Piccola storia di Jaci – Don Giovanni Bonaccorso, sacerdote e poeta

Il 06 dicembre del 2008 cessava di vivere don Giovanni Bonaccorso parroco della chiesa di Santa Tecla.

Don Giovanni nasceva in Acitrezza il 16 gennaio del 1934, veniva ordinato sacerdote nel 1957 da mons. Salvatore Russo vescovo di Acireale. I suoi primi incarichi furono di vicario parrocchiale ad Acitrezza e conteporaneamente parroco nella chiesa di Sant’Andrea in contrada Baracche. Dal 1967 fino alla sua morte fu parroco a Santa Tecla. La sua maggiori opere nella frazione furono la costruzione del Santuario della Madonna di Fatima nel 1979 , il recupero dell’antica cappella allo Scalo Pennisi , le rifiniture della chiesa e gli affreschi all’interno affidati al pittore Adamantino di Acicatena e il restauro dell’edicola dell’Ecce Homo “de coculi”. Don Giovanni oltre ad essere uno stimato sacerdote era pure un fine poeta. La raccolta delle sue poesie fu pubblicata nel 2007 in occasione del suo 50° di ordinazione sacerdotale e il 40° di ministero pastorale nella frazione marinara.

di seguito pubblichiamo una sua poesia.

Betlemme

Dio di stelle creator

di terre e mari, eccoti a Betlemme fragile infante.

Tu, L’Invisibile in greppia appari tra le stecchite braccia di questa umanità

spenta e infreddolita, per riparare i torti e fuoco e luce le porti di tua carità con le parole e il dono della vita.