Liberi Navigatori
Contributi e Segnalazioni dei navigatori acesi

0 1149

Le attività di informazione e sensibilizzazione sulla lotta al femminicidio promosse dal consigliera comunale Sabrina Renna sono state apprezzate dai comuni dell’hinterland ed in particolare dal comune di Biancavilla che questa mattina (24/11/2017)  ha ospitato in veste istituzionale il consigliere acese per una bella manifestazione organizzata dalle scuole elementari e medie.

Emozionante l’incontro tra Sabrina Renna e la famiglia Salomone la cui figlia Valentina è stata trovata senza vita il 24.07.2010 presumibilmente per un caso di femminicidio in corso di accertamento da parte della procura di Catania. La famiglia Salomone, invitata per l’occasione, sarà presente domani in piazza Santa Chiara per dare la propria testimonianza al banchetto tenuto dal Comune e dalla Polizia di Stato.

Dichiara la consigliera comunale Sabrina Renna: “Sono contenta che il lavoro che abbiamo svolto con umiltà e rigore nell’informazione al tema sia stato recepito da tanti mondi con sensibilità diverse. Ci siamo rivolti alle scuole, alle forze dell’ordine, alle associazioni, alle famiglie ed alla comunità che si stanno facendo autentici portavoce di un messaggio di rispetto in tutte le forme della femminilità e della dignità delle donne. Grazie al Sindaco e all’assessore D’Anna per il supporto offerto sempre con consapevolezza e condivisione”.

(red)

0 738

Gentilissima/o cittadino della Città di Acireale, il Dipartimento di Ingegneria Civile ed Architettura dell’Università degli Studi di Catania ha ricevuto l’incarico di assistere l’Amministrazione Comunale di Acireale nelle procedure di partecipazione pubblica per il Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). Il PGTU è uno strumento di pianificazione dei trasporti di breve termine (2 anni) che definisce le scelte fondamentali per le diverse componenti della mobilità, ovvero trasporto privato, trasporto pubblico, mobilità ciclo-pedonale e sosta.

Il processo di partecipazione del PGTU ha l’obiettivo di coinvolgere cittadini e stakeholder nell’individuazione degli obiettivi del piano e degli interventi prioritari.

A tale scopo, chiediamo il Suo contributo attraverso la partecipazione alla presente indagine, che sarà utile per ricostruire le opinioni dei cittadini acesi in tema di mobilità urbana.

Il questionario che Le proporremo è anonimo. Tutti i dati forniti saranno trattati con la massima riservatezza, memorizzati in file protetti presso l’Università degli Studi di Catania e utilizzati esclusivamente per le finalità di questo studio.

Per qualunque dubbio sul questionario o per avere informazioni aggiuntive, non esiti a mandare un’email ai seguenti indirizzi: ginturri@dica.unict.it, mlepira@dica.unict.it, matteo.ignaccolo@unict.it.

 

PER DARCI IL TUO CONTRIBUTO COPIA E INCOLLA SUL TUO BROWSER LA SEGUENTE STRINGA:

https://goo.gl/forms/pKW0PexUdaPgexYF3

 

0 232

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro per gli affari regionali e le autonomie – Per sapere – premesso che:
Gli istituti pubblici di assistenza e beneficenza ( IPAB) sono organismi di diritto pubblico esistenti sul territorio nazionale che prestano servizi socio assistenziali e sanitari a soggetti fragili, anziani, disabili e minori in situazione di disagio. Istituiti con regio decreto n. 2841 del 1923, hanno nel tempo subito numerosi interventi di riforma, da ultimo con il decreto legislativo 4 maggio 2001, n. 207;

da articoli di stampa si legge che l’Ipab Oasi Cristo Re di Acireale, uno dei centri d’eccellenza, in provincia di Catania, per l’assistenza agli anziani, al suo interno vi è anche uno dei migliori reparti Alzheimer della Sicilia, sta attraversando un momento di gravissima crisi finanziaria;

la mancanza di liquidità e la perenne insicurezza sul futuro delle Ipab sta causando ritardi macroscopici nel pagamento degli stipendi del personale: alla data odierna si è giunti al trentaseiesimo mese di ritardo, in pratica è quasi da tre anni che i lavoratori dell’Ente acese non percepiscono i dovuti emolumenti pur continuando a lavorare;

in questi giorni è nuovamente esplosa la protesta dei lavoratori dell’Ipab di Acireale, quattro dipendenti donne hanno trascorso l’intera giornata sul tetto della struttura con pochissimo cibo e un po’ d’acqua e, ancora oggi non sembrano volere desistere;

dopo anni in cui si sono succeduti commissari liquidatori, e numerosi tavoli tecnici con le autorità competenti, la situazione non cambia;

la Sicilia in quanto Regione a statuto Autonomo, non si è mai adeguata alla normativa nazionale, di fatti il riordino del sistema delle Ipab è iniziato con la legge n. 328 del 2000, legge quadro sul sistema integrato di servizi e interventi sociali, a tale legge ha fatto seguito il decreto di attuazione n° 207 del 4 maggio 2001, che individua i requisiti per definire la natura giuridica delle Ipab e, ne prevede a seconda delle caratteristiche, la trasformazione in aziende pubbliche di servizi alla persona o in enti di natura giuridica privata oppure l’estinzione;

tale decreto doveva essere recepito a livello regionale attraverso l’emanazione di una specifica legge di riordino, ma la Regione Sicilia a ben 16 anni di distanza dall’entrata in vigore della normativa nazionale di riforma non si è ancora espressa in tal senso:-

Se i Ministri siano a conoscenza di quanto descritto in premessa e quali misure intendano adottare, per quanto di loro competenza, al fine di sollecitare la Regione Sicilia affinché siano individuate le più opportune soluzione di composizione relative all’ Ipab di Acireale, con particolare riguardo alla regolare retribuzione dei lavoratori, nonché a dare corso alla legge nazionale volta al riordino di tali istituti.

(on. Luisa Albanella)

0 752

E’ un dono che resterà scolpito nella memoria della Città e servirà ad esaltarne la cultura e la storia. Il cavaliere Mario A. Marano, acese emigrato negli Stati Uniti da oltre 50 anni, al momento della sua morte avvenuta lo scorso agosto in New Jersey, ha donato ad Acireale 280mila dollari. Tra le volontà messe nero su bianco nel testamento, pervenuto al sindaco Roberto Barbagallo, si legge che 150 mila dollari sono destinati alla Fondazione Teatro Bellini, 100 mila dollari alla realizzazione di un’opera simbolo dell’emigrazione; 30 mila dollari alla Basilica di San Sebastiano.

 

«Tutta la Città è grata al cavaliere Marano, che ha voluto non solo fare un regalo importante ai suoi concittadini, ma darci anche delle indicazioni precise. Lui, emigrato da oltre 50 anni, non solo tornava a visitare Acireale ogni anno, ma ne promuoveva le sue bellezze e la sua storia coinvolgendo centinaia di turisti. Amava il nostro Teatro Bellini, non ha mai dimenticato il suo splendore di un tempo. Come lui ha voluto, e per nostro preciso dovere, realizzeremo un’opera che resti a memoria dei nostri concittadini che hanno portato e portano la nostra Acireale nel mondo e mai la dimenticano», dichiara, grato al benefattore e ai suoi familiari, il sindaco di Roberto Barbagallo.

Proprio la scorsa estate il sindaco aveva conferito la “Cittadinanza Onoraria” al Cavaliere Mario A. Marano, funzionario emerito della Contea di Ocean – New Jersey e presidente di numerosi sodalizi e organizzazioni statunitensi.

Il sindaco e l’amministrazione comunale di Acireale avevano deliberato il prestigioso riconoscimento nell’aprile 2017, tenendo conto della richiesta avanzata da Giovanni Tesè, consigliere d’amministrazione del Coes, con la seguente motivazione:

“Per il sentimento di orgoglio e di appartenenza alle sue radici e l’affetto che ha custodito verso Acireale, dopo tantissimi anni di lontananza dalla Città, costruendo con grande successo, prestigio e straordinari meriti la propria carriera professionale attraverso la quale ha implementato scambi culturali tra la Sicilia e lo Stato del New Jersey, gli USA e non solo, promuovendo e divulgando le tradizioni, gli usi, i costumi e la storia della nostra Città, le bellezze del nostro territorio e della sua gente, favorendo proficui scambi culturali e turistici tra le due comunità.  Per tali motivazioni ha ricevuto numerosi riconoscimenti, venendo insignito quale Ambasciatore della cultura siciliana nel mondo, prestigioso riconoscimento che sottolinea il forte vincolo tra la nostra nazione, il territorio e l’estero. La Città di Acireale, riconoscente, gli rende omaggio, orgogliosa dell’affermazione di un suo figlio nel mondo”.

Il riconoscimento è stato un segno tangibile della stima che l’intera comunità acese nutre per uno dei suoi figli migliori.

Mario A. Marano è nato ad Acireale e poco meno che ventenne, dopo aver conseguito il diploma magistrale presso l’ Istituto Magistrale Statale “Regina Maria Elena” di Acireale, insieme alla propria famiglia, è emigrato negli Usa ( New Jersey), dove ha conseguito la Laurea in Scienze Commerciali (Bachelor of Science), con il massimo dei voti e la lode presso la Montclair State University, Upper Montclair, NJ e successivamente il certificato di R.P.P.S. (Registered Public Purchasing Specialist) Rutgers University, New Jersey.

Marano ha raggiunto altissimi incarichi nella Pubblica Amministrazione del New Jersey e della Contea di Ocean.

Tra i tantissimi e prestigiosi incarichi per tenere vivo il rapporto tra gli italiani e siciliani in America e le terre d’origine ricoperti da Marano, è stato membro del New Jersey Italian Heritage Commission (Commissione del New Jersey per il Retaggio Italiano); presidente del Comitato Eventi per lo Stato del New Jersey; membro del Comitato Relazioni Internazionali; presidente del Comitato Organizzazioni e Gruppi: Ocean County Columbus Day Parade Committee, Inc., Seaside Heights, New Jersey; co-fondatore e segretario dell’Ocean County United Italian American Clubs Association; rappresentante nel New Jersey del C.O.E.S. (Centro Orientamento Emigrati Siciliani); rappresentante negli Stati Uniti: F.I.SB. (Federazione Italiana Sbandieratori), membro di Arba Sicula, Queens, New York; membro Fondatore ed Ex Presidente della The Italian American Cultural Society of Ocean County, Incluso nel “Who is Who among Italian Americans ” pubblicato da NIAF (National Italian American Foundation), Washington, DC; corrispondente Consolare per il Consolato Italiano di Filadelfia, Pennsylvania.

Marano, come componente della Commissione Statale del New Jersey per il Retaggio Italiano e in cooperazione con Gilda Rorro Baldassari, Vice Console Onorario d’Italia a Trenton, ha promosso il “Progetto Amicizia”, un programma di scambi culturali fra studenti del New Jersey e della Sicilia. Ha promosso il turismo verso l’Italia ed in particolar modo verso Acireale e la Sicilia esponendo in vari eventi la bellezza e la cultura siciliana e italiana.
(LC)

0 1342

ACIREALE – Il 28 agosto 2017 è stata composta la “giuria dei cittadini” ai fini della redazione del Piano Generale del Traffico Urbano che si riunirà per la prima volta giorno 2/10/2017 alle ore 16:00 presso il Palazzo di Città.

Insieme alla collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura dell’Università di Catania per avviare il PGTU anche una giuria di cittadini è stata selezionata per stabilire le linee guida del piano ai fini di dare razionalità alla mobilità urbana e stabilire le priorità di intervento per provare a perseguire e raggiungere una mobilità sostenibile. La Giuria è composta da 12 cittadini, selezionati tra quelli che, in risposta all’ avviso pubblico, hanno manifestato il loro interesse a farne parte.

Tempi biblici per definire la questione mobilità, tempi che si intrecciano con quella che doveva essere la realizzazione del progetto Aci Vivibile e con le tante “sperimentazioni” di ztl e di spazi pedonali interdette al traffico veicolare privato.

Oramai da anni attendiamo un piano complesso e convincente per la gestione e la razionalizzazione della mobilità, per comprendere come cambia una città quando si mette mano con raziocinio alla mobilità e per comprendere, una volta per tutte, che concordare un piano con le categorie è certamente una buona parte ma che deve, comunque, giungere ad una conclusione in tempi accettabili e non certamente con andamento lento come fino ad oggi abbiamo assistito.

Selezionati per far parte della “giuria dei cittadini” sono i signori: Panebianco Agata, Barbagallo Michele, Todaro Aldo, Arcidiacono Vincenzo, Bonarelli Silvia, Messina Salvatore, Cordio Rosetta, Massimino Giuseppa, Marino Giuseppe, Pennisi Paola e Lizzio Angelo. Ai componenti della guria dei cittadini auguriamo buon lavoro e la raccomandazione di fare presto.

A calce ricordiamo che in questa lunga filiera di partecipante manca l’assessore alla protezione civile e ai Vigili Urbani,casella ancora vuota nella giunta acese.

(mAd)

0 2794

ACIREALE – Fiera dello Jonio al centro e con prodotti selezionati ripropone anche quest’anno la formula vincente delle passate edizioni. In questi giorni si montano gli stands che ospiteranno gli operatori dei settori merceologici selezionati per la nota fiera acese. Una formula che per le passate edizioni ha riscosso i pareri favorevoli dei cittadini che hanno apprezzato il nuovo format e la nuova location.

A proposito della location e della messa in opera degli stands non mancano le contestazioni. Abbiamo sentito Pietro Litrico (esercente) e l’assessore al turismo Antonio Coniglio.

Pietro Litrico (esercente): “Trovo assurdo che per posizionare delgli stand in centro storico si debba perforare il basolato lavico, il danno si vedrà ancor di più quando verrà smontato il tutto, in questa città mi dispiace dirlo manca la cultura del bello! Ripeto è uno scempio tutto ciò che è stato fatto. P.S. Questa volta chi è il Tano di Aci di turno?”.

Antonio Coniglio ass. cultura e turismo: “Come ogni anno i tasselli degli stands vengono messi nelle fughe del basolato. Lo stesso non viene bucato ma l’intervento è nella fuga. Il basolato presenta le fughe in cemento ed è li che si perfora per l’impianto degli stands. E’ possibile che chi le vede pensa che sia stato perforato il basolato ma non è così”.

Perforazioni con polemiche e, come sempre, si spera che prevalga il buon senso e che la formula della Fiera dello Jonio al centro possa portare vantaggi agli espositori e buoni acquisti da parte degli acesi e dei visitatori.

(mAd)