Lagambiente avvia un progetto per la tutela della riserva della Timpa di Acireale

Il Circolo di Legambiente di Acireale “Sartorius Waltershausen” sta avviando una nuova iniziativa a tutela della riserva della Timpa di Acireale. Il progetto denominato M.I.P.A.T, acronimo che sta per ” Mitigazione Idrogeologica Paesaggio Ambiente Territorio”, intende, appunto, mitigare il rischio idrogeologico, il rischio di incendi e quindi, di perdita della biodiversità. Promosso in collaborazione con l’Università degli Studi di Catania (sia con il Dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente che con quello di Ingegneria Civile e Architettura), la Fondazione Città del Fanciullo, Circolo Arci Babilonia, Associazione Ecoscience, Comune di Acireale e il Dipartimento Regionale Azienda Foreste, il progetto verte a sensibilizzare i giovani alla tutela dell’ambiente e del proprio territorio ed è finanziato da “Fondazione con il Sud”, per una durata complessiva di due anni e mezzo.

Verranno coinvolte le scuole locali attraverso una serie di iniziative didattico-formative, di corsi di educazione ambientale su una riserva che rappresenta un unicum nel suo genere, trattandosi non di una collina, come qualche profano è solito pensare, ma bensì di una scarpata costituita da numerose stratificazioni laviche, riconducibili a diversi periodi eruttivi dell’Etna.

Alle azioni di monitoraggio e di animazione territoriale, atte a coinvolgere un sempre maggior numero di cittadini, il progetto cercherà di affiancare un’azione pilota di ingegneria naturalistica, che, attraverso l’utilizzo di strumenti tecnologici all’avanguardia, cercherà di creare delle strategie di intervento che rispettino i cicli ecosistemici.

Il circolo acese, inoltre, continuerà a promuovere la conoscenza della Riserva della Timpa, attraverso mostre, seminari, laboratori, nonché visite guidate, per far sì che una maggiore conoscenza del territorio circostante, si traduca in un sempre più ampio senso del rispetto e della tutela dello stesso.

(Valeria Musmeci)