De Felice ‘giustizia’ la Palmese nel finale: è 1-2, prima vittoria del 2020 per i granata

Una rete nel finale dell’ormai solito De Felice regala all’Acireale la prima vittoria del 2020. Granata non al completo, con le assenze pesanti di Rizzo e Sicignano dall’11 titolare, che hanno dovuto vedersela contro una Palmese dura a morire. Proprio i neroverdi hanno infatti sbloccato il risultato nella prima frazione, prima di regalare agli uomini di mister Pagana un pareggio causato da un’autorete. Infine sarà assedio granata, con De Felice che prima fa le prove generali colpendo la traversa, poi sigla la rete da tre punti a tempo quasi scaduto.
Per il primo match dell’anno solare Pagana opta per il 4-2-3-1. Fuori Rizzo per squalifica, out Sicignano. Allora: Pitarresi tra i pali, Cannino, Orlando, Silvestri e Mauceri in difesa, Ba e Ott Vale in mediana, Arena, Savanarola e De Felice alle spalle dell’ex di turno Adam Ouattara. A partire forte sono i padroni di casa, vogliosi di dimostrare che – nonostante l’ultimo posto in classifica – non sarà affatto una domenica facile. E’ sul piede di Condomi la prima occasione del match, ma il suo tiro da posizione favorevole termina sul fondo senza recare danni ai granata. L’Acireale risponde invece al 12′ con Ouattara che, servito bene da Arena, rientra sul proprio piede, calcia forte ma trova un attento Cannizzaro pronto ad opporsi. Sarà comunque uno dei pochi lampi acesi nella prima frazione, con una Palmese molto più in palla e decisamente più vogliosa. Così, al minuto 35′, gli effetti portano al vantaggio meritato dei neroverdi con Bonadio, bravissimo a ribadire in rete una corta respinta di Pitarresi su un tiro di Verdirosi dalla sinistra. Palmese in vantaggio e sveglia che inizia a suonare in casa granata.

Nella ripresa, infatti, sarà tutta un’altra Acireale, cattiva e che a testa bassa vuole ribaltare le sorti del match, costringendo di fatto i padroni di casa ad un forcing difensivo per i successivi 45′. Passano appena tre giri di lancette per dimostrare il piglio diverso con cui i granata sono tornati dagli spogliatoi ed il protagonista non può che esserne il capitano: su un pallone che sembra ormai destinato sul fondo, Savanarola non si dà per vinto e lo agguanta in scivolata riuscendo a mettere un pallone pericoloso a centro area, la sfera termina dalle parti di Battista che goffamente la mette nella propria porta. Pareggio dei granata che adesso, con petto in fuori, vogliono assolutamente i tre punti. Pressing asfissiante e maggior voglia saranno il leitmotiv dei restanti minuti del match, con gli uomini di mister Pagana che a tutti i costi cercano la rete da tre punti, anche con un pizzico di sfortuna. A metà tempo gli ospiti sfiorano infatti il raddoppio, con la traversa a dire di no alla sventola da fuori di De Felice. Al 79′, però, la Palmese fa il gioco dell’Acireale e regala i restanti 11′ più recupero in superiorità numerica a causa dell’ingenua espulsione di Franco per doppia ammonizione. I granata spingono allora sull’acceleratore senza sosta provandoci fino all’ultimo istante, finchè al minuto 89′ una mischia in area premia De Felice che con la sua solita freddezza tipica di un giustiziere pesca l’angolino e batte Cannizzaro. E’ 1-2 Acireale! Dopo ben 4 minuti di recupero, D’Eusanio da Faenza dichiara la fine della contesa.

Acesi che, al netto dei 7 punti tolti per varie questioni, salgono dunque a 27 punti in classifica distaccandosi dalla zona rossa. Domenica si torna invece tra le mura amiche, pronti ad accogliere l’ACR Messina per un derby che – date le vicende relative al girone d’andata – si appresta più che mai infuocato.

Giorgio Cavallaro