L’ A.N.P.I. Placido Rizzotto di Acireale sul post di Barbagallo: “Impossibile candidare chi dileggia la nostra Costituzione”

La sezione A.N.P.I. Placido Rizzotto di Acireale esprime profonda indignazione per quanto apparso in un post della pagina facebook del sig. Antonio Barbagallo nella quale si dileggiava la giornata del 25 aprile quale Festa della Liberazione scrivendo delle parole offensive verso tutti coloro che hanno combattuto per restituire dignità all’Italia.

Dalla lotta per la Liberazione è nata la Repubblica Italiana e la nostra Costituzione alla quale tutti i politici, all’atto della proclamazione, prestano giuramento.

Il sig. Barbagallo dovrebbe sapere che il suo partito, iscritto al Partito Popolare Europeo, ha dato tanti eroi nella guerra di Liberazione italiana e in Europa contro la dittatura nazifascista.

L’A.N.P.I. di fronte a questo ulteriore caso di becero negazionismo storico,  chiede ai candidati sindaco di questa città di impegnarsi pubblicamente a non candidare quanti con atti e parole dileggino la nostra Costituzione Repubblicana e antifascista.

Ci aspettiamo, infatti, che chi si propone al governo non debba tollerare simili candidature a proprio sostegno per la dignità della città di Acireale già tristemente infangata da impresentabili culturali.

                                                                                                           Sezione A.N.P.I. “Placido Rizzotto”

                                                                                                                               Acireale