Iniziata ieri la programmazione per la settimana della Disabilità.

606

Ieri mattina importante riunione nella Sala Stampa di Palazzo di Città, per dare il via ai lavori di organizzazione della Settimana della Disabilità.Presenti all’incontro, molte associazioni che operano nel territorio per programmare insieme all’assessore alle politiche sociali un calendario delle attività che si svolgeranno nella settimana che va dal 27 novembre e che si concluderanno il 3 dicembre nella Giornata mondiale della Disabilità.
L’assessore Palmina Fraschilla, si dice soddisfatta di questa partecipazione attiva sia dei liberi cittadini che delle Associazioni e dichiara: “Ho voluto chiedere proprio ai genitori che vivono una Disabilità in famiglia e alle Associazioni la collaborazione nell’organizzazione di questa settimana, perchè loro sono i veri protagonisti che vivono queste realtà ogni giorno.Tante sono state le proposte e tante le idee per lanciare l’importante messaggio di non vedere piú la disabilità come un limite ma come un arricchimento e un valore sociale.Oggi abbiamo tracciato quello che può essere la realizzazione di tutta la settimana, partendo dallo Sport Inclusivo coinvolgendo le scuole, grazie al supporto della nuova figura del Garante all’Infanzia .
Ai cittadini ma soprattutto a tutte quelle mamme di bambini con Disabilitàche molto spesso trascurano la propria salute, perché prese solo dalle difficoltà che vivono giornalmente con i propri cari, abbiamo pensato loro, di offrire, una giornata dedicata allo screening oncologico, per la prevenzione del tumore al seno, medici specialisti dell’Istituto Oncologico dello Iom, si occuperanno di fare le ecografie e seguire la paziente in Isituto se dovessero riscontrare problemi durante l’ecografia.
Inoltre speriamo in quella settimana di realizzare e donare ai bambini il parco giochi inclusivo all’interno della Villa Belvedere, e abbiamo pure parlato di organizzare una conferenza con professionisti che possano dare ai genitori dei bambini con Disabilità, dei validi consigli sui loro diritti e che si possa insieme anche alle Istituzioni, Funzionari e Impiegati di tutti i settori, Sociale, Pubblica Istruzione e Lavori Pubblici, affinché discutere di abbattimento delle barriere architettoniche e soprattutto mentali e culturali. Abbiamo iniziato, vedremo ora di concretizzare tutto questo”.

(Graziella Tomarchio)