Assenze importanti ed un calo fisiologico: è 1-1 tra Acireale e Marina di Ragusa, il racconto

«I momenti di difficoltà possono capitare all’interno di una stagione. Dopo due mesi alla grande, la squadra sta pagando un calo evidente ma che ci sta. A questo, purtroppo, si aggiungono anche assenze importanti come Tuninetti, Silvestri e oggi anche di Peppe (Savanarola)». Parole amare quelle pronunciate a caldo dal tecnico granata Giuseppe Pagana che, al termine della contesa tra Acireale e Marina di Ragusa, analizza così l’attuale momento dei suoi ragazzi. Il match tra le due compagini risulta essere scintillante, con il Marina di Ragusa che prima va avanti e poi più volte sciupa il raddoppio. D’altra parte, l’Acireale prima sigla il pari, poi sciupa le occasioni per il possibile vantaggio.

Alla fine sarà un 1-1 che lascia poco felici il migliaio di supporters acesi venuti a sostenere la propria squadra dopo il ko di Roccella, ma ad onor del vero il Marina di Ragusa sceso in campo quest’oggi non ha affatto demeritato per quanto visto. Chiaro, se in un momento di calo fisico come questo e dopo la sconfitta di 7 giorni fa vengono ad aggiungersi le contemporanee assenze di tre senatori come Silvestri, Tuninetti e Savanarola, tutto diventa allora più complicato. L’impegno è palese, il calo pure ma pur sempre fisiologico e del tutto normale. Nulla di allarmante insomma, ricordando come ad aver l’obbligo di portare a casa il primato in graduatoria siano altri e non i granata.

Per il match odierno Pagana opta per un inedito 4-2-3-1 con varie novità: Pitarresi tra i pali, in difesa Crispini, Sicignano, Orlando e Raucci, che fa il suo esordio dal 1′ in campionato; a centrocampo Barcio affianca Ba, poi Arena, Rizzo e Savanarola a sostegno dell’unica punta Diop. Il primo squillo è dell’Acireale, al 3′ quando Savanarola prova la botta da fuori ma la sfera termina a lato. Proprio il capitano granata sarà costretto a lasciare il campo poco dopo per un infortunio al polpaccio, al suo posto De Felice. Al 22′ gli ospiti guadagnano un ottimo calcio d’angolo dalla destra, dalla bandierina parte un cross tagliato al centro che trova lo stacco perentorio di Giuliano che buca la porta e fa 0-1. Marina di Ragusa in vantaggio, ma dormita difensiva colossale dei granata. Un minuto dopo Gioia avrebbe anche l’opportunità di siglare il raddoppio, ma dopo un’ottima azione individuale sulla sinistra il suo tiro è debole e facile preda di Pitarresi. L’Acireale risponde con una punizione laterale di Raucci che attraversa tutta l’area trovando solo una deviazione in angolo. Al 37′ Marina di Ragusa ancora pericoloso, stavolta con una grande azione orchestrata da Baldel, rifinita da Carnemolla e chiusa dallo stesso Baldel che da dentro area non centra lo specchio. L’ultima azione è sui piedi magici di Rizzo, che imbuca nello spazio per De Felice ma quest’ultimo non arriva ad impattare la sfera. La prima frazione termina così: Acireale 0, Marina di Ragusa 1.

Nella ripresa granata più vivi, ma non come ci si aspetterebbe. Al 54′ ci prova Rizzo su punizione, sfera alta sopra la traversa. Tocca dunque ad Arena, che serve Diop al centro, colpo di testa fuori dell’11 acese. Il Marina di Ragusa difende con ordine e quando riparte fa davvero male: al 60′ Bonfiglio sfiora il gol, poi due minuti più tardi è Rizzo a sprecare, facendosi attirare dalla gioia personale non servendo un compagno tutto solo in area. Gol sbagliato e gol subito, è la legge del calcio. Così, al 69′ Mbaba riceve palla sulla destra, mette al centro un ottimo cross per la testa di Rizzo (quello vero) e fa 1-1. L’Acireale pareggia e adesso prova a vincerla. L’opportunità capita sui piedi di Diop che, servito splendidamente in profondità da De Felice, arriva a tu per tu con Di Carlo ma è bravo l’estremo difensore ospite ad ipnotizzare l’attaccante senegalese deviando in angolo. L’ultimo brivido è per mano del Marina di Ragusa, che al 40′ sfiora la rete con un tiro deviato che trova però lo splendido riflesso di Pitarresi. Al termine di un vano recupero, il match si concluderà con una rete per parte: è 1-1 tra Acireale e Marina di Ragusa.

Giorgio Cavallaro