Disponibile un finanziamento per l’abbattimento dei consumi energetici per l’illuminazione pubblica. Riuscirà Acireale a partecipare?

E’ stato, da poco, pubblicato l’avviso di preinformazione di un importante bando europeo: PO FESR 2014/2020 – Azione 4.1.3 “Adozione di soluzioni tecnologiche per la riduzione dei consumi energetici delle reti di illuminazione pubblica, promuovendo installazioni di sistemi automatici di regolazione”.

La comunità europea mette a disposizione dei comuni Siciliani 72 milioni di euro per interventi volti alla riduzione dei consumi energetici del sistema di pubblica illuminazione.

Gli interventi previsti sono tutti quelli che servono ad Acireale, sostituzione degli apparecchi illuminanti (passaggio a Led), pali, quadri, realizzazione di sistemi di telecontrollo e telegestione in modo da ridurre i consumi e allertare prontamente in caso di guasti.

L’utilizzo di questi fondi permetterebbe di evitare di realizzare gli stessi interventi sborsando la cifra surreale, prevista dal Comune di Acireale, di 1.112.000 € l’anno (da aggiungere l’IVA) per i prossimi 22 anni. Soldi che alla fine pagherebbero i cittadini con le proprie tasse.

Ricordo che con determina n. 71 del 30/01/2017 era stato accolta una proposta di realizzazione degli interventi per la pubblica illuminazione in project financing. Costo dell’intervento circa 10 milioni da ripagare in 22 anni con un milione e centomila euro l’anno.

Per fortuna in fase di conferenza dei servizi il 27/07/2017 è stato richiesto al Comune di far rivedere il progetto al proponente (è lo stesso direttore dell’area tecnica del comune di Acireale a suggerire di ridurre la durata). Da allora non ho letto nessun atto.

Cosa intende fare l’amministrazione acese? Vuole utilizzare questo bando invece di scaricare il costo sui cittadini acesi? Vuole fare in modo che la riduzioni dei costi con le nuove tecnologie sia un beneficio economico per i cittadini e non per la ditta appaltatrice?

Il contributo previsto va da 200.000 € a 5.000.000 di € per intervento.

Ce la faremo almeno a partecipare al bando?