

Ed ora, discendiamo dalle serene altezze ove i ricordi del Congresso ci hanno trasportato; e, pur restando ai piedi del Tabernacolo, rivolgiamo la nostra attenzione sull’altro avvenimento che commosse tanto la nostra città e diocesi, le elezioni politiche.

Mai come questa volta, a mia memoria, si era assistito nella nostra città ad una lotta così accanita tra due partiti avversi. Le avvisaglie cominciate da tempo andaron crescendo sempre più all’avvicinarsi delle elezioni; ed Acireale, tanto distinta per la sua moderazione, si vide trasformata in un vero campo di battaglia.

Io rifuggo da ogni apprezzamento, di partiti e più da ogni apprezzamento di persone; son ben’ altre le considerazioni che voglio proporvi.

Però, è necessario che io faccia alcuni rilievi, per quanto il farlo mi rinnovi amarezza nell’anima.

Voi sapete, come per le elezioni politiche in Italia vige una legge precisa data ai cattolici dalla S.Sede, per la quale il partecipare alle urne “non expedit”; formula che , secondo una dichiarazione autentica , contiene un vero divieto.

Questa legge, o questo divieto lega le coscienze; ed è vana cosa il cercar sotterfugi o ripieghi per credere altrimenti. La S.Sede, e la S.Sede soltanto, per ragioni altissime, che non e’ dato a noi scrutare e tanto meno discutere o censurare, può sospendere o modificare tale legge.

Orbene, è un fatto doloroso che l’ardore della lotta politica turbò talmente l’animo di tanti, che pur si riconoscono buoni cattolici, da far loro dimenticare questa legge; e furon molti e molti quelli che impigliati nella lotta, la disprezzarono.

Questo fatto sarebbe stato grave da per sè; ma si rese ancora più grave allora quando dall’Unione Elettorale Cattolica Nazionale, che è organo autentico della S.Sede, venne la designazione del candidato che si proponeva ai cattolici, con che, implicitamente, veniva loro a sospendersi il divieto di poter lavorare in favore di quel candidato, e quando poi venne la sospensione effettiva del non expedit, con che i cattolici si licenziarono alle urne, esclusivamente in favore del candidato proposto.

Non ho bisogno di ricordare quel che avvenne in quei giorni. La passione dell’animo dei dirigenti in lotta si trasfuse in quello delle masse popolari; e Acireale fu come invasa dallo spirito di parte, che , rompendo ogni misura, fece perdere anche a gente giudicata seria, ogni equilibrio nel pensare, nel dire, nel declamare, nello scrivere. E in quei giorni, sì che mi tornarono in mente quelle parole che tante volte mi ripeteva nei giorni del Congresso l’amabilissimo Mons. Arcivescovo Bignami: “attento Monsignore, che il demonio vorrà vendicarsi del trionfo che Acireale ha saputo preparare a Gesù Cristo Eucaristia; se l’aspetti qualche grosso guaio; ma quando sarà venuto, ne riconosca l’autore”.

E il guaio grosso che preparava il demonio contro Acireale e il suo Vescovo, come sfogo di sua vendetta pel Congresso Eucaristico, io l’ho riconosciuto in questo inferno suscitatosi in mezzo a noi in occasione delle ultime elezioni.

Chi avrebbe più riconosciuto il popolo devoto acclamante a Gesù in quelle moltitudini tulmultuanti col grido di viva o di abbasso, diretto a questo e a quel candidato contendente?

O il buon popolo mio! Io l’amo tanto, e conosco quanto grande sia la bontà del suo animo, quanto profonda la sua religiosità, quanto vero il suo rispetto pei sacerdoti, pel Vescovo, per la S.Sede, pel Papa.

Eppure, debbo io ricordarlo?…NO. no, che tutto ho già dimenticato; e a me, anche ora, anzi, ora precisamente, piace proclamare ad alta voce che il mio popolo bisogna giudicarlo non dalle giornate di elezione, ma sì dalle giornate eucaristiche del Congresso.

E’ così, lasciate che dica tutto il mio pensiero, che sento risponde a verità. E il mio pensiero è questo: le agitazioni del popolo, gli eccessi dei capi che guidarono il popolo, e l’opera di coloro, che , o mascheratamente, o apertamente, seminarono con parole o stampe idee storte e sovversive nel popolo ( e sono costoro i veri responsabili!) dimostrano come sia penetrato anche fra noi quello spirito di insubordinazione e d’indipendenza che tenta scuotere la soggezione dovuta alle legittime autorità, nel che sta  risposta la nota dominante di quel modernismo condannato solennemente dal Papa

Sì, è penetrato fra noi!

Che direste voi di parole come queste, dette a me nei giorni turbinosi delle elezioni: ” che vuole, Monsignore; i tempi camminano, e camminano tutti… è legge cui sarebbe vano contrastare; anche il clero cammina coi tempi”.

