Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
1xbet
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
betforward
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
deneme bonusu veren bahis siteleri
deneme bonusu
casino slot siteleri/a>
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Cialis
Cialis Fiyat
deneme bonusu
padişahbet
padişahbet
padişahbet
deneme bonusu 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet 1xbet untertitelporno porno
lunedì, Luglio 15, 2024
Google search engine
HomeIl PuntoIl giubileo di Parmenide e di Papa Francesco... a bassa voce -...

Il giubileo di Parmenide e di Papa Francesco… a bassa voce – di Enzo Coniglio

parmenideCosa ha in comune il mio vecchio e caro amico di una intera vita, Parmenide di Elea vissuto 2500 fa con il mio caro giovane amico dell’ultima ora, Jorge Mario Bergoglio, noto dal 13 marzo 2013 come Papa Francesco?

E perchè forzare la lettura diacronica dei frammenti parmenidei fino al punto di accostarli al giubileo di Francesco e immaginare idealmente un altro giubileo – di natura in parte diversa –  avvenuto ad Elea 2500 anni fa e indetto da Parmenide?

Il motivo c’è, è profondo ed è attuale se pensate che soltanto nel 1969 il mio prof. di filosofia morale alla Cattolica, Emanuele Severino, veniva allontano dall’ateneo in seguito al giudizio di incompatibilità del suo pensiero con quello cattolico espresso dalla Congregazione per la dottrina della fede, per delle tesi che affondano le radici, tra l’altro, proprio nei testi del vecchio Parmenide.  

E fu in questa triste circostanza, che io giovane studente alla Cattolica, decisi di approfondire la diatriba, scegliendo come tesi: “lettura di Parmenide” nella quale ho esaminato i singoli frammenti del Poema e i pareri espressi dai 50 maggiori critici che avevano commentato il Poema,  sotto la guida dell’eccellente prof. Giovanni Reale, mio docente di filosofia antica  e considerato, uno dei maggiori esperti internazionali sull’argomentoNon sono stato censurato. Al contrario, la prof. Sofia Vanni Rovighi,  correlatrice, l’apprezzò e ottenni il massimo dei voti e la lode e l’incarico a “laureato interno” presso la cattedra di filosofia teoretica, del prof. Gustavo Bontadini per l’anno successivo.

Da allora e per 55 anni, ogni anno risuona nella mia vita il “jobel”, il corno di montone utilizzato nel giubileo ebraico, che mi invita a  celebrare il “giubileo” istituito da Parmenide. In che modo?  salendo sul carro guidato dalle Heliàdes, figlie della luce-verità, che mi conducono al cospetto della dea, custode del’ordine cosmico,  che mi rivela la “verità ben rotonda”, dopo aver aperto la porta, controllata dalla Giustizia (Dike). Un giubileo, che come quello ebraico prima e cristiano dopo, invita al riconoscimento della verità, alla  riconciliazione e alla conversione.

Ma ripercorriamo insieme le tappe significative del “giubileo parmenideo” che consiste sostanzialmente in un viaggio verso la dea- verità, compiuto grazie alle cavalle che, spinte dal desiderio personale (thumòs), conducono sulla via del démone (divina) che porta per tutti i luoghi l’uomo che sa. In questo viaggio, le cavalle sono guidate dalle Heliàdes, che hanno lasciato le case della notte verso la luce,togliendosi i veli dal capo.

E questo è il punto chiave del Giubileo parmenideo: “ Là è la porta dei sentieri della Notte e del Giorno,  con ai due estremi un architrave e una soglia di pietra; e la porta, eretta nell’etere, è rinchiusa da grandi battenti. Di questi, Giustizia, che molto punisce, tiene le chiavi che aprono e chiudono”. 

Il giubileo di Parmenide consiste nell’aprire e attraversare la porta controllata da Dike (giustizia che molto punisce) e arrivare al cospetto della dea che ci rivela  il principio che regola la nostra vita e quella del cosmo.

Ma come fare? Ascoltiamo Parmenide nella traduzione di Reale: ” Le fanciulle, allora, rivolgendo a  Dike  soavi parole, con accortezza la persuasero, affinché, per loro, la sbarra del chiavistello  senza indugiare togliesse dalla porta. E questa, subito aprendosi,  produsse una vasta apertura dei battenti, facendo ruotare nei cardini, in senso inverso, i bronzei assi fissati con chiodi e con borchie. Di là, subito, attraverso la porta,  diritto per la strada maestra le fanciulle guidarono carro e cavalleE la Dea di buon animo mi accolse, e con la sua mano la mia mano destra prese, e incominciò a parlare cosí e mi disse:  “O giovane, tu che, compagno di immortali guidatrici,  con le cavalle che ti portano giungi alla nostra dimora, rallegrati, poiché non un’infausta sorte ti ha condotto a percorrere questo cammino – infatti esso è fuori dalla via battuta dagli uomini –, ma legge divina e giustizia (Themis e Dike). Bisogna che tu tutto apprenda:e il solido cuore della Verità ben rotonda  e le opinioni dei mortali, nelle quali non c’è una vera certezza. Eppure anche questo imparerai: come le cose che appaiono bisognava che veramente fossero, essendo tutte in ogni senso”.

Caro Amico, Fratello e Pastore,  Jorge Mario Bergoglio, non potevi farci regalo migliore del Giubileo straordinario dedicato alla misericordia. Sono convinto che esso esprima -comequello di Parmenide- anche la  volontà di percorrere la strada della verità illuminata dalla Legge divina e dalla Giustizia che gli uomini normalmente non percorrono creando il grande caos che Tu denunci con forza scuotendoci dal torpore e inviatandoci a seguire i nostri angeli luminosi, le Heliàdes, figli della Luce e della Verità.

Grazie Caro Papa Francesco. Permettimi di ringraziare te e i miei amati professori della Cattolica: Emanuele Severino, Giovanni Reale, Gustavo Bontadini e Sofia Vanni Rovighi che mi hanno fatto scoprire quanto  fosse importante attraversare la Porta divina indicata da Parmenide 2500 anni fa.

Ritornare a Parmenide come suggeriva Severino negli anni 60? Ha ancora oggi nell’era de  Giubileo, un senso.

@ Enzo Coniglio
riproduzione vietata 

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments