Acque agitate al Comando di polizia municipale

L’anno vecchio si è chiuso con aria di tempesta all’interno del Comando di polizia municipale, ma con il nuovo anno poco o nulla sembra sia cambiato. Perché i componenti del Corpo di polizia municipale attendono ancora notizie dall’Amministrazione sulla liquidazione dei progetti datati 2018, delle ore prestate in occasione del terremoto del 2018 e delle manifestazioni del 2019, (parliamo ad esempio di San Sebastiano, del Carnevale, della Festa dei Fiori e delle manifestazioni estive, in cui il supporto dei vigili urbani è quanto mai d’obbligo). Il corpo di Polizia Municipale sarebbe inoltre in attesa del dovuto della tromba d’aria, datata 2014. E se da un lato la collaborazione dei lavoratori è spesso inevitabilmente richiesta dall’Amministrazione, dall’altro non si provvede a rispettare i dovuti obblighi contrattuali. Insomma, ciò che hanno chiesto e chiedono i lavoratori è di aver corrisposto quanto dovuto e non ancora erogato dall’ Amministrazione.

Si sa che i vigili urbani non godono dell’amore incondizionato di troppi cittadini, ma rivendicano il loro impegno non solo nel lavoro quotidiano, ma nel supporto alle manifestazioni cittadine, che spesso si prolungano oltre il normale orario di servizio. Il ritardo nei pagamenti sarebbe reso oggi più pesante dal carico di lavoro notevolmente aumentato per la diminuzione drastica del personale, dovuta principalmente ai pensionamenti. I lavoratori auspicano un incontro con l’Amministrazione, lo spirito sembrerebbe quello di chi secondo buon senso vorrebbe far valere la collaborazione  e cercherebbe l’appianamento delle attuali problematiche.

E però il Corpo di polizia municipale è un po’ più amareggiato rispetto alla fine dell’anno. Perchè le richieste sono rimaste inascoltate e perché non sembra sia stata mostrata grande sensibilità sulla problematica. Molto presto dovrebbe essere indetto ufficialmente lo stato di agitazione per le prossime settimane. Gennaio è il mese di San Sebastiano, patrono dei vigili urbani, la festa religiosa che richiede lo sforzo maggiore per garantire l’ordine e la sicurezza di tutti. E oggi sarà presentato il programma del Carnevale 2020, inizierà l’8 febbraio.

L.C.