La 1/2 notte dei bambini sembra un mini luna park. Perso lo spirito delle prime edizioni.

Acireale – Edizione 2017 della 1/2 notte dei bambini, si vedono le famiglie in piazza Duomo e lungo la prima parte del corso Umberto (la parte alta del corso, da piazza Garibaldi a piazza Indirizzo, sembra essere dimenticata) e i bambini correre e divertirsi, quello che è mancato in questa edizione è stata proprpio la creatività. Quella dimensione magica che è nella vita interiore dei bambini e che, quest’anno, sembra essere stata sacrificata a favore del divertimento con i giochi “gonfiabili”.

Poche iniziative creative, tanti “gonfiabili”, giochi a pagamento che erano presenti in piazza Duomo e che hanno, in qualche modo, trasformato quella che era stata pensata come una notte creativa e misura di bambino in un mezzo luna park con i genitori borsellino in mano a sganciare moneta per i loro piccoli.

Sempre in piazza Duomo organizzazione creativa di un rapido e vivace gioco con i colori, l’animazione (abbiamo visto solo un animatore darsi da fare per intrattenere quei pochi bambini che sono riusciti a sfuggire dal magnetismo dei “gonfiabili”) e poi lungo il corso Umberto la bella “tenda dei bambini Saharawi, qualche altra iniziativa creativa ma tutto sottotono.

L’operazione che venne nella prima edizione chiamata “Orange revolution” aveva indicato un percorso straordinario: per un week end d’estate immaginazione e gestione del centro a misura di bambino. Ma di quella prima edizione quest’anno è rimasto ben poco. Rimane un dato certamente importante: i locali interessati dalla manifestazione sono stati presi d’assalto ed è questo certamente un dato positivo per la povera economia locale.

(mAd)