Gli affreschi di Sala d’Ercole urtano la religiosità del Presidente.

In questa navata pagana… (Nello Musumeci pres. Regione Siciliana, intervento a Sala d’Ercole – dal web 22 lug.2020)


Gli affreschi di Sala d’Ercole  urtano  la religiosità del Presidente.

Con  periodicità settimanale e incorniciate  fastosamente, pubblichiamo “frasi celebri” di personalità della politica, dello spettacolo, della religione, della vita sociale a livello nazionale ma anche conterranee (non sarà difficile trovarne di amministratori locali), da me raccolte a partire dagli anni ’90 . Naturalmente, la patente di celebrità viene assegnata per il senso di ilarità che suscitano, ( in certi casi per scivoloni logici, in altri per esibizione di malferma cultura, in altri ancora per  commovente ignoranza),  non certo perché chi le ha pronunciate  abbia voluto fare dello humour . Visto che esse stanno nell’arco di un trentennio, ce n’è per tutti: da chi ha vissuto l’epoca della Balena bianca, la DC, alla Seconda repubblica dopo Mani pulite, a questi nostri tempi  che più che ricordarci corsi e ricorsi ci fanno capire che al ridicolo non c’è mai fine.
Oggi presentiamo un’espressione pubblica di N.Musumeci: irritazione di buon cattolico per gli affreschi mitologici o battuta fine a sé stessa?

(Ivan Castrogiovanni)