Bilancio partecipativo. Una riflessione.

ACIREALE – Sono aperte le urne di via Degli Ulivi e di via Lancaster ai cittadini che desiderano esprimere il loro voto per uno dei quattordici progetti inseriti nel bilancio partecipativo. L’assessore al Bilancio Francesco Coco riferisce che “il bilancio partecipato consente la realizzazione di piccoli progetti promossi direttamente dalla popolazione…”.

Andiamo a vedere, in sintesi, i progetti ammessi.

Russo Antonio ha proposto di riqualificare il campetto di via Macrì, la somma prevista è di 12.500,00 euro, Catalano Claudio, per la stessa cifra, richiede di creare una bambinopoli in una piazza di S. Maria Ammalati. Carrara Francesco per 4.342,95 euro vuole realizzare un attraversamento pedonale in via Gozzano così come Toscano Luca che prevede un attraversamento pedonale ma in via Turchia per un costo di 6.983,68 euro. Fazio Antonietta intende realizzare un’area giochi nella villetta di Pennisi per 12.444,00 euro e la Legambiente con 12.500,00 euro vorrebbe anch’essa realizzare un’area gioco a Santa Maria la Scala. Ed ancora Puglisi Carmela Antonina (5.905,50 euro) chiede di aver finanziato il progetto di riqualificazione  della piazzetta ingresso Capo Mulini. La parrocchia di S. Michele Arcangelo propone per 12.500,00 euro la creazione delle aiuole della pace e prevede la piantumazione di piante ornamentali.

Di questo primo grappolo di progetti ammessi al voto non possiamo non notare che, malgrado siano tutte delle ottime richieste e idee, le condizioni in cui versa Acireale sono davvero da quarto mondo. Se si riscontra la necessità di progettare, presentare e richiedere risorse per gli attraversamenti pedonali, per riqualificare le aiuole e per mettere su un minimo di decoro per il tempo libero, allora è evidente che i segnali che invia la progettualità partecipativa sono quelli dell’emergenza evidente nel campo della vivibilità e del benessere cittadino.

Sempre ammessi al voto vi sono ancora altri progetti.

Privitera chiede 11.535,00 euro per la scultura della pietra bianca, Grasso Giuseppe 10.000,00 euro per organizzare corsi di teatro per ragazzi, l’ads scuola calcio champions Acireale 7.160,00 euro per la promozione delle attività sportive. Questi progetti sono interventi che intendono incidere e promuovere l’aspetto culturale e sportivo e possono certamente essere considerati come un preciso passo avanti nella ricerca di interventi stimolanti per la crescita della socialità e di alcune arti umane.

Abbiamo ancora la società dilettantistica Galatea scacchi che chiede risorse per la creazione di angoli con scacchiere al fine promuovere il gioco degli scacchi. 1.600,00 euro per ogni tavolo fornito da due sedute. Un progetto certamente interessante ma che va a collidere o a integrarsi con la determina di giunta che ha già previsto quanto proposto dalla società dilettantistica Galatea. Niente non va bene ma un doppione di intervento appare esagerato.

Ancora. Cavallaro Laura propone con 5.000,00 euro per singolo interevento di recuperare alcune scritte storiche che si trovano per la Città. Ovviamente, siamo certi di non sbagliare, il riferimento è ad alcune scritte ormai ridotte in pessimo stato riferibili al ventennio fascista.

Infine ritorna Aci Greenway. La progettualità appare davvero interessante nella speranza che prima o poi il percorso ciclo naturistico venga finalmente consegnato ai cittadini in maniera fruibile e gratuitamente. Il progetto per l’importo di 12.500,00 euro prevede: Istallazione di: linee da parete per arrampicata, pannelli informativi, una fontanella, portarifiuti, cartellonistica, punti con presa elettrica nelle gallerie.

I cittadini possono votare uno dei progetti, la mia speranza è quella che tutti possono essere finanziati e realizzati, resta solo un malinconico sentimento nel percepire che tanta progettualità sembra proprio essere aderente ad una città sempre in emergenza.

(mAd)