Inaugurazione di una ludoteca presso il Centro Culturale “Pinella Musmeci”

È ancora in corso presso il Centro Culturale “Pinella Musmeci all’interno della Villa Belvedere di Acireale, l’inaugurazione di una piccola ludoteca, che può ospitare da otto a dieci bambini contemporaneamente.

Il Centro Culturale si arricchisce dunque di un nuovo locale che viene destinato ai più piccoli. A tal proposito abbiamo intervistato l’assessore alle Politiche Sociali, la dott.ssa Palmina Fraschilla: ” È un progetto che rientra tra le tante priorità dell’amministrazione Alì e dall’assessorato alle Politiche Sociali, Giovanili e Istruzione, affinchè gli spazi siti all’interno del Giardino Belvedere, vengano aperti alla società civile e vengano occupati essenzialmente dai bambini e dalle famiglie. Oggi in qualità di assessore e un tempo in qualità di garante, ho voluto che venisse realizzato non solo il parco giochi inclusivo che a breve verrà migliorato, ma che venissero realizzati altri spazi affinchè i più piccoli potessero avere la possibilità di esprimersi al meglio, ancora di più oggi, visto il periodo difficile di distanziamento fisico e sociale a cui sono stati sottoposti. Una nota positiva della realizzazione di questa ludoteca è che i giochi ( prevalentemente giochi da tavolo) non vengono acquistati dal Comune ma vengono regalati alla città di Acireale, attraverso la mia persona, grazie alla generosità del sig.Calogero Gliozzo. La nostra amicizia nasce qualche tempo fa, ed egli ha voluto condividere con me il desiderio di realizzare una piccola ludoteca essendo in passato un impiegato della Mattel. Ha voluto donare a me questi bellissimi giochi da tavolo che io ho donato alla nostra città facendo in modo che i più piccoli ne possano godere.
Subito disponibile e ben felice, si fa promotore di questa iniziativa condivedendo il mio desiderio e regalandomi dei giochi del valore di oltre mille euro, che ho subito destinato alla città di Acireale.”

La storia di questa donazione da parte del sig. Calogero Gliozzo, è legata ad un momento difficile della sua vita e che ha vissuto suo malgrado qualche tempo fa. Momento, che lo ha visto a causa di una malattia molto seria a ricevere delle cure nel nostro Ospedale Santa Marta e Santa Venera di Acireale. Grato per aver ricevuto le migliori cure e attenzioni da parte di tutto il personale medico e paramedico, in segno di riconoscenza e amando moltissimo i bambini, ha voluto ringraziare la Città di Acireale che lo ha ospitato e curato in quel suo periodo difficile, esaudendo così anche un desiderio che oggi diventa realtà.

Graziella Tomarchio