Acireale, una città tranquilla? Rapine, mafia, furti e cocaina, merce rubata e bullismo

crimine

A settembre rapina ad un negozio di abbigliamento, due arresti., sempre a settembre di quest’anno un arresto per violazione degli obblighi di sorveglianza. La polizia di Stato lancia un allarme: attenti alle truffe ad opera di un quarantenni che colpisce particolarmente gli anziani. A Guardia Mangano un uomo tenta di darsi fuoco dopo essersi cosparso di benzina, tragedia scampata per l’aiuto di un passante. Per chiudere in bellezza il mese di settembre sempre ad Acireale un uomo di 37 viene arrestato perché costringeva la moglie ad avere rapporti sessuali, apostrofandola con insulti e minacce. Ed ancora sempre ad Acireale: quattro arresti per mafia, un arresto per spaccio e detenzione di cocaina e, gran finale, la Guardia di Finanza scopre merce rubata alla Fiera dello Jonio. Intanto viene arrestato un diciannovenne per furto d’auto, aveva tentato di forzare un posto di blocco dei Carabinieri e, per non farci mancare nulla, a San Cosmo due sorelle danno fuoco all’abitazione. Tutto questo condito con atti di bullismo tra i giovanissimi che frequentano l’area COM anche in questo caso con arresti da parte delle forze dell’ordine.

Acireale città tranquilla dove tutto sembra essere avvolto da una coltre di complice silenzio.