La questione Nero Caffè, un possibile debito fuori bilancio? Il consigliere comunale Ferlito: “Ho chiesto chiarimenti all’avvocatura”

ACIREALE – Ricordate Nero Caffè di Lucio Campione? Il chiosco che c’era, creava posti di lavoro e aggregazione, e che non c’è più. Il chiosco venne chiuso perché, secondo l’Ente, non rispondeva ad alcuni requisiti. Lucio Campione si oppose, riferì di avere adempiuto alle modifiche richieste ma, lo stesso, vide chiudere la sua attività.

Nella seduta di consiglio comunale del 26 novembre ’20, tra gli accantonamenti per eventuali debiti fuori bilancio è emerso anche un potenziale debito di 50mila euro “perché l’Ente potrebbe essere soccombente”. Potrebbe perché ancora non ci sono sentenze definitive in merito ma intanto in bilancio 50 mila euro sono state accantonate nell’eventualità che il signor Lucio Campione vinca la causa nei confronti dell’Ente Pubblico.

Durante la seduta del civico consesso il consigliere comunale Giuseppe Ferlito ha posto alcune domande sulla questione in merito e le risposte sono state quelle prevedibili. “L’Ente potrebbe soccombere ed allora ecco che è stata prevista di accantonare la somma di 50mila euro come possibile debito fuori bilancio”.

Noi abbiamo voluto sentire il consigliere comunale Ferlito per cercare di capire di più su questa vicenda.

Giuseppe Ferlito: “Su questa vicenda è normale che devono arrivare ulteriori chiarimenti. C’è l’accantonamento della somma per un ipotetico debito fuori bilancio ed io su questo punto desidero ricevere chiarimenti che in consiglio comunale, di fatto, non ci sono stati forniti. Sicuramente avremo occasione con l’avvocatura comunale di approfondire questa tematica, considerato che alla mia richiesta di chiarimenti posta in consiglio comunale non ho ricevuto risposte esaurienti. Sicuramente – continua Ferlito – ritorneremo sulla questione, al momento non ho i dati per poter dire qualcosa di più preciso, io voglio comunque un chiarimento da parte dell’avvocatura comunale”.

Abbiamo sentito che l’Ente potrebbe essere soccombente?  “Di fatto stanno riconoscendo – afferma il consigliere comunale Giuseppe Ferlito – che è una vicenda dove non c’è una certezza in riferimento all’attività amministrativa ma emergono dei dubbi. Ed allora se ci sono dei dubbi la cosa più naturale da pensare è che vi sia stato qualcosa che non va. In consiglio comunale in riferimento a questa questione sarebbe stata utile la presenza dell’avvocatura comunale al fine di fornire ulteriori chiarimenti, se consideriamo che al di là dell’aspetto economico la faccenda, possibilmente, ha creato un disagio ad un’attività commerciale. Tutto ciò va oltre il valore dei 50 mila euro e se c’è stata qualche mancanza è giusto che si prendono i dovuti provvedimenti. Se qualcuno ha sbagliato, ognuno per le sue competenze, dovrà prendersi le responsabilità e chiarire la questione”.

L’intervento in aula del consigliere comunale Giuseppe Ferlito

La nostra intervista a Lucio Campione del 15 giugno 2019

(mAd)