Quali parole, mio Dio! Quasi che il progredire dei tempi abbia possa di cambiare la natura delle cose, o di mutare l’essenza delle virtù, o di scuotere le basi della gerarchia, o di rovesciare i diritti dell’autorità, e di quale autorità!… della Chiesa di Gesù Cristo.

E questo si chiama camminare coi tempi! Dunque non sarebbero ribelli coloro che volessero camminar così da trascinar dietro di sè e Vescovi e Papa, mal soffrendo che Papa e Vescovi pretendano ancora, mentre i tempi camminano, obbedienza e rispetto?

L’autorità della Chiesa!

Lasciate, lasciate che dai piedi del Tabernacolo ve la dica una parola, chiara e forte, come ha dovere il dirla un Vescovo, custode della verità. Chi è cattolico, apostolico, romano, non verbo neque lingua ma opere et veritate, riconoscere nell’autorità della Chiesa, Gesù Cristo medesimo, e come a Gesù Cristo obbedisce.

La Chiesa! Ma sarà forse un nome vano o di cosa astratta, cui non corrisponde persona viva che abbia voce da far sentire i suoi ordini? Ma è la Chiesa che parla quando parla il Papa, che della Chiesa è il capo venerato.

E parla il Papa, quando parlano gli organi ufficiali da Lui costituiti e preposti alla direzione di questo o di quel ramo di azione nella Chiesa Cattolica.

Chi ha dato a noi il diritto di misurare fin dove giunga l’autorità del Papa per limitare l’obbedienza che da noi gli è dovuta? Chi ha dato a noi il diritto di limitare al Papa la facoltà di costituire direzioni e presidenze, dicasteri e congregazioni nel regime così complesso e vario della chiesa cattolica? E che,? Forse possiamo noi dire al Papa: “Santo Padre, parlateci Voi quando volete da noi obbedienza; ma non ci parli alcuno in vostro nome, quand’anche l’aveste Voi rivestito di autorità”?  Ma non sapete che si mostra più devoto al Principe chi rispetta l’ultimo dei suoi vassalli e chi segue gli ordini da costui emanati in nome del Principe, anzichè quell’altro che non si piega  nè obbedisce, se non è il Principe in persona che direttamente gli dà i suoi ordini? Ma questa è cosa ovvia. anche nel regime di famiglia è così, I padri e le madri pretendono che i figli obbediscano anche ai servi quando ai servi lasciano ordini che riguardano i figli. Guai se dovesse essere altrimenti. La ribellione, il disordine, la disorganizzazione sarebbero inevitabili, E credete che possa concepirsi vera obbedienza al Papa, quando si dovesse ammettere la discussione sugli ordini che le autorità costituite dal Papa danno in nome del Papa?

Sentite: in una udienza particolare accordatami, il S.Padre mi domandò se il clero e il popolo della mia diocesi portassero rispetto e prestassero obbedienza al proprio Vescovo; e subito soggiunse: ” a me preme sapere questo perchè questo è l’indice più sicuro per conoscere se portano rispetto e prestano obbedienza al Papa. Il Papa sta tanto lontano…ed è facile dire: noi rispettiamo il Papa”.

Così è, fratelli e figliuoli amatissimi; chi ama il Papa e al Papa presta obbedienza, riconosce il Papa, vuol dire l’autorità. Chi ama il Papa e al Papa presta obbedienza, non discute, nè tanto meno sottilizza, né tanto meno snatura gli ordini che dal Papa promanano. E l’obbedire a tali ordini antepone ad ogni interesse, ad ogni umano riguardo; poichè sopra gli interessi ed i riguardi umani c’è la coscienza che grida: chi è col Papa è con Dio.

Si lascino per carità, le recriminazioni e le accusa…quel volere ascrivere a raggiri indegni gli ordini della suprema autorità… quel voler mettere in evidenza la inopportunità degli ordini da essa emanati…e, lasciatemelo dire, quello screditare le altre autorità, forse pure quella del Vescovo, declamando che noi si vuol prestare rispetto all’autorità della S.Sede e del papa; ma che ne discutiamo e ne disprezziamo gli ordini, solo perchè li giudichiamo provocati da falsi informazioni.

No, no fratelli amatissimi, non è questo il rispetto che si  deve alle autorità. Ricordatevi; il S. Padre misura il rispetto e l’obbedienza che si porta al Papa dal rispetto e l’obbedienza che si porta al Vescovo, e così ad ogni altra autorità legittimamente costituita.

Non credo che pensiate che io voglia con ciò difendere la mia persona. So quel che valgo! Sono assai povero ed assai indegno del carattere episcopale che mi riveste e dall’altissimo ministero che mi è stato confidato. Ma son Vescovo! E se disprezzare in me il Vescovo sarebbe , senza meno, empietà.

Padre nostro è il Papa, e padre tenerissimo che vive di preoccupazioni e di pianto per guidarci a salvezza e per custodirci dai nemici – quanti nemici! –  che l’errore e col vizio tentano di trascinarci dall’ovile di Gesù Cristo.

