One click

0 2059

Si avivcina il Natale e  devoti di S. Sebastiano di piazza Porta Gusmana sono attivi con varie operazioni sociali degni di nota. Una raccolta alimentare per i bisognosi, giocattoli per i bambini e donazione per il reparto oncologico pediatrico.

I devoti di piazza Porta Gusmana già da anni con queste iniziative intendono testimoniare la loro cristianità con azioni di beneficienza e con passione verso il santo patrono della città di Acireale. Gesti concreti e nobili finalità muovono gli animi dei devoti di S. Sebatiano.

(mAd)

0 519

PRESEPI, MERCATINI, ATTRAZIONI, CONCERTI E SOLIDARIETA’. PRESENTATO IL PROGRAMMA DELLE FESTIVITA’ NATALIZIE

Dal 7 dicembre al 7 gennaio ad ACIREALE E’ NATALE, un calendario ricco di eventi ed attrazioni organizzati dalla Città di Acireale, con la Fondazione del Carnevale e Confcommercio.

Assessore Antonio Coniglio: «Anche questo Natale ha il suo cuore nel centro storico, in piazza Duomo con la Casa di Babbo Natale e il Mercatino, l’allestimento a verde e l’illuminazione che attraversa corso Umberto, corso Savoia, corso Italia e via Paolo Vasta. Abbiamo organizzato un anno di eventi per animare il centro storico e Natale è la chiusa di questo programma. Da oltre 10 anni non possiamo immaginare un Natale faraonico, ma un Natale fato di lavoro e dignità, grazie all’impegno di tante persone, da Babbo Natale, le donne della Fondazione, le associazioni, i commercianti e le parrocchie. Il nostro percorso parte dal bel circuito di presepi Stupor Mundi, sarà arricchito dai concerti nelle chiese e da tanti momenti di solidarietà».

Assessore Adele D’Anna: «Ogni anno questa Amministrazione realizza un calendario di solidarietà all’interno del calendario delle festività natalizie. L’Assessorato alle Politiche Sociali mette in campo, in collaborazione con enti e associazioni, una serie d’iniziative per fare in modo che la comunità diventi famiglia e si ribadisca l’importanza dell’integrazione, della solidarietà e del contrasto alla marginalità”.

Mario Russo ha sottolineato l’impegno dei commercianti acesi per l’animazione del circuito del centro nel periodo natalizio.

Il presidente Antonio Belcuore ha manifestato l’apprezzamento della Fondazione del Carnevale per l’organizzazione del programma e ricordato che il calendario degli eventi 2018 si aprirà proprio con una nuova edizione del Più bel Carnevale di Sicilia.

Il sindaco Roberto Barbagallo: “La cooperazione è l’unica chiave per lo sviluppo della nostra città, che deve lasciarsi alle spalle il pessimismo. Per fare diventare Acireale città turistica, oltre agli eventi, dovremo dedicarci alle infrastrutture, ai servizi e alle peculiarità che facciano restare il turista ad Acireale. L’augurio è che possa essere un Natale più sereno per tutti i cittadini. Lo vivremo insieme nel rispetto della tradizione e non dimenticando chi sta meno bene di noi”.

(red)

0 458

Acireale – Oltre che occasione di confronto sul linguaggio cinematografico, Magma – mostra di cinema breve cerca di avvicinare registi e cineasti internazionali alle migliori bellezze e risorse del territorio. Ecco perché, oltre alle visite alle chiese di Acireale, alla fortezza del Tocco e ai crateri dell’Etna, quest’anno lo staff del festival ha organizzato, insieme a Bottega dei Monsù, un aperitivo basato sul “cavolo trunzu” di Aci (Brassica oleracea var. gongylodes)

(red)

0 2572

ACIREALE – Antonio  Castro durante la seduta del consiglio comunale del 28/11/2017: “… il tempo darà conto dell’ingiustizia da me subita, della terribile lesione al mio onore, della sofferenza mia e della mia famiglia”.

Antonio Castro: “Sono qui al consiglio comunale a testa alta…. non mi sono mai macchiato di voto di scambio”

seduta del consiglio comunale del 28/11/2017

0 432

Acireale – La sedicesima edizione di Magma – mostra di cinema breve si è conclusa ieri sera con l’assegnazione del Premio Lorenzo Vecchio a Gamer Girl, animazione croata diretta da Irena Jukic Pranjic. “Per l’originalità di aver raccontato con un linguaggio visivo preciso e sintetico, e uno sguardo autoriale aperto e universale, una dinamica conosciuta da tutti” ha motivato la giuria rispetto al cortometraggio che narra, come all’interno di un videogame, le peripezie di una donna divisa tra famiglia e lavoro. “Con intelligenza, humor e ritmo serrato, il corto sostiene la narrazione senza rinunciare all’amarezza”, ha aggiunto il verdetto della giuria, che si è concluso con l’augurio “che Gamer Girl possa essere visto dal maggior numero di persone possibile”.

“Cerco di far ridere la gente, è la cosa che mi piace di più”, ha dichiarato la regista Irena Jukic Pranjic ritirando il premio.

Il premio del pubblico, ricavato dalla media dei voti espressi dagli spettatori durante le tre serate di concorso, è stato assegnato a Life On Mars, dello spagnolo José Manuel Carrasco.

La giuria, presieduta dal regista Paolo Civati e composta dalla sceneggiatrice Josella Porto e dal direttore del progetto di distribuzione basco Kimuak, Txema Muñoz, ha assegnato anche tre menzioni speciali. Al documentario Commodity City, di Jessica Kingdon (U.S.A. – Cina), “che fotografa, come quadri espressivi convincenti, una realtà in cui l’essere umano è schiacciato e diventa esso stesso oggetto, pur di produrre denaro e non vita”; allo spagnolo Life On Mars, di José Manuel Carrasco “per la capacità di mettere in scena, con delicatezza, personaggi in grado di emozionare ricordandoci che esistono le seconde possibilità e che vanno afferrate”; al polacco I’ve Got You di Sebastian Drozak (presentato in sala dal direttore della fotografia Konrad Wasilewski e dalla producer Maria Anna Wachowiak), “per l’eleganza della messa in scena e la capacità di entrare subito nel cuore del racconto, mettendo al centro del film la relazione dei protagonisti, che si muovono in un luogo malinconico e senza tempo”.

“Questo festival rende giustizia alle operazioni artistiche, che vanno fruite in sala” ha commentato il presidente di giuria Paolo Civati, secondo il quale “non è solo lo scambio col pubblico a fare vivere un film, ma lo scambio in un luogo adatto”.

“La proposta era talmente variegata – ha continuato Civati raccontando il lavoro della giuria – che per il premio principale, dedicato a Lorenzo Vecchio, abbiamo scelto l’impatto di un film empatico, diretto, sincero in quanto frutto della vera storia dell’autrice”. “Per assegnare le menzioni speciali, invece – ha aggiunto Josella Porto – ci siamo affidati a dei ragionamenti che hanno valorizzato la messa in scena, la forza espressiva, la ricerca e l’autorialità oltre la semantica stereotipata d’oltreoceano”.

Magma è stato realizzato dall’Associazione culturale Scarti grazie al sostegno del Comune di Acireale e di importanti sponsor private: Pasticceria Costarelli, Ceramiche De Simone, La Bottega dei Monsù, Etna Mareneve Escursioni, Fischetti.
(CS)

 

0 462

L’assessore alle Pari Opportunità Adele D’Anna e l’Amministrazione comunale di Acireale ritengono importante ricordare, nella ricorrenza della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che la diversità originaria dell’umano, tra maschile e femminile, è risorsa e valore per la comunità.

Sabato 25 novembre alle ore 9.30 in piazza Santa Chiara si terrà una manifestazione che coinvolgerà i rappresentanti delle Istituzioni, la Polizia di Stato, gli studenti degli Istituti superiori, le associazioni e la cittadinanza.

(red)

 

0 303

L’arte non si lascia sfuggire e come l’amore, va rispettata e protetta.

Dentro alte mura, al riparo da ogni opinione, passione, professione, tradizione, amore, prendono colore, divenendo sostanza e bellezza, realtà e universalità.

E’ un processo lento, sordo a tutte quelle velleità che vorrebbero limitarne grandezza e incanto. In questa città, c’è rimasto così poco, che interi rotoli di carta, da soli, dovrebbero riuscire a coprire ogni, motivato, dubbio, anche perché, quella carta, che piaccia o no, continua ad essere la parte migliore di noi.

