mercoledì, Giugno 29, 2022
Google search engine
HomeLiberi NavigatoriA cosa serve quella poltrona di Assessore vuota?

A cosa serve quella poltrona di Assessore vuota?

 

 

poltrona

Quanto vale quella poltrona in termini politici?
La domanda viene spontanea dopo che la delega assessoriale ai vigili urbani, dopo le dimissioni di Rori Pietropaolo,  non è stata più assegnata.
La poltrona svolge un grande ruolo strategico su due fronti.

Primo fronte, quello interno, quello che fa capo ai candidati nelle liste di Cambiamo Acireale, che dopo la vittoria e la conquista di diciotto seggi, ha decine di candidati portatori di voti che avrebbero ambito collocazione in qualche posto di sottogoverno se non addirittura in un incarico assessoriale.
La scelta dell’Amministrazione Barbagallo di non dare incarichi retribuiti ma solamente incarichi a titolo gratuito ha generato molti mal di pancia.
Unico seggio ambito: la poltrona assessoriale, che i vertici di Cambiamo Acireale, da Nicola D’Agostino a scendere si guardano bene dall’assegnare.
Con un posto vuoto tieni buoni cento pretendenti, con la poltrona assegnata uno sarà contentissimo e novantanove incazzatissimi.
Già si è rivelata non felicissima la decisione di ruotare all’Assessorato allo Sport e Politiche Giovanili gli assessorgiovani che non potendo raggiungere tutti i risultati programmati ci restano un poco male.

Secondo fronte, quello politico, quello che può servire per fertilizzare il solco del PD.
Sicilia Futura da costola del PD può diventarne organo vitale.
Tutto sta nella bravura di D’Agostino ad est e Cardinale ad ovest a catalizzare consensi attorno alla lista figlioccia di Lotti, il delfino di Renzi.
In qualsiasi momento, da qui alle regionali o anche dopo, può verificarsi il grande abbraccio, quello che finora non è stato ma che a detta di tanti presto o tardi avverrà.
Nella partita a scacchi del potere, le mosse di Nicola D’Agostino e cerchio magico sono state efficaci, in particolare l’ultima con la nomina di Nico Torrisi come amministratore delegato della SAC.
Quindi, viene da pensare (e non sono il solo a farlo) che la sesta sedia assessoriale potrà essere usata per sancire il buon esito del matrimonio tra D’Agostino ed il PD: una specie di bomboniera.

A tal proposito, non mi dispiacerebbe Antonello D’Agostino assessore e pure (Tano Rizzo permettendo, ma a lui pensiamo che non interessi) Mariagrazia Sorbello, che è benvista a tanti, Consigliere Comunale.

Ma queste sono ipotesi, solo ipotesi fatte in una domenica d’autunno, forse senza fondamento, forse…

(santodimauro)

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments