AD ACIREALE, ISTITUITO UN FONDO “ACIREALE DONA” PER AIUTARE TUTTI COLORO CHE IN QUESTO PERIODO DI EMERGENZA, SI TROVANO IN GRANDISSIMA DIFFICOLTÀ.

Istituito un fondo ad Acireale per aiutare tutti coloro hanno bisogno, viste le gravi difficoltà del momento.
L’ iniziativa è partita dalla sinergia tra Diocesi e Comune, tutti sono chiamati a dare il proprio contributo.

In questo periodo di emergenza a farne le spese sono un pò tutti i cittadini che si sono trovati in seria difficoltà dopo aver dovuto lasciare il lavoro e che oggi sono costretti a casa a dover affrontare tante le difficoltà, la più grave quella di non sapere più cosa mettere a tavola per sfamare i figli.

Una condizione che tende ad aggravarsi sempre di più vista la situazione disastrosa che ormai imperversa in tutta Italia e nel mondo.

Nasce così l’iniziativ “Acireale Dona” , un fondo per aiutare tutti coloro in questo periodo sono in grandissima difficoltà.

Il Vescovo, Monsignor Nino Raspanti, si augura che tante persone possano contribuire a questa iniziativa con quel che possono: ” Me lo auguro così da poter essere d’aiuto tutti quanti insieme verso più persone possibili, cercando così, di alleviare loro, le difficoltà che in questo periodo stanno incontrando.
Presto vi daremo le coordinate bancarie e chiederemo a tutti il più possibile di contribuire attraverso i nostri canali, parrocchie, comune e servizi sociali.
Ringrazio anticipatamente tutti.”

Anche Il sindaco Stefano Ali fa un appello affinchè tutti possano contribuire a questa iniziativa: “Ho sentito ad Acireale una grande voglia di voler aiutare chi è in difficoltà. Oggi ci sono molti invisibili proiettati in questa tragedia, in una situazione difficile e inimmaginabile fino a qualche settimana fa.
Col il Vescovo ci siamo sentiti e abbiamo pensato di costituire un fondo per il quale il Comune parteciperà con 20 mila euro, il meccanismo più veloce e più agile per riuscire a raggiungere immediatamente le persone in difficoltà. È chiaro che il Comune continuerà ad agire attraverso i Servizi Sociali, però questo è uno strumento che può aiutare ed è quindi importante che tutti quanti noi partecipiamo cercando di renderlo più dotato di risorse economiche. Vi faremo sapere al più presto quali sono le modalità per poter contribuire. L’obbiettivo è quello di assicurare a tutti un pasto.”

Abbiamo sentito anche la dott.ssa Palmina Fraschilla, assessore alle Politiche Sociali, preoccupata per l’emergenza economica venuta fuori in maniera preponderante, dopo quella sanitaria, e che purtroppo coinvolge tutta la comunità e per cui è importatissimo far fronte a tutte le difficoltà alle quali i cittadini stanno andando incontro:” Siamo di fronte ad una emergenza sociale perchè al di là del fatto che da sempre i servizi sociali si sono occupati delle persone più fragili e di coloro che hanno difficoltà economiche, oggi ci troviamo ad affrontare un’emergenza soprattutto per coloro che erano costretti a fare lavori saltuari, o coloro che, avendo delle attività commerciali sul nostro territorio, si sono visti costretti a chiuderle a causa dell’emergenza sanitaria ed oggi sono nell’indisponibilità di carattere economico.Oggi dunque, oltre alle emergenze sociali di cui eravamo già a conoscenza, si va a delineare questa nuova forma di povertà.
Il Comune di Acireale, immediatamente appena manifestata l’esigenza di essere vicino ai più deboli, ed io come assessore alle politiche sociali, attraverso un mio atto di indirizzo, abbiamo fatto in modo che arrivassero dei finanziamenti alla mensa di San Camillo, perchè presenti giornalmente e attivamente sul nostro territorio da sempre e perchè, grazie il loro contributo, ogni giorno erogano circa 60 pasti per tutte le persone fragili dal punto di vista economico. Oggi più che mai si vede la necessità di dover intervenire a favore di queste persone che altrimenti non avrebbero veramente di cosa vivere.
Successivamente ho fatto in modo che venisse istituito un servizio alla popolazione, mettendo a disposizione diverse figure di assistenti sociali e di pisicologi. Ancora, insieme all’Associazione San Vincenzo De Paoli, attraverso il banco alimentare “Sicilia Onlus”, stiamo provvedendo a reperire la fornitura per 60 famiglie, l’Associazione si è sempre occupata di reperire beni di prima necessità dando delle risposte concrete a chi ne ha estremamente bisogno.
Questa mattina invece, insieme al Vescovo e al Sindaco, ci siamo riuniti per mettere a punto quella che sarà l’istituzione di un fondo che verrà chiamato “Acireale dona”,
affichè la Curia e il Comune, attraverso una fitta rete di parroci che hanno contezza avendo fatto un’analisi dei bisognosi più dettagliata e quindi poter fornire nell’immediato beni di prima necessità attraverso dei vaucer quindi dei buoni spesa.
Inoltre con il mio assessorato e insieme al dott. Licciardello e al funzionario dott.ssa Cosentini, metteremo a disposizione dei soldi per intervenire sempre a sostegno della fascia più debole per il pagamento di bollette e servizi che oggi in tanti non riescono a pagare.
Inoltre aggiungo che grazie a alla buona volontà e ai tanti doni ricevuti da tanti cittadini generosi, stiamo facendo in modo di coprire tutto il territorio attraverso alcune associazioni di volontariato che faranno in modo di raggiungere gli anziani o le persone con disabilità impossibilitate a muoversi.”.

Graziella Tomarchio