Il bilancio preventivo: i giovani, gli anziani ed i ragazzi disabili.

E’ stato approvato il bilancio preventivo 2019-2021. Quante risorse per il sociale? Ne abbiamo parlato con l’assessore Palmina Fraschilla.

D.: Assessore, il Consiglio Comunale ha appena approvato il bilancio preventivo. Dal primo giorno del prossimo anno scolastico sarà possibile fornire ai bambini e ragazzi con disabilità delle scuole acesi tutte le ore di Assistenza all’Autonomia ed alla Comunicazione e di Assistenza igienico personale previste dal PEI?

R.: Secondo i calcoli miei e degli uffici preposti, è stato approvato il bilancio con le somme che serviranno per coprire tutte le ore di assistenza. Abbiamo messo grande attenzione ai bambini con disabilità nelle scuole e credo che non si sia mai verificata ad Acireale, prima di ora, la possibilità di garantire a tutti i bambini di fruire dei loro diritti per tutte le ore previste nel PEI. Infatti abbiamo recuperato circa 100.000 € inserendoli nell’apposito capitolo 20793. Sono state infatti avanzate per il prossimo anno scolastico richieste per n. 50 bambini ed abbiamo ricevuto tutti i PEI provenienti dalle scuole. Il III° circolo è quello che ne ha fatto maggiore richiesta sia in termini numerici che per ore attribuite al bambino con disabilità. Per i bambini nei cui PEI non è indicato il numero di ore di assistenza da fornire, gli garantiremo il numero di 5 ore settimanali.

Questa Amministrazione, già lo scorso anno, aveva fatto in modo che fossero stati reperiti 73.000€ che, con una variazione di bilancio, erano stati finalizzati proprio ad incrementare il numero di ore di assistenza ai bambini nelle scuole e ricordo altresì che avevamo provveduto all’assunzione a tempo determinato di n.4 dipendenti dell’OASI Cristo Re per fornire un aiuto al servizio di assistenza igienico-personale di alcuni bambini aventi diritto. Assistenza che, come è noto, tocca alle scuole e impegna il Comune solo in via sussidiaria.

Sono stati inoltre previsti nel bilancio anche circa 180.000€ che serviranno per l’abbattimento delle barriere architettoniche. La nostra non è una città accessibile, per cui è importante che ogni persona possa muoversi in piena autonomia. E’ stato tra l’altro previsto un intervento in via Galatea, la realizzazione di diversi scivoli e modifiche ad alcuni marciapiedi.

D.: Nel bilancio appena approvato ci sono fondi per realizzare quelle occasioni di aggregazione, spazi e centri di aggregazione, ecc. di cui leggiamo nel programma elettorale dell’amministrazione?

R.: Intanto vorrei dire che stiamo provvedendo affinché tutte le associazioni che ne facciano richiesta possano avere uno spazio da usare come luogo aggregativo nonostante abbiamo serie difficoltà a poter dare gli ambienti perché quelli disponibili non risultano essere agibili. Purtroppo però, allo stato attuale, non abbiamo risorse necessarie per far partire progettazioni in tal senso in quanto abbiamo dovuto trovare le somme per l’assistenza scolastica alle persone con disabilità e per l’abbattimento delle barriere architettoniche. E per portare all’agibilità gli ambienti da dare alle associazioni.

D.: nel bilancio approvato ci sono somme previste per prevenire l’isolamento e l’emarginazione delle persone anziane, favorendo lo scambio intergenerazionale come è scritto nel vostro programma?

R.: con fondi europei diamo già assistenza agli anziani. Sono anche previste azioni e misure affinché possano essere realizzati anche questi interventi di prevenzione dell’isolamento e scambio intergenerazionale. Stiamo inoltre lavorando su un regolamento comunale che ci consenta di dare uno spazio aggregativo anche agli anziani, che allo stato in città non esiste.

Desidero dire anche che al di là dell’analisi del bisogno poi ci si confronta con una realtà fatta di carenza di personale (ad Acireale nel sociale è pari al 50%) e di carenza di risorse economiche dell’ente locale, che per poter soddisfare i diritti di tutti, dagli anziani ai disabili, alle famiglie meno abbienti si trova nella necessità di reperire fondi. Questo è possibile farlo soltanto accedendo a bandi europei.

(nello pomona)