Piccola storia di Jaci – La Natività all’Opera dei Pupi

166

Anticamente, durante il periodo delle feste natalizie, anche il teatrino dell’opera dei pupi metteva in scena la Natività del Signore. I paladini in questo periodo deponavano spade e armature per vestire i panni dei pastori. I pupari Mariano Pennisi “detto nasca” e il figlio adottivo Emanuele Macrì attingevano da Musmeci Catalano, sacerdote del 700, che scrisse un’opera sacra dedicata alla natività. La rappresentazione descriveva il viaggio di Maria e Giuseppe verso Betlemme e la lotta dell’Arcangelo Michele contro il demonio che cercava di ostacolare in tutti modi la nascita. All’arrivo tutti i pastori rendevano omaggio al Bambinello, tra tutti spiccava Pippinica servo scaltro e acitano che offriva in dono in caratteristico “Trunzo”. All’indomani dell’Epifania riprendeva il ciclo carolingio.

Fonti e foto

Prof. Giovanni Vecchio – Memorie e Rendiconti 2012

Avv. Turi Trovato “via Vittorio Emanuele e dintorni”