Strade di Jaci – Via Caramma (Santa Tecla)

 La via Caramma costituisce uno degli ingressi nell’abitato di Santa Tecla: si diparte infatti dalla via Provinciale per Riposto, “u straduni”, come chiamata localmente, e confluisce nella via Pantanello, a poche decine di metri dalla piazza centrale del paese. La via indica la “zona Caramma”, una porzione del territorio di Santa Tecla, alla quale appartiene la stessa via e aree limitrofe, fin quasi ai piedi della Timpa. Sulla via Caramma confluisce la via Rossa, una piccola stradina che inizia, anch’essa, dalla via Provinciale per Riposto. All’estremità della via Caramma con via Pantanello si trova un maestoso portale con quattro leoni (‘nde liuna)
scolpiti in pietra bianca di Siracusa: è l’ingresso della villa ottocentesca della famiglia Pennisi-Forzisi. Una volta in questo fabbricato vi era una fabbrica di trasformazione dei limoni, una delle tante che esistevano a Santa Tecla, centro della “Riviera dei Limoni”. Un’altra fabbrica si trovava in “zona Caramma”, esattamente in via Rossa, angolo via Provinciale, dove oggi vi è un supermercato.
Rodolfo Puglisi
Bibliografia: I sentieri di Aci – Antonino Cucuccio – Bonanno editore 1999; Storia del paese di Santa Tecla a modo mio – Antonino Torrisi “u capitanu” – Acireale 2004; Santa Tecla, Il natìo borgo selvaggio – Nicolò (Nicola) Russo – Giarre 2015.