Oggi si celebra il “piDay”

Oggi si celebra il “piDay”

0 589

pigreco1

Inventata dal fisico statunitense Larry Show nel 1988, la giornata venne organizzata per la prima volta all’Exploratorium di San Francisco. Da allora in poi i fisici e i matematici di tutto il mondo scelsero appunto il 14 marzo che, seguendo la convenzione anglosassone di anteporre il mese al giorno, rappresenta il valore del pi greco, ovvero 3,14. In questo giorno vengono organizzate delle iniziative e degli eventi per avvicinare i meno appassionati al mondo delle scienze e della matematica.
Ma esattamente, cos’è questo pi greco?
Il Pi greco è una costante utilizzata in matematica e fisica, indicata con la lettera greca π (pi). Nella geometria piana, viene definito come il rapporto fra la circonferenza e il diametro del cerchio e viene anche chiamato “Costante di Archimede” perché fu lui, più di duemila anni fa, il primo a esplicitarla, approssimandola scientificamente con calcoli e figure geometriche. La scoperta non fu affatto facile se si pensa che il matematico utilizzò poligoni regolari (di 96 lati) inscritti e circoscritti a una circonferenza per giungere all’approssimazione. Le prime cifre decimali sono: 3,14159 26535 89793 23846 26433 83279 50288 41971 69399 37510 58209 74944 59230 78164 06286 20899 86280 34825 34211 70679…
Il Pi greco, infatti, non è uguale a 3,14 e non è uguale a nessun numero decimale definito o periodico. Per questo, in matematica, il Pi Greco è classificato come un numero irrazionale e trascendente, proprio perché, per quanti calcoli si possano fare, trovare il suo valore “preciso” sembra quasi impossibile. E questo ha acceso la fantasia dei matematici che, nel corso della storia, si sono sbizzarriti a calcolarne sempre più cifre.
Si festeggia ufficialmente alle 15 perché è la cifra che segue il 3,14. E per rendere omaggio si ricorre agli espedienti più bizzarri: dalle corse sulla distanza di 3,14 miglia alla gara di torte perfettamente tonde. Vi sono, inoltre, anche delle competizioni in cui ad entrare in gioco è la memoria: vince chi ricorda più cifre della serie infinita del Pi greco. Il “Pi greco day” si può festeggiare anche il 22/7, frazione che fa il 3,14, ma c’è anche il “Pi Approximation Day” che si festeggia più volte fra cui il 10 novembre, il 314esimo giorno del calendario, e il 21 dicembre, il 355 dell’anno all’1 e 13 perché 355/113 dà la costante esatta. Si aggiunge un giorno negli anni bisestili.

NO COMMENTS

Leave a Reply