Controidiot, work in progress

Controidiot, work in progress

0 544

ACIREALE – Insieme a Giuseppe Marino (Alosha) danzatore e coreografo, Mario Vasta meglio conosciuto come Petra Sappa per l’amore che lo lega alla splendida frazione acese, si sta sviluppando un progetto che attraverso alcuni testi di Leonardo Sciascia e con i movimenti di “Alosha”, porta tra le tante mmicrodiscariche presenti nel territorio momenti di cultura e di denuncia.

Un fenomeno quello dell’abbandono dei rifiuti in tanti angoli della città che non vede ancora soluzioni. Multe, telecamere, controlli nulla ha, al momento, avuto effetti nei confronti di tanti incivili che si ostinano a “lanciare” la loro lurida spazzatura in ogni dove.

L’idea di Alosha Giuseppe Marino è semplice e, allo stesso tempo, assai coinvolgente. Selezioni di testi di Sciascia, performance nei posti dove ogni giorno si accumulano i rifiuti, foto e video a documentare le performance e lo stupore dei passanti. Alla fine delle performance produrremo un docufilm di poco più di quindici minuti che mostra chiaramente come ci si può ridurre in uno stato di vera e propria emergenza.

E’ un progetto semplice e complesso allo stesso tempo. Semlice nella sua sceneggiatura, complesso perchè “pretende” di costruire sensibilità e risveglio civico attraverso la danza (con chiari riferimento al mimo), il testo e un filo rosso con un messaggio che viene lasciato alla fine di ogni performance.

Ovviamente non sarà attraverso queste modalità raffinate a cambiare le sorti di una città che sta affondando nella spazzatura ma siamo convinti che contro la volgarità e la barbarie cittadina l’unica risposta è la cultura e la sensibilizzazione. Non sono le multe e le delazioni ma la costruzione di ponti culturali e di dialogo che potranno, in qualche modo e nel tempo, far crescere la nostra comunità cittadina.

(mAd)