Carnevale di Acireale – Scalia, Principato e Gapass assenti per l’edizione 2018

ACIREALE – Dopo l’emissione del regolamento della Fondazione del Carnevale le tre associazioni avevano deciso di non presentare i bozzetti atti alla partecipazione dell’edizione del 2018 della kermesse acese. Contestavano alcuni articoli contenuti nello stesso ed in particolare: la nomina di un amministratore, lasciare i box per far si che i maestri delle opere in fiore potessero allestire i “carri”, la modalità per lo smaltimento dei rifiuti prodotti. Un braccio di ferro che si è concluso con l’esclusione dei tre cantieri/associazioni che, come da regolamento, si sono visti notificare una lettere per lo sgombero dei box alla Cittadella del Carnevale.

Si poteva riaprire la faccenda richiedendo ai tre cantieri la partecipazione alla “trattativa privata” prevista anch’essa sal regolamento per farli rientrare attraverso questa modalità. Per la categoria A le associazioni Scalia e Principato avrebbero, quindi, potuto rispondere alla trattativa privata, proporre la loro richiesta e presentarsi con le loro opere al concorso del 2018, ma non è andata così.

La rottura si è consumata ed è definitiva almeno per quel che riguarda la prossima edizione della kermesse carnevalesca acese. Ieri (19/09/2017) infatti sono scaduti i termini di presentazione delle domande di partecipazione al carnevale 2018 , è quindi ufficiale l’addio delle due associazioni storiche del Carnevale, si perdono così prestigiosi artigiani ed eccellenze della cartapesta.

Una tegola per la Fondazione del Carnevale che ha avuto la sola colpa di produrre un regolamento e che non ha saputo o potuto risolvere una questione che è diventata nei mesi un vero e proprio braccio di ferro. Il presidente Belcuore, che ha dato un significativo risveglio alla manifestazione acese, e l’assessore Antonio Coniglio che si è intestato una furiosa e determinata presa di posizione per ridare dignità e decoro alla Cittadella del Carnevale non sono riusciti a ricomporre una crisi che, come previsto, è arrivata a conclusione con un abbandono della manifestazione delle associazioni Scalia, Principato e Gapass.

(mAd)