800 ATLETI IN MASCHERA PER IL VI TROFEO CARNEVALE DI ACIREALE- DOMENICA 16 FEBBRAIO

In sei anni 3500 atleti hanno gareggiato in maschera per il Trofeo Carnevale di Acireale.  Quest’anno saranno 800 i partecipanti alla gara di corsa su strada organizzata dall’ASD “Correndo per Aci-Acireale”, seconda prova del GP regionale sulla distanza, di 10 chilometri, in programma per domenica 16 con inizio alle 9.30. Alla fine della gara saranno premiate anche le maschere più belle. Il Trofeo Carnevale di Acireale mette insieme sport e turismo e sociale.

«Ho ricevuto la telefonata di una ragazza seguita da Massimo Magnani. Da un lato si corre per vincere da un altro si corre per la vita. Domenica avremo l’onore e il piacere di avere ai nastri di partenza Giusi Parisi e Gilda Pignataro, due donne calabresi che soffrono di fibromialgia e che da un anno fanno parte di un progetto per dimostrare come la corsa e la forza di volontà possano aiutare a contrastare la patologia. Saranno loro le vere vincitrici del Trofeo Carnevale di Acireale. Siamo molto soddisfatti dal livello raggiunto. Alla gara parteciperanno tutte le società di atletica siciliane, atleti calabresi e una delegazione di atleti polacchi, siamo diventati internazionali», ha commentato il presidente dell’ASD “Correndo per Aci-Acireale” Cesare Mazza.

Valeria Straneo con gli Everyday Battlers

La nostra Ambassador Valeria Straneo e il suo team di allenatori professionisti avevano la missione di aiutare Maria, Gilda, Alex, Daniela, Fausto, Giorgia, Giulia, Giusi, Isabella e Lorenzo a superare i propri limiti e inseguire i loro sogni. Guarda com’è andata. #NonFermartiMai

Pubblicato da Bridgestone su Venerdì 13 dicembre 2019

Alla presentazione ufficiale dell’evento sono intervenuti il sindaco, Stefano Alì, l’assessore al Turismo, Fabio Manciagli, Guido Raneri e Gaetano Bonanno della Fondazione del Carnevale e Davide Bandieramonte, commissario regionale Fidal. «Il mondo dell’atletica è cambiato. I runners stanno proliferando e si sta sempre più comprendendo anche il valore riabilitativo dello sport. Acireale ha una tradizione sportiva ormai consolidata, lo dimostrano i numeri. Il Trofeo Carnevale è anche un evento turistico non indifferente – ha detto Bandieramonte-. Se le amministrazioni collaborano con le realtà sportive si possono ottenere grandi risultati. Fare tutto per bene da parte di un’ Asd comporta tanti sforzi, quindi mi auguro che questa sinergia si protragga nel tempo».

Il sindaco, l’assessore al Turismo e i componenti della Fondazione hanno ringraziato gli organizzatori e hanno voluto sottolineare il valore della manifestazione che unisce sport, sociale e turismo. «Il Carnevale e lo spirito goliardico degli atleti mascherati sono il valore aggiunto della gara, che ogni anno attrae centinaia di persone che partecipano anche al Carnevale e visitano la città».

Chicca dell’edizione 2020 del Trofeo di Carnevale è la partecipazione dell’Athletica Vaticana a prima Associazione sportiva costituita in Vaticano, che intende testimoniare e promuovere, attraverso la corsa, solidarietà, spiritualità e cultura. Due gli atleti in gara al Trofeo Carnevale di Acireale padre Vincenzo Puccio, (secondo lo scorso anno), e padre Pasquale Castrilli. Sono intervenuti in conferenza stampa per presentare il libro “Evangelii Gaudium. La staffetta dei preti runners sulle pendici dell’Etna”. Una storia di valori e di passione per la corsa.

«La chiesa è presente nel mondo ed è presente nel mondo del podismo. Sono sacerdoti, ma sono anche atleti molto forti che vanno sui podi. Il libretto servirà anche a costituire un piccolo fondo per avviare bambini e ragazzi all’atletica».

L.C.