L’Acireale spreca, il Roccella no: prima sconfitta per i granata, ma è solo un incidente di percorso

Si sa, quando il cammino è lungo, le insidie sono sempre dietro l’angolo. Se n’è accorto anche l’Acireale che, dopo un cammino da caterpillar con sole vittorie, cade in quel di Roccella al termine di 90′ conditi da una prestazione non certo convincente. È Malerba a punire i granata e a dare i 3 punti ai suoi che fino ad allora riversavano al penultimo posto in classifica. Ma tranquilli, nessun dramma: è solo un incidente e come tale resta tale. Testa già alla prossima, tra le mura amiche e contro un Marina di Ragusa oggi sconfitto per 1-0 dal Troina. Testa alta e ripartire, subito.

Assenti Cannino e Tuninetti per infortunio, per il match odierno Pagana conferma l’11 di domenica scorsa con la sola eccezione di Mbaba al posto dell’ex Città di Messina. Dunque Pitarresi tra i pali, Silvestri, Sicignano e Orlando a comporre la solita linea a tre difensiva, Crispini, Ba, Savanarola e Mbaba il quartetto di centrocampo, infine Arena alle spalle di Rizzo e Diop.

Il primo squillo è dell’Acireale, con Diop che ben servito da Rizzo scalda i guantoni di Scuffia al 5′ di gioco. Il Roccella è però più cinico e al primo affondo passa in vantaggio: Faiello pennella un ottimo pallone al centro per lo stacco di Malerba, che approfitta di uno svarione difensivo granata e di testa fa secco Pitarresi. Padroni di casa avanti, 1-0 Roccella al minuto 12. E’ Rizzo a provare la scossa soltanto qualche minuto più tardi, