Ipab Oasi Cristo Re, la politica cittadina offra un gesto concreto di...

Ipab Oasi Cristo Re, la politica cittadina offra un gesto concreto di solidarietà

0 932

ACIREALE – Tre anni senza percepire uno stipendio sono davvero tanti e danno il senso chiarissimo di cosa significa l’incapacità a governare i fenomeni. Le Ipab siciliane sono tante e diverse tra loro. Alcune certamente improduttive altre, come l’oasi Cristo Re, che invece offrono servizi alla persona. Ad Acireale anche l’accoglienza dei migranti minori non accompagnati.

Da anni seguiamo con partecipazione questa drammatica vicenda che vede i lavoratori provare tutte le strade per cercare di sbloccare la situazione e recuperare qualche salario arretrato, ma nulla di concreto è accaduto. La politica regionale di governo ha risposto con il silenzio mentre ogni giorno che passa i lavoratori sommano alla disperazione anche la rabbia.

Da ieri (12/07/2017) la società civile acese ha deciso di provare ad organizzare un “fondo di solidarietà” per i lavoratori. Un fondo che non rappresenta la soluzione ma un momento di condivisione e di attenzione nei confronti di un dramma sociale che si consuma sotto gli occhi di tutti. Sappiamo che la questione lavoro e povertà è una storia che riguarda sempre più fasce dei cittadini, sappiamo anche che le strutture pubbliche spesso fanno una brutta fine, ma non vogliamo arrenderci davanti al destino crudele e alla strada che sembra essere sovrapponibile a quelle delle terme di Acireale. Non vogliamo credere che tutto sia già stato scritto e deciso.

Insieme ai cittadini solidali vogliamo chiamare a raccolta tutti i consiglieri comunali, gli assessori e il sindaco della città di Acireale affinchè possano anche loro dare un segno concreto di solidarietà partecipando alla raccolta fondi e devolvendo parte dei loro emolumenti derivante dall’impegno politico. Desideriamo dimentcare le polemiche per quella che venne chiamata dalla cronaca “gettonopoli acese” e crediamo che, oggi, un gesto di solidarietà possa far capire chiaramente che la politica acese, la classe dirigente ha la capacità e la voglia di comprendere e sostenere l’iniziativa. Perchè la politica è attenzione verso le fasce più deboli e deve essere in grado di rispondere all’emergenze con uno scatto di orgoglio e di umana comprensione.

Tutti insieme, cittadini e classe politica, possiamo dare un segnale, possiamo essere capofila ed esempio di un momento di solidarietà cittadina mai vista prima.

Ecco il link per sapere come partecipare al fondo di solidarietà Fondo di Solidarietà lavoratori Ipab Oasi Cristo Re

(mAd)