Ipab Oasi Cristo Re, on. Foti (M5S): “Il tempo delle promesse è...

Ipab Oasi Cristo Re, on. Foti (M5S): “Il tempo delle promesse è finito”

0 527

ACIREALE – Sono ormai trentasette. Si 37 gli stipendi arretrati che dovrebbero essere riscossi dai lavoratori dell’Ipab Oasi Cristo Re di Acireale. Una situazione che abbiamo descritto, da tre lunghi interminabili anni, come difficile e ai limiti della disperazione sociale per i lavoratori e le loro famiglie.

Durante la campagna elettorale regionale abbiamo sentito gli onorevoli deputati all’ARS acesi, il presidente Nello Musumeci, l’ex assessore Anthony Barbagallo insieme con Nicola D’Agostino e la pentastellata Angela Foti. Tutti hanno concordato sulla necessità di scrivere ed approvare velocemente una legge di riordino delle Ipab siciliane, tutti hanno convenuto che quando si svolge il proprio lavoro si ha diritto al giusto salario.

Ma, ancora oggi, della difficile questione delle Ipab siciliane non abbiamo sentito una sola dichiarazione da parte del neopresidente Musumeci, ne dall’opposizione del PD e delle sue liste di coalizione.

Il 24 novembre l’on. pentastellata Angela Foti, che nella passata legislatura aveva presentato una proposta di legge sul riordino, ha tenuto un incontro informale con i lavoratori della struttura acese. Ecco cosa riporta da quell’incontro la deputata Foti. “Ho tenuto un incontro con alcuni lavoratori dell’Oasi Cristo Re di Acireale. Come già noto la situazione dei lavoratori è davvero pesante e giustamente c’era molta tensione nell’aria. Si è fatto il punto della situazione e ribadito il mio massimo impegno affinché si vari prestissimo la riforma delle IPAB per finalmente rilanciare il settore. Lo farò da opposizione, insieme al mio gruppo parlamentare, così come già fatto nella scorsa legislatura cercando sostegno da tutte le forze politiche che vorranno sostenere il rilancio delle IPAB. Il tempo delle false promesse e delle chiacchiere è finito”.

E’ davvero finito il “tempo delle chiacchiere” oppure come è successo con l’ex governatore Crocetta tutto andrà a finire nel dimenticatoio e in qualche intervento di buona volontà? La stessa Angela Foti che nella passata legislatura si è spesa per dare razionalità al settore delle Ipab avrà la possibilità, da forza di opposizione, di portare il tema delle Ipab in aula e trovare le giuste convergenze politiche per sbloccare una situazione che è certamente diventata drammatica?

(mAd)