La sanità e la salvezza pubblica

La sanità e la salvezza pubblica

0 589

È la forza che fa la legge. (Louis Antoine de Saint-Just)

 

Stamattina al Comune hanno annunciato inasprimento delle sanzioni e limitatamente al periodo dell’emergenza caldo la denuncia penale di chi abbandona per strada la spazzatura.


Gli inasprimenti delle pene sono storicamente segnale di inefficienza e di difficoltà di chi governa.
Il fenomeno è culturale, è sociale.
Nessuno si chiede perchè ci siano tanti sporcaccioni.
Passare drasticamente alla raccolta porta a porta senza CCR e senza un quadro esatto degli iscritti a ruolo della TARI ha avuto come conseguenza i porci che abbandonano la spazzatura per strada.
Ma da anni c’è stato questo problema dei materassi abbandonati, dei sanitari, delle microdiscariche, oggi, togliendo i cassonetti anche della spazzatura domestica; non stiamo scoprendo nulla di nuovo.
L’assessore Fichera sta lavorando tanto e bene.
Qualche discrepanza c’è stata nella programmazione, non prevedendo proprio tutte le conseguenze di questa svolta epocale.
Non si salva la situazione con l’art.650 del Codice Penale.
E’ un placebo: la situazione con il caldo sta diventando allarmante.
Acireale mai così invasa di rifiuti, di topi e ratti dalle dimensioni enormi, in alcune zone agricole all’incremento dei topi è seguito quello delle biscie o serpi.
Il sistema di raccolta porta a porta rischia di collassare per conto suo con o senza sporcaccioni: di oggi la notizia della chiusura di una discarica.
Quando un mastello dell’umido resterà giornate sotto al sole chi verrà denunciato penalmente?

Delle leggi speciali non ce ne facciamo niente, dai passati regimi possiamo solo arruolare le spie dell’OVRA per scovare ad uno ad uno i porci e poter analizzare perchè abbandonano la spazzatura: dalle loro risposte capiremo dove si è sbagliato e solo allora possiamo porvi rimedio.

Formulo all’Amministrazione l’augurio di riuscire a superare questo bruttissimo momento di emergenza igienico-sanitaria.

Viva Acireale, Viva Santa Venera
santodimauro dottorziz