GRAFFA CON LA RICOTTA (SPECIALITÀ DELLA PASTICCERIA TRAPANESE)

Buongiorno liberi navigatori.
Ogg pe la nostra rubrica “Panza e Prisenza” vi regaliamo una delizia della cucina trapanese. La ” Graffa con la ricotta” che è uno dei dolci tipici di Trapani è da sempre considerata la regina dell’arte pasticciera della città.

Girando per Trapani la troverete in bella vista nelle vetrine di tutte le pasticcerie, é un dolce semplice composto dalla “graffa”, ovvero una pasta dolce fritta, con ripieno di ricotta di pecora e gocce di cioccolato. La Graffa con la ricotta, pur non avendo la stessa fama del cannolo o della cassata, è comunque una bomba di sapore e di calorie da preparare e gustare in questo periodo di feste. E visto che le feste quest’anno, non saranno delle migliori, perdiamoci nei peccati di gola. Almeno questo ci è consentito.

INGREDIENTI (Per le graffe)

250 gr di Farina manitoba

250 gr di Farina 00

60 gr di Zucchero

un pizzichino di Sale

25 gr di Lievito di birra fresco oppure 8 gr di lievito disidratato (secco)

250 cc di Acqua

80 gr di burro

Zucchero a velo q.b.

Olio di semi

un pizzico di Vaniglia

PER LA FARCITURA

1kg di ricotta di pecora

gr. 50 di zucchero

un pizzico di Vanillina

50 gr di gocce di cioccolato fondente

PREPARAZIONE DELLE GRAFFE

Setacciate la farina e aggiungete lo zucchero, il sale, il burro a tocchetti ( alcuni usano lo strutto), l’acqua tiepida versata lentamente, la vaniglia e impastate fino ad ottenere un panetto morbido, liscio e omogeneo.

Una volta ottenuta una bella pagnotta, mettetela a livitare sotto una coperta, in un luogo non freddo per due ore circa.

Ottenuta questa prima la lievitazione, lavorate l’impasto per ottenere un filone dal quale formerete delle palline (simili come grandezza a delle arance ) da circa 50/60 grammi ciascuna e che metterete su dei quadratini di carta da forno, in questo modo, quando si andranno a friggere, le graffe, non si sgonfieranno. Lasciatele lievitare ancora per altri 30 minuti.

Nel frattempo, preparate dunque, l’occorrente per la frittura delle graffe. Serve una padella antiaderente abbastanza capiente dove metterete olio di semi (o strutto) sufficiente per friggere in immersione le graffe.

Scaldate a fuoco vivo l’olio e aiutandovi con una schiumarola (se necessario ungetela) prendete una alla volta le graffe e mettetele a friggere nell’olio bollente rigirandole spesso. Mettete le graffe fritte ad eliminare l’olio in eccesso su un foglio di carta alimentare. I quadratini i carta da forno utilizzati per la frittura si staccheranno da se. Lasciate raffreddare.

PRAPARAZIONE FARCITURA

Preparate la farcitura, lasciando la ricotta grezza, lavoratela con lo zucchero con una semplice forchetta senza utilizzare fruste per non farla diventare troppo liscia. Aromatizzate questa meravigliosa crema con la vanillina e incorporate le gocce di cioccolato fondente. La farcitura è pronta.

FARCITURA GRAFFE

A questo punto le graffe fritte si sono raffreddate. Fate un taglio longitudinale alla graffa e riempile con la ricotta. Passate la superficie superiore della graffa nello zucchero semolato e poi spolverizza lo zucchero a velo. A piacere mettete una ciliegina rossa candita al centro. (Foto Web)

Che dire, adesso non resta che mangiarle.

Buon appetito da
(Panza e Prisenza)