E noi figli del Papa che ne ascoltiamo la voce e in ogni occasione gli protestiamo obbedienza e rispetto, ci lascerem trascinare dalla foga dei partiti per amareggiargli il cuore e spremergli dagli occhi nuove lacrime, dandovi nuovi dolori? Ma non sappiamo noi che per letiziare la Chiesa, nostra madre, bisogna obbedire al Papa, che è nostro padre: qui oboedit patrem, refrigerabit m<atrem. (Eccl, III. 7)?

Fratelli e figliuoli amatissimi, se vi ho parlato delle elezioni politiche, dopo di avervi parlato del Congresso Eucaristico, in questa mia lettera pastorale, non l’ho fatto senza riflessione. Egli è per dirvi: Gesù Cristo come è fondamento della nostra fede, così ha da esserlo la nostra vita. Chi vive di fede, e questa fede alimenta con l’Ostia di Gesù, non dimentica alcuno dei suoi doveri, anche nelle contingenze più difficili della vita privata e della pubblica.

E noi li abbiam forse dimenticato! Ebbene ritempriamola la nostra fede ai piedi di Gesù, e ricordiamoci che se il giusto vive di fede, ciò vuol dire che la vita del giusto deve essere e deve rivelarsi sempre ispirata e sostenuta dalla fede dalla fede medesima, deve essere e deve rivelarsi sempre ispirata e sostenuta dalla fede medesima.

Giovanni Battista Arista Vescovo +

Memorie e Rendiconti in mons. Arista, le “politiche” del 1913, i circoli, ad Acireale.

 

 

 

0 540

L’attività amministrativa, in quell’anno, era alquanto sonnolenta, molte chiacchiere e pochi fatti concreti ad eccezione del cambiamento del nome della via Belvedere in corso Umberto I (il Re era stato ucciso l’anno prima) , della progettazione dell’impianto di illuminazione elettrica all’interno del giardino Belvedere, dove erano stato completati i lavori delle conduttore dell’acqua, della demolizione di alcune vecchie abitazioni all’inizio del corso Umberto I ( zona Putieddi). Le strade si presentavano alquanto sporche e piene di immondizie, i netturbini erano solo quattro unità con un solo carretto disponibile. Notevole era la carenza di acqua potabile a causa dalle condutture in argilla ormai logore che causavano enormi perdite. L’uso delle cisterne, esistenti in tanti cortili e abitazioni, garantivano l’acqua, ma di discutibile potabilità.  Il modesto bilancio comunale non assicurava neppure i servizi necessari ed era sempre oggetto di vivaci dibattiti in consiglio (che si riuniva a cadenza settimanale). La novella giunta del Cav. Giuseppe Coco era in piena crisi amministrativa, crisi aggravata dall’imminente assegnazione dell’appalto del dazio, dell’appalto della pubblica illuminazione elettrica e alla polemica relativa all’istituzione del tribunale.

dal libretto “Acireale negli anni 1901-1910 del dott. Salvatore Rizzo” , editrice Galatea anno 1986

0 348

Il vicerè de Vega ordina agli ufficiali delle città e terre demaniali che il maestro giurato del Regno in corso di visita debba essere alloggiato presso la piazza principale per permettere una celere verifica dei conti.

Jesus

Carolus te Johanna

Vecerex in regno Sicilie, Megnificis capitanijs juratis et alijs officialibus civitatum et terrum demanialium regni eiusdem fidelibus regijs dilettis salutem. Convenendo al servizio de sua maestà et beneficio di quessi universitati per la celeri visioni de li conti di quelli che lo m.co m.ro jurato se habbia di apposentare in loco propinquo et vicino a la piaza dove si trovano facilmenti li debitori, gabelloti, magazinieri , collettori et subditi a sua jurisditione. Et apposentandosi per voi in loco distante de la negociatione di quissi citati et terri, con molta difficultà se ponno  retrovari dicti officiali et debitori che deveno negociare innanti suo officio et il suo portero fa molta dimora a retrovarle. Pertanto per li causi et respecti preditti vi dicimo et comandamo expresse che vogliate proveder et apposentare a detto m.co. m.ro jurato in loco vicino de la piaza et negociatione fando injunctioni et constringendo cum effectu a li patroni de li casi che saranno comodi.

[…] ditto m.co m.ro jurato [per ser]vitio de suo pfficio come è detto d[…] et perchè cossì conmene al prefato servitio et beneficio di quessi universitatiper le celeri expeditione di detti conti. Date Messane die ij° septembris XI° ind.s 1552

Joan de Vegha

Vidit thesaurarius                                                                                     Johannes Sollima et pro cons.

                                                                                                                 Don Philippus La Rocca

Nihil pro regio servitio                                                                             de Saccano

Carbonus taxator

Dominus vicerex mandavit mihi Francesco de

Aurello m.ro notario visa per Joannem Sollima

et pro officio conservatoris, don Philippus La

Rocca thesaurarium et de Saccano

Doc.40 Liber Privilegiorum Civitatis Jacis (pag 174)