Raccolta e gestione dei rifiuti, l’assessore La Rosa: “Nel mese di luglio elevate quasi 40 mila euro di multe”.

1776

ACIREALE – La questione rifiuti è sempre attuale ad Acireale, trasferenza, amianto, multe, microdiscariche, partecipazione dei cittadini al rispetto dell’Ambiente, la “chiazza” e l’ordinanza per le feste e le sagre.

Abbiamo sentito l’assessore all’Ambiente Daniele La Rosa

L’INTERVISTA

mAd: Assessore la questione trasferenza torna in scena a piazzale Cento. Novità?

Daniele La Rosa (Assessore all’Ambiente): “Piazzale Cento è stato ripulito, i primi a dare il buon esempio dobbiamo essere noi. Non si può fare la trasferenza in quel modo, oggi (09/08/2018) abbiamo predisposto lo spazzamento con la macchina per lavare il piazzale e spero che possa esserci sempre anche una macchina dei vigili urbani dotata di videocamera in modo da essere da deterrente.  Faremo il trasbordo su mezzi gommati che è una modalità consentita dalla legge”.

mAd: Amianto in via Mortara, a che punto siamo con i lavori di rimozione?

Daniele La Rosa (Assessore all’Ambiente): “In via Mortara l’amianto è stato inertizzato dalla ditta “Ambiente Italia” che con un apposito prodotto hanno messo in sicurezza il materiale. Hanno spruzzato una resina che impedisce la dispersione delle fibre di amianto.  Adesso che il materiale è stato inertizzato deve venire la USL  per stabilire un piano di intervento ai fini della rimozione, ricordo che dal momento dell’inertizzazione il piano deve essere predisposto entro e non oltre trenta giorni.  Via Mortara rimane chiusa al traffico”.

mAd: Per i disservizi avete elevato multe alla Tekra?

Daniele La Rosa (Assessore all’Ambiente): “Abbiamo elevato alla Tekra  nel mese di luglio multe per 39 mila euro. Da oggi la Tekra ha un nuovo direttore del cantiere il signor Leopoldo Guida; una sostituzione questa che abbiamo fortemente voluto, noi paghiamo e pretendiamo un servizio svolto in maniera impeccabile”.

Assessore sono numerose le microdiscariche in giro per la città. Su questo punto come vi state muovendo?

Daniele La Rosa (Assessore all’Ambiente): “Abbiamo segnalato le microdiscariche del parcheggio “Cappuccini”, nei pressi dell’Aloha d’Oro, nella stessa via Mortara e stiamo ripulendo anche lo spazio del Santonoceto”.  

mAd: Si rende necessaria anche una diffusione di notizie utili affinchè i cittadini possano differenziare correttamente. Portare alla differenziata “prodotto” inquinato, di fatto, non serve a  nulla.

Daniele La Rosa (Assessore all’Ambiente): “Uno dei nostri obiettivi a far si che tutti i cittadini diventino competenti sulla materia dei rifiuti, dobbiamo insistere sulla comunicazione e sulla formazione di tutti. Dobbiamo essere inflessibili e non dobbiamo tollerare neanche che si butti un solo fazzolettino per strada. Partire dalle piccole cose per giungere a successi importanti e collettivi”.

Assessore siamo stati alla “chiazza” di Acireale, è urgente un servizio attento di pulizia e lavaggio di piazza Marconi. Non crede sia arrivato il momento di intervenire energicamente per preservare quello storico mercato?

Daniele La Rosa (Assessore all’Ambiente): “Per la storica “chiazza” di Acireale stiamo pensando di istituire una micro isola ecologica ovvero la predisposizione di contenitori opportunamente schermati da fioriere in modo che gli esercenti possano conferire i rifiuti in una zona schermata alla vista invece che in quei mastelli così brutti da vedere. Inoltre mi occuperò personalmente di far eseguire dei lavaggi con disinfettante e prodotti igienizzanti”.

Un’ordinanza sindacale impone a chi organizza sagre e feste di usare materiale compostabile. Ci fa capire meglio di cosa si tratta?

Daniele La Rosa (Assessore all’Ambiente): “Ieri il sindaco ha emesso un’ordinanza per chiunque faccia delle sagre e feste in cui è prevista la somministrazione di alimenti dove vi è l’obbligo di utilizzare materiale compostabile. Questo è un fatto davvero rilevante adesso chiunque organizza una sagra deve allestire una piccola isola ecologica con la presenza di un operatore che si occuperà di farsi dare i piatti sporchi per poi separarli dalla parte umida. Quattro carrellati e buona educazione ambientale e non si dovrà vedere  mai più quello che rimane per terra dopo una sagra. Inoltre così facendo andremo a recuperare la plastica dei piatti e dei bicchieri che per noi è importante. Più avanti estenderemo l’ordinanza anche agli uffici comunali e poi anche agli esercenti che somministrano cibo e bevande”.

(mAd)