(Petra Sappa)

0 1949

Acireale – Ancora scricchiolii nella maggioranza consiliare che sostiene l’amministrazione Barbagallo. La consigliera comunale lascia la maggioranza perchè “gli attori principali del progetto Cambiamo
Acireale sono distanti dalle mie convinzioni”


“.

seduta del consiglio comunale del 16/11/2017

0 884

ACIREALE – Una città cadente, luoghi senza alcuna manutenzione, strade che presentano “voragini”. Dal corso Italia a San Cosmo, da corso Sicilia a via Giuliani, i luoghi diventano strade del degrado, passaggi attraverso una città logora, vecchia e con scarsissima manutenzione.

Ormai, visti i tagli e la povertà di risorse, si tenta di intercettare fondi europei per progetti faraonici o per intenzioni progettuali che poi o restano sulla carta o si trasformano in lavori pubblici che lasciano parecchi dubbi mentre per l’ordinaria amministrazione si rimane indietro e il tempo non è galantuomo. Il tempo logora, impoverisce, degrada ogni angolo di città; il tempo non è galantuomo quando ogni cosa è lasciata a se stessa.

Acireale esclusa dai “luoghi di cultura” rimane ancora nel suo angolo di solitudine e di autoreferenzialità dove ogni analisi lascia il posto al truce dato di fatto che si presenta ogni giorno sotto i nostri occhi, nello sguardo sornione e pigro di chi ormai si è abituato a vedere le bruttezze tanto da considerarle parte del paesaggio.

Così mentre si rimuove l’ecomostro sulla Timpa per le strade della città tanti “mostri” si sono impossessati dell’estetica urbana. I fili che pendono lungo tutto il centro storico, condizionatori appesi, pali della segnaletica divelti, inclinati, marci. Buche per le strade, erbacce come arbusti, la circolazione delle auto senza una guida, manifesti ovunque, le “carte” dei lutti che foderano i pali della luce, i volantini dei supermercati sparsi per la città, le merde dei cani, il silenzio e l’oblio che inghiotte una città di zombies. Il silenzio del degrado, l’incapacità a vedere lo sfacelo, l’inesistente verde pubblico, lavori che iniziano e che non finiscono mai, documenti in attesa, strutture sportive fatiscenti. Inesorabile degrado, assenza di manutenzione.

Dal marciapiede di corso Sicilia che da il benvenuto ai visitatori che alloggiano nell’unico albergo in città, le auto sobbalzano in corso Italia, gli allagamenti alle prime piogge, le microdiscariche nei soliti angoli ed il carnevale che rappresenta una macchina che ingurgita risorse mentre tutto intorno rimane nell’abbandono.

Tutto sembra folklore, la musica che ripete, in un “tanatos” ritmico, le canzoni della festa, campane intonano rintocchi funebri e nella campagne l’acqua è come l’oro e lo splendore si perde tra i fiumi di pioggia che s’ingrotta per sgorgare putrido nella riserva naturale della timpa.

Una grande periferia, un solo degrado.

(mAd)

0 1660

ACIREALE – Martedì 14 nov. 2017 la Polizia di Stato di Acireale sosterrà con un camper in piazza Garibaldi per informare e divulgare quali e quanti sono i diritti e le norme a tutela delle vittime della violenza di genere. Durante il corso dell’iniziativa che avrà inizio alle ore 9.00 e rimarrà in sosta fino alle ore 13.00 interverrà Vera Squatrito, la madre di Giordana Di Stefano, la ragazza uccisa nel 2015 dall’ex fidanzato con 48 coltellate e l’attrice Guia Jelo e alcune classi degli Istituti della Scuola Secondaria di Acireale.

Iniziativa importante per sensibilizzare intorno al fenomeno della violenza di genere, un crimine che non conosce confini culturali, sociali ed economici ma che trasversalmente colpisce con terribile regolarità. Ogni due giorni una donna viene uccisa dal compagno, numeri della violenza di genere assolutamente sconvolgenti e drammatici. Lo scorso anno le vittime di femminicidio sono state 120. “Sette milioni di donne hanno subito qualche forma di violenza nel corso della loro vita. L’analisi dell’Istat e del Ministero della Giustizia ci mostra i numeri di un massacro che non si arresta nonostante la legge del 2013”.

La Polizia di Stato di Acireale invita a partecipare a questa mattinata per la divulgazione delle norme a supporto delle donne vittime di ogni forma di violenza da parte dei loro mariti, fidanzati, amanti e stalkers perché solo attraverso la conoscenza e la denuncia si può provare a frenare un fenomeno inquietante e criminale che si macchia di sangue innocente e che sembra non avere fine.

(red)