Giovanni Grasso – A Vinirazioni di Sammastianu

dscn0963

Scurdari mai mi pozzi, patruzzu caru,
quannu mi purtasti a Sammastianu,
avevu 7 anni, era la prima vota,
pi vidiri di lu Santo la so sciuta:
è cumu si lu tempu si fussi firmatu,
lu ricordu du me cori, mai s’ha sciutu!

Nel leggere questi versi, penso che il cuore di tanti Acesi avrebbe un sussulto, come l’ho avuto io nell’affollato bar Russo di Santa Venerina, una domenica mattina, appena aperto il libro di Giovanni Grasso.
Anche mio padre, come penso abbiano fatto tanti altri, mi accompagnò a vedere per la prima volta la nisciuta di Sammastianuzzu. Un ricordo indelebile.
Da 450 anni ci passiamo da generazione il testimone di quello che è Fede, Amore, Passione, Tradizione: l’essenza primigenia del popolo Acese.
                               Iù ci provu! Ma zoccu provunu li sensi,
                               scriviri e diri non pò cu li paroli…

A Vinirazioni di Sammastianu, poema in Lingua Siciliana, usata da Giovanni Grasso da decenni per raccontare di Uomini e Santi, di Terra e Sentimento.

Tre anni di fatica sono ricompensati da un’opera che è tutta una poesia, che abbraccia la storia, i riti, le tradizioni di quei paesi della Sicilia che hanno in Sebastiano il proprio esempio di Fede.

 Capizzi 13 Sacri Riliqui pussedi,
                           tra li quali chidda di Sammastianu …

                           A divuzioni a lu Santu prutitturi,
                           si leggi nta l’occhi di tutti li pirsuni,
                           comu ognuna d’iddi lu porta ntò cori:
                           “Depulsur pestis”vinni pruclamatu,
                          giacchì contru la pesti sempri ‘nvucatu,
                          e lu Mistrittisi ppi chissu ci ristau divotu.

Acireale, Melilli, Santa Venerina, Palazzolo Acreide, Francofonte, Ferla, Avola, Mistretta, Cerami, Torotrici, Maniace, Barcellona Pozzo di Gotto, Ciminna, Capizzi, Limina, tutte unite nella devozione al Santo Bimartire, al potente pretoriano protettore dei Cristiani, al consolatore dei Cristiani avviati al Martirio, difensore dei soldati romani cristiani.
Le cronache della vita del martirio e della venerazione del Santo, in versi siciliani, ci rendono ancora più intimo l’amore per Sebastiano.
Dalla peste di Roma del 680 alla proclamazione di “Difensore della Fede, alla divulgazione della Venerazione oltre che a Roma in tutto il mondo Cristiano.
E di ogni paese della Sicilia che il 20 Gennaio festeggia il ci vengono svelati usi, costumi, storia della festa e delle immagini, delle invocazioni e delle tradizioni.
(santodimauro)

Ne sapremo di più perchè ad illustrarvi saranno persone ben più autorevoli di un umile blogger:
        Giorno 22 gennaio alle 20,00 nella Basilica di San Sebastiano
Siamo tutti invitati.

venerazione