“100 passi verso il 21 marzo”- Ieri l’incontro di Libera al Gulli e Pennisi. Mercoledì Don Ciotti ad Acireale

100 passi verso il 21 marzo XXV giornata della memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzata da “Libera”. Il cammino per i giovani acesi è iniziato ieri al Liceo Classico Gulli e Pennisi, con l’incontro dibattito su “La trasformazione delle mafie”.

Gli studenti si sono confrontati con Michele Gagliardo, responsabile nazionale della formazione  di Libera, che ha sottolineato: «È difficile riconoscere i comportamenti che fanno parte della cultura mafiosa. Incontrarci e discuterne con i più giovani, catturare la loro vivacità, il loro interesse, la loro curiosità è fondamentale perché solo così potremo provare a costruire delle cose insieme».

E’ un percorso di consapevolezza, «E’ utile capire sia come si è trasformata la mafia con la corruzione, i comportamenti illeciti, nascosti; sia i comportamenti che i ragazzi assumono, a volte anche senza rendersi conto, e che in qualche modo possono essere assimilati a dei comportamenti mafiosi», ha detto Elisa Marino, referente del Presidio Libera per le Aci.

La prossima Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle

vittime innocenti delle mafie richiama ad una sfida importante. Per questo il percorso verso il 21 marzo è iniziato ad Acireale con un  momento di formazione di approfondimento e lavoro per alunni e docenti. «Libera da sempre è impegnata sul piano educativo, -ha evidenziato

Salvatore Rizzo, educatore e referente del presidio Nino e Ida Agostino di Messina -. La nostra idea è che sia importante lavorare con le nuove generazioni, per far comprendere, per istruire, per insegnare, ma soprattutto per dare quegli strumenti di lettura complessa di questa realtà. Noi non stiamo parlando di cose semplici, parlare di mafia è parlare di cose complesse, che si intrecciano sul piano economico, sul piano culturale, sul piano della politica e del sociale».

«Questo incontro mi ha lasciato tanti pensieri. Sono eventi a cui partecipo anche fuori dall’ambito scolastico. Mi permettono di vedere degli spaccati della società, della vita e del mondo, di comprendere cosa succede nella nostra terra, nel nostro Stato e di pensare a cosa poter fare per migliorare la situazione», ha detto Dario Panebianco, rappresentante d’istituto.

L’incontro dibattito è continuato con un altro momento di formazione riservato ai docenti referenti per la legalità, organizzato da Libera e promosso dalla dirigente Maria Castiglione.

Lunedì 24, alle ore 11.00 nella sala stampa di Palazzo di Città, sarà presentato il programma della giornata del 26 febbraio “100 passi verso il 21 marzo” organizzata da Libera in collaborazione con la Città di Acireale.

Il 26 febbraio il Presidio di Libera delle Aci “Pierantonio Sandri”, in occasione dell’intitolazione della piazza “Pierantonio Sandri, vittima innocente di mafia”, organizza un incontro con il presidente di “Libera” don Luigi Ciotti, che discuterà con la comunità, gli studenti e i ragazzi dell’Istituto penale minorile di Acireale.

L.C.