Otto giorni divisi dal mare e uniti dall’amore.

5351

Ed eri li, davanti alla Tua mamma che ti aspettava e che si preoccupava di non lasciarti solo, lei che ogni giorno, ti abbracciava e ti riscaldava guardando quel mare che ti aveva portato via.

Siete stati per otto giorni uno di fronte all’altra, a dividervi solo il mare e ad unirvi l’amore.
Sul molo attendeva, Lei, piccola, tenace donna che non si é mai arresa e che ha gridato tutto il suo dolore affinché quelle acque assassine le restituissero quel corpo ormai martoriato e tanto amato.
Voleva ancora una volta baciarlo quel Suo figlio adorato per poterlo tenere ancora un po tra le sue braccia e riscaldarlo e poi farlo riposare in un luogo al sicuro, dove non sentisse mai piú freddo e dove lei, per sempre, potesse piangere tutte le sue lacrime.

Enrico, la tua ricerca in questi giorni di lutto, ci ha spinti a cercare noi stessi, a scavare dentro di noi e a sentire tanto dolore.
Anche se non ti conoscevamo, sei diventato figlio di ognuno di noi, per te abbiamo pregato e pianto affinché tu tornassi dai tuoi cari e affinché trovassi la pace e il riposo.
Non è accettabile la tua morte e quella dei tuoi due compagni che in questa immane tragedia ti hanno accompagnato.
Non si può accettare la morte di voi tre giovani ragazzi che ancora avevano una vita da vivere ed é per questo che tutti ci siamo stretti al dolore delle vostre famiglie scoprendo anche quel senso di comunità e umanità che a volte ci sfugge di mano ma che invece il dolore riesce ad unire così tante anime.

Tutti stretti in un abbraccio in un dolore lancinante che non troverà mai un senso a questa morte cosi assurda.

Non dimenticheremo mai il volto delle vostre mamme con impresso il dolore, non dimenticheremo mai voi tre giovani vite meravigliose, non dimenticheremo mai la tua mamma Enrico, che su da quel molo ci ha insegnato cosa sia la dignità di una donna ferita dal dolore piú grande.

Vi porteremo per sempre nei nostri cuori, nei pensieri più belli e negli abbracci più caldi e che sia estate o che sia inverno, non scioglieremo mai questo affettuosissimo abbraccio.

( Da Tutte le Mamme)

Graziella Tomarchio