Tags Posts tagged with "antonio coniglio"

antonio coniglio

0 1187

Oggi conferenza stampa per la Festa dei Fiori

La Festa dei Fiori la scommessa turistica più indovinata di questa Amministrazione.
La festa dei fiori in un periodo diverso dal Carnevale quando le giornate non sono fredde ed il rischio pioggia è minimo.
Loro la chiamano destagionalizzazione, io la chiamo “spirtanza”.
Incunearsi tra le feste del 25 aprile e del 1 maggio, malgrado le accuse di squadrismo e di bolscevismo che si raccolgono dai soliti strumentalizzatori di ideologie, è una idea per attrarre gente e anche quest’anno i numeri daranno ragione alla Fondazione del Carnevale.
Coniglio e Belcuore, come Enzo Ferrari e Tazio Nuvolari, binomi vincenti.
Alla Cittadella si lavora, i maestri della cartapesta ospitano i maestri dei fiori, la sinergia tra i cantieri è la novità di quest’anno che salutiamo con simpatia e con uno sguardo ad un futuro ancora più importante per le manifestazioni correlate al Carnevale.

Nelle parole odierne di Belcuore ancora traspariva la delusione e il rammarico in seguito alle note polemiche di martedi scorso, ma “the show must go on” e la volontà e la voglia di fare bene alla fine hanno preso il sopravvento.

Siamo sicuri che sarà un gran bella festa che culminerà con lo splendido concerto dei Modena City Ramblers che daranno un ulteriore tocco di qualità a questa seconda Festa dei Fiori.

In bocca al lupo.

(santodimauro)
dottorziz

0 1131

Uscì Tobia in cerca di uno pratico della strada che lo accompagnasse nella Media. Uscì e si trovò davanti l’angelo Raffaele, non sospettando minimamente che fosse un angelo di Dio.
(Libro di Tobia 5,4)

Non ero mai entrato nella Chiesa dell’Arcangelo Raffaele.
A 54 anni, io morboso innamorato della mia Città ho visto una chiesa speciale, con tanto in poco spazio. Non è grande ma è ricca, di storia, di arte e di sacralità.
Padre Barbarino rettore con don Alfio co-rettore hanno fatto si che questa chiesa di proprietà dell’IPAB riprendesse a vivere.
Oggi, pur necessitando di interventi, è funzionante oltre ai riti Cattolici Latini, viene celebrata la messa per gli egiziani di rito Copto.

La presenza dell’Assessore Antonio Coniglio e di Sua Eccellenza il Vescovo Antonino Raspanti (un sodalizio che sembra prometta bene) ha dato il punto di vista sul futuro dei beni della Chiesa e quei beni che pur essendo ecclesiastici non sono di proprietà della Chiesa.

Sua Eccellenza ha poi spiegato il Libro di Tobia, con cenni storici, con quanto vi è contenuto e dell’insegnamento biblico.

Tema della serata sono stati i quattro quadri che narrano le vicende di Tobia negli episodi salienti del Libro.
I Proff. Alfonso Sciacca e Santo Castorina hanno fatto scoprire Matteo Desiderato, pittore, saccense di nascita, andato a bottega a Roma e poi venuto a Catania a realizzare opere di particolare pregio nella Città, ad Acireale, Aci Trezza, Aci Castello.
(santodimauro)
( P.s. Ringrazio per la collaborazione Agata Torrisi)

Venerdì 31, ore 17:30, presso la chiesa di Santa Maria dell’Odigitria, parliamo della iconografia nell’arte acese con Alfonso Sciacca.
Visto il rinvio dell’incontro con Achille Bonito Oliva di venerdì, il quale non potrà essere presente ad Acireale per sopravvenute ragioni personali, l’incontro sull’iconografia nell’arte acese, tenuto da Alfonso Sciacca, viene anticipato a venerdì 31, ore 17:30, presso la chiesa di Santa Maria dell’Odigitria .
tobia-1la partenza di Tobia

tobia-2episodio del pesce

tobia-3

l’Arcangelo Raffaele caccia il demone Asmodeo

tobia-4

la guarigione del padre cieco

img_8297img_8294img_8285img_8286img_8289img_8278img_8276img_8275img_8274img_8264

0 506

Il marzo 2017 è stato denso di avvenimenti culturali che hanno appassionato un numero di persone che pensavo non si potesse mai raggiungere.
Acireale si è spolverata un po di fuliggine da dosso e ha fatto come sempre da splendida cornice agli eventi che si sono succeduti.

Domani alla Chiesa dell’Arcangelo Raffaele, il prof. Alfonso Sciacca, il prof. Santo Castorina e S.E.R. il Vescovo Mons. Antonino Raspanti parleranno di Matteo Desiderato e delle sue tele di pregio custodite nella Chiesa. (17,00)

Mercoledi 29 alla Sala Pinella Musmeci ci sarà la proiezione del film “1893 L’Inchiesta” un film sui fasci siciliani, organizzato da Vietraverse, a cui seguirà un dibattito con l’autrice e regista Nella Condorelli (9,30 e 18,00)

Giovedi 30 nell’Antisala Consiliare del Comune, la presentazione del libro del Preside Lorenzo Marotta “Mailén” ambientato nel dramma dei desaparecidos argentini.  (17,30)

Sabato 1 aprile nella Chiesa di Santa maria dell’Odigitria il Preside Prof. Alfonso Sciacca terrà una lezione su: “L’Iconografia nell’Arte Acese” (17,30)

Un programma di tutto rispetto per questa ultima settimana del mese della Cultura.

Invitiamo l’Amministrazione a considerare quanto di positivo si è fatto e visto in questo mese, quanti argomenti sono stati trattati, quanta gente si è interessata.
Acireale ha gradito e gradirà anche ulteriori riproposizioni.

Ci auguriamo che Il Sindaco Roberto Barbagallo e l’Assessore Antonio Coniglio , le associazioni, le scuole, gli autori e gli uomini di cultura, insieme al prestigioso ed autorevole intervento del Vescovo, possano presto riproporre altre iniziative di grande respiro.

(santodimauro)

0 804

La mafia sarà vinta da un esercito di maestre elementari. -Gesualdo Bufalino

Avevo detto sulle ali dell’entusiasmo, dopo la conferenza stampa di presentazione, che sarebbe stato un bellissimo marzo  “mese della cultura”, ora ne sono consapevole che lo è davvero ed oltre ogni più rosea previsione.
Da qualche anno conosco Antonio Coniglio, mi ha sempre piacevolmente sorpreso: quando lo nominarono Presidente della Fondazione pensavo che avessero mandato Daniele nella fossa dei leoni ed invece è riuscito ad entrare in perfetta sintonia con i maestri carristi e con i maestri dei fiori e soprattutto capace di far rimettere in sesto una cadente ed insicura Cittadella.
Ora da Assessore con varie e molteplici deleghe sta dando ancora dimostrazione di essere puledro di razza.
Al Commercio ed al Turismo i risultati sono sotto gli occhi di tutti, ma nella Cultura sta dando prova di essere un vulcano in continuo fermento.
Ogni incontro nell’antisala consiliare lo vede non solo presentare e portare i saluti della Città ma valido ed erudito oratore, con argomentazioni e citazioni da destare ammirazione anche tra chi tra il pubblico è a sua volta persona che desta ammirazione per la sua cultura.
Quasi ogni sera questo affollato cenacolo è diventato luogo di incontri eccelsi: è un risultato magnifico, specie per chi, oramai rasegnato sulle sorti della Città, considera quelle sale la culla di ignoranza crassa.

A questo punto una domanda sorge spontanea: perchè, invece del mese della cultura, non facciamo l’anno della cultura?

Cu Cunigghiu ni stamu addiccannu…

(santodimauro)

0 1183

Una questione assai complessa spostare la fiera del sabato dalla zona Tupparello al centro storico. Un dato che sembrerebbe essere di facile acquisizione e che dalle intenzione dell’amministrazione Barbagallo sarebbe dovuto essere un modo portante per riportare vitalità e commercio al centro città. Ma non è così, strada facendo si sono verificati i soliti problemi, ovvero non vi è accordo tra l’amministrazione comunale e i rappresentanti di categoria. Il punto di difficile risoluzione sembra essere relativo al fatto che la fiera dovrebbe ospitare solo le “bancarelle” degli ambulanti e non i furgoni che li accompagnano. Ovviamente era anche previsto che tutti i rivenditori venissero dotati di bancarelle uguali o simili proprio al fine di dare un motivo di decoro al mercato e al centro storico che lo avrebbe ospitato. Ma non  se ne farà nulla almeno nel breve e medio termine. Sembra proprio che si vada a delineare un’ulteriore divario tra il dire e il fare dell’amministrazione Barbagallo.

Ecco cosa scrive nel gruppo FB FanCity Acireale l’assessore Antonio Coniglio: “Il 30 dicembre 2016, con decreto 244, le concessioni degli ambulanti che scadevano il 31 Gennaio (imponendo per quella data di emettere il nuovo bando) sono state prorogate ex lege al 31 dicembre 2018.
Una proroga è stata effettuata a livello nazionale perché, da nessuna parte d’Italia, erano pronti i bandi adeguati alla bolkestein per mancato accordo con le categorie. Noi dal nostro canto, stiamo procedendo con la concertazione, avendo avuto un ultimo incontro con gli ambulanti locali 15 giorni fa. Le posizioni sono ancora lontane per via della questione furgoni. Noi riteniamo che un trasferimento in centro debba comportare la rinuncia al mezzo, il 100% degli ambulanti ritiene che ciò non sia possibile. Le sigle sindacali, dal canto loro, hanno dato un parere positivo al trasferimento in centro limitato a 6 mesi di sperimentazione ma stanno consultando le categorie.
La concertazione esiste per valutare tutte le ipotesi. Considerata la proroga, possiamo fare le cose per bene(il trasferimento di un mercato di 160 posteggi non è un fatto da poco). Altrimenti si rischia di trasferirlo e farlo durare da natale a santo Stefano”.

Siamo convinti che mai come in questo caso il termine concertazione significa divario e grosse difficoltà a superare i punti che dividono. Vedremo.

(mAd)