FONDAZIONE COMUNALE “TEATRO BELLINI DI ACIREALE” – LO STATUTO

bellini-statuto-fondazionPubblichiamo il testo integrale dello Statuto della “Fondazione Bellini”

FONDAZIONE COMUNALE

“TEATRO BELLINI DI ACIREALE”

Articolo 1

(costituzione, denominazione e sede)

Su iniziativa del Comune di Acireale è costituita la fondazione denominata “FONDAZIONE COMUNALE “TEATRO BELLINI DI ACIREALE” o brevemente “FONDAZIONE BELLINI ” d’ora in avanti “Fondazione”.

La Fondazione ha sede nel Palazzo Municipale del Comune di Acireale. La modifica della sede legale della Fondazione non comporta modifica del presente statuto

La Fondazione è persona giuridica di diritto privato, senza fini di lucro, dotata di piena capacità e piena autonomia statutaria e gestionale. Essa è disciplinata, conformemente alle vigenti disposizioni di legge, dalle norme del presente statuto

Articolo 2

(finalità)

Essa ha come scopo principale:

-la gestione dei Teatri comunali e luoghi di spettacolo e di didattica ad essa affidati con l’atto costitutivo o con successivi atti di conferimento del diritto d’uso.

– la diffusione dell’arte teatrale, musicale, pittorica, cinematografica e di ogni altra forma ed espressione artistica.

Realizza in Italia e all’estero:

  1. spettacoli teatrali,cinematografici, concerti, balletti;
  2. rassegne d’arte pittorica, di sculture e di fotografica di qualsiasi ordine e grado con particolare attenzione all’arte contemporanea,
  3. corsi di educazione musicale, artistica, fotografica ivi compresa quella grafica e digitale,
  4. premi orientati alla sviluppo della espressione artistica;
  5. scambi culturali con altre istituzioni, pubbliche e private, nazionali ed internazionali aventi finalità affini alle proprie;
  6. la gestione di case vacanze per artisti, con particolare attenzione a coloro che soggiornano nella Città di Acireale per ragioni connesse all’attività artistica del Teatro;
  7. attività di ricerca orientata alla sinestesia tra suoni, colori, immagini;
  8. la promozione di studi e ricerche scientifiche relative all’arte contemporanea (arti visive, teatro, cinema, letteratura, estetica, comunicazione di massa, ricerche sul territorio, urbanistica, architettura);
  9. la promozione di convegni, seminari ed iniziative dirette alla formazione ed all’aggiornamento dei giovani nel campo teatrale e dell’arte contemporanea;
  10. rassegne d’arte e manifestazioni dirette alla conoscenza dei modelli linguistici dell’arte;
  11. corsi orientati alla conoscenza della semiotica associata ai segni e ai gesti dell’arte in genere;
  12. l’istituzione di una biblioteca dedicata alla musica e all’arte contemporanea;
  13. borse di studio per studenti più meritevoli in corsi di studio in materie connesse all’arte;
  14. la cura e la pubblicazione di lavori a carattere scientifico e artistico;
  15. la promozione e l’istituzione di un museo d’arte contemporanea;
  16. la promozione e l’istituzione di una scuola di comunicazioni visive e progettazione grafica;
  17. la promozione della conoscenza di cittadini di Acireale che nel passato si sono distinti nel campo del teatro, della musica, della pittura, della scultura.

Provvede direttamente alla gestione dei teatri affidati, ne conserva e valorizza il patrimonio storico-culturale.

La Fondazione, d’intesa con il Sindaco, può utilizzare, senza oneri per la Fondazione, gli uffici e la organizzazione amministrativa del Comune di Acireale al fine di avvalersi delle competenze e delle figure professionali dei soggetti che a qualsiasi titolo appartengono all’Ente fondatore.

La Fondazione è costituita a tempo indeterminato, salvo lo scioglimento anticipato deliberato dall’Ente Fondatore.

Nell’ambito ed in conformità allo scopo istituzionale la Fondazione può svolgere ogni attività consentita dalla legge, ivi comprese attività commerciali ed accessorie.

La Fondazione potrà svolgere ogni operazione ritenuta necessaria, utile o comunque opportuna per il raggiungimento delle finalità di cui al presente articolo e quindi ogni attività economica, finanziaria, patrimoniale, immobiliare o mobiliare, commerciale e accessoria, ivi compresa, nell’ambito delle stesse finalità, la partecipazione in società di capitali, ovvero la partecipazione ad enti diversi dalle società.

La Fondazione assume l’impegno di favorire l’acceso dei giovani verso il mondo dell’arte e di favorire, tra questi, quelli che versano in condizioni economiche disagiate ma che posseggono evidenti doti di natura artistica.

Competono alla Fondazione tutti i diritti, crediti e rapporti attivi, esistenti alla data del conferimento di beni immobili da parte del Comune, restando a carico dell’Ente Fondatore tutte le passività e obbligazioni, anche di natura economica, esistenti alla medesima data di conferimento. Il Comune di Acireale si obbliga a tenere indenne e rifondere la Fondazione nel caso in cui questa dovesse essere chiamata a rispondere per obbligazioni che generano passività riconducibili a periodi antecedenti la data del conferimento.

Le attività della Fondazione sono svolte in conformità agli scopi istituzionali, con criteri di economicità, imprenditorialità ed efficienza, nel rispetto delle condizioni di equilibrio economico e finanziario.

 

Articolo 3

(Fondo di Dotazione )

Per garantire il funzionamento della Fondazione stessa, il suo patrimonio viene assicurato dall’Ente Fondatore, come indicato nell’atto costitutivo e attraverso ulteriori eventuali incrementi deliberati dai loro organi sociali.

Il patrimonio è costituito:

  • da quanto conferito a tale titolo dal Socio Fondatore a titolo di proprietà immobiliare;
  • da quanto pervenuto da terzi, sempre che sia espressamente destinato ad incrementare il patrimonio per il raggiungimento delle finalità e degli scopi di cui all’ 2;
  • dalle somme o beni mobili e immobili ricevute a qualsiasi titolo e da quant’altro il Consiglio di Amministrazione della Fondazione deliberi di destinare ad incremento del patrimonio.
  • da erogazioni e lasciti destinate all’incremento del patrimonio.

In assenza di espressa destinazione, ogni liberalità, contributo e attribuzione patrimoniale si intenderà imputato al fondo di gestione.

Il patrimonio della Fondazione è vincolato al perseguimento degli scopi statutari ed è amministrato dalla Fondazione con modalità idonee a consentire lo svolgimento delle attività istituzionali, a preservarne il valore e a garantirne la continuazione nel tempo.

 

 

Articolo 4

(Fondo di gestione)

Il Fondo di gestione è costituito, oltre che dalle rendite patrimoniali di cui al precedente art. 3, dalle seguenti entrate:

  • dei redditi derivanti dal patrimonio di cui all’ 3 non destinati all’incremento dello stesso;
  • di ogni eventuale contributo ed elargizione destinati all’attuazione degli scopi statutari e non espressamente destinati all’incremento del patrimonio;
  • da sponsorizzazioni a qualsiasi titolo destinati a sostenere interventi specifici o generici salvo diversa imputazione ad opera del Consiglio di Amministrazione;
  • dal ricavato di elargizioni a sostegno della fondazione pervenute direttamente o indirettamente attraverso gli strumenti legislativi adottati dallo Stato, dalle Regioni e dagli Enti pubblici e privati di qualsiasi tipo e genere;
  • da proventi derivanti dalle attività della Fondazione;
  • da contributi dell’Unione Europea, dello Stato e di altri Enti pubblici e privati, non espressamente destinati a patrimonio;
  • da eventuali donazioni o disposizioni testamentarie non espressamente destinate a patrimonio;
  • da liberi contributi;
  • da altre entrate diverse ed eventuali.

Articolo 5

(Destinazione Rendite Patrimoniali)

Le rendite patrimoniali ed eventuali avanzi di gestione sono destinati annualmente, in via esclusiva, agli scopi di cui all’art. 2, nonché alle spese di funzionamento della Fondazione.

 

Articolo 6

(organi)

Sono organi della Fondazione:

  • il Presidente onorario;
  • il Consiglio di Amministrazione;
  • il Presidente ed il vice Presidente del Consiglio di Amministrazione;
  • il Segretario;
  1. il Revisore dei Conti;
  • il Comitato Tecnico Scientifico;
  • il Direttore artistico.

ARTICOLO 7

(Presidente onorario)

Il Presidente onorario è nominato dal Sindaco del Comune di Acireale tra le figure che si sono distinte, a livelli nazionali ed internazionali, nel campo artistico cui fa riferimento la Fondazione.

La figura del Presidente Onorario non è obbligatoria e può essere adottata in qualsiasi momento.

Articolo 8

(Consiglio di Amministrazione)

Il Consiglio di Amministrazione è composto, oltre al Presidente, da un minimo di 6 ad un massimo di 12 membri nominati dal Sindaco pro-tempore del Comune di Acireale.

I componenti il Consiglio di Amministrazione durano in carica per tutto il periodo del mandato amministrativo del Sindaco; gli stessi possono essere riconfermati e in qualsiasi momento revocati, anche singolarmente, per ragioni attinenti il venir meno del rapporto fiduciario con il soggetto che li ha nominati .

II Consiglio di Amministrazione elegge tra i suoi componenti un Vice Presidente.

La nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione deve essere effettuata entro 15gg. dalla data di proclamazione del Sindaco eletto.

Il Consiglio di Amministrazione ha tutti i poteri necessari per l’amministrazione ordinaria e straordinaria della Fondazione e svolge, altresì compiti di proposta e di impulso in merito agli obiettivi e ai programmi di attività.

 

I Consiglieri Comunali e gli amministratori della Città di Acireale sono incompatibili con la carica di componenti del Consiglio di Amministrazione e di ogni altro organo della Fondazione.

Il Sindaco del Comune di Acireale ha la facoltà di chiedere al Presidente la convocazione del Consiglio di Amministrazione e di essere sentito nel suo ambito per trattare questioni di interesse generale attinenti lo scopo della fondazione.

 

In particolare il Consiglio di Amministrazione:

  1. approva entro il 30 novembre di ogni anno il bilancio preventivo dell’esercizio successivo ed entro il 31 marzo il bilancio consuntivo dell’esercizio precedente; al bilancio preventivo va allegato il programma delle attività relative all’esercizio finanziario cui il bilancio stesso si riferisce e che decorre dal 1° gennaio al 3l dicembre di ogni anno. Il Consiglio di Amministrazione può, motivandone le ragioni, prorogare predetti i termini.
  2. delibera i regolamenti;
  • delibera l’accettazione dei contributi, delle donazioni e dei lasciti nonché gli acquisti e le alienazioni dei beni mobili ed immobili;
  1. delibera su eventuali accordi di collaborazione tra la Fondazione ed altri enti o privati, nazionali o internazionali;
  2. delibera l’eventuale costituzione di centri di studio e di ricerca e ne regola l’organizzazione e il funzionamento;
  3. provvede alla nomina e al licenziamento del personale direttivo e ne determina il trattamento giuridico ed economico;
  • provvede all’istituzione ed all’ordinamento degli uffici della Fondazione, ivi comprese eventuali rappresentanze fuori dal Comune di Acireale;
  • delibera le modifiche dello statuto con la presenza e con il voto favorevole di almeno i due terzi dei suoi componenti;
  1. delibera i poteri ed i compiti che ritiene di conferire al Presidente, ad altri consiglieri e al Direttore Artistico in aggiunta a quelli eventualmente già loro spettanti per statuto;

I componenti del Consiglio di Amministrazione svolgono la loro funzione a titolo gratuito, salvo il rimborso delle spese documentate e liquidate con provvedimento del Presidente.

Il Consiglio di Amministrazione è convocato dal Presidente o da persona a ciò delegata; dovrà inoltre essere convocato ogni qualvolta ne faccia richiesta almeno un terzo dei suoi componenti.

Il Consiglio di Amministrazione può deliberare con la presenza della maggioranza dei suoi componenti sulle materie per le quali il presente statuto non richieda maggioranze qualificate.

In caso di parità di voti, prevale il voto del Presidente. Alle riunioni del Consiglio di Amministrazione partecipa il segretario.

Alle riunioni del Consiglio di Amministrazione è consentita la partecipazione mediante mezzi di telecomunicazione.

 

Articolo 9

(Presidente)

Il Presidente è nominato dal Sindaco.

Il Presidente ha la legale rappresentanza della Fondazione con tutti i poteri attinenti l’ordinaria amministrazione della stessa, ivi compreso quello di nominare e revocare procuratori determinandone i poteri conferiti. Stipula i contratti e sottoscrive tutti gli atti che impegnano la Fondazione verso terzi.

Il Presidente convoca e presiede il Consiglio di Amministrazione.

Il Presidente, coadiuvato dal Segretario, cura l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione. Egli può delegare tali compiti, in tutto od in parte, al Vice Presidente e al Segretario.

In caso di assenza o di impedimento del Presidente le sue attribuzioni sono esercitate dal Vice Presidente. In difetto di questi il CdA provvederà alla nomina un soggetto facente parte del medesimo organo.

 

Articolo 10

(Segretario)

Il Segretario è nominato, senza oneri per la Fondazione, dal Presidente e scelto tra i dipendenti del Comune di Acireale previo parere favorevole del Sindaco.

Lo stesso:

-svolge tutte le funzioni amministrative della Fondazione;

-attua i programmi deliberati dal Consiglio di Amministrazione;

-predispone gli schemi del bilancio preventivo e del conto consuntivo accompagnati da una relazione annuale sulla politica culturale, sui programmi e sulle attività realizzate e/o progettate;

-predispone i programmi di attività della Fondazione e dà loro esecuzione, dopo che gli stessi siano stati approvati dal Consiglio di Amministrazione;

-compie tutti gli atti di ordinaria amministrazione attinenti la gestione;

-cura la comunicazione dei dati e delle informazioni nel rispetto dei principi della trasparenza amministrativa.

 

 

Articolo 11

(Revisore dei Conti)

Il Revisore dei Conti è nominato dal Presidente tra i soggetti iscritti nell’apposito Registro del Ministero delle Finanze, allo stesso può essere affidata la revisione legale.

Esso provvede:

– al riscontro della gestione finanziaria;

-accerta la regolare tenuta delle scritture contabili;

-esprime il suo avviso mediante apposite relazioni sui bilanci preventivi e sui conti consuntivi;

-effettua verifiche di cassa.

-assiste alle riunioni del Consiglio di Amministrazione e rilascia i pareri da questi richiesti;

II Revisore dei Conti dura in carica tre anni ed può essere riconfermato.

Articolo 12

(Comitato Tecnico Scientifico)

Il Consiglio di Amministrazione può nominare per periodo determinato, con funzione consultiva, un comitato tecnico scientifico composto da sette membri,individuati tra soggetti che hanno competenze professionali riconducibili alle attività e alle finalità della Fondazione. Esso è presieduto dal Presidente della Fondazione.

I componenti hanno diritto al solo rimborso spese documentate e liquidate dal Presidente.

Articolo 13

(Direttore artistico)

Il Presidente può nominare uno o più direttori artistici per un periodo determinato. Esso ha poteri organizzativi rispetto agli obiettivi della Fondazione.

La Funzione del Direttore Artistico è regolata in uno al provvedimento di nomina. I rapporti con la Fondazione e la durata in carica sono regolati da apposito contratto. Il Direttore artistico opera secondo le direttive e nei limiti del budget assegnati dal Consiglio di amministrazione. Inoltre, coordina le attività culturali della Fondazione e compie tutti gli atti ad esso attribuiti dallo Statuto e ogni altro specifico atto conferito dal Consiglio di amministrazione e dal Presidente. Il Direttore artistico può avvalersi di esperti e di professionisti nonché di altre figure professionali per lo svolgimento delle sue funzioni nell’ambito del budget allo stesso assegnato.

Il Direttore artistico può avvalersi di esperti e di professionisti nonché di altre figure professionali per lo svolgimento delle sue funzioni nell’ambito del budget allo stesso assegnato.

 

Articolo 14

In caso di estinzione della Fondazione, il relativo patrimonio sarà essere devoluto al Comune di Acireale.

Articolo 15

Per l’organizzazione delle attività delle Fondazione, ove il Cda lo ritenesse opportuno, possono essere adottati regolamenti funzionali agli scopi prefissati.

 

Articolo 16

Per tutto quanto non previsto nel presente statuto si applicano le disposizioni di legge in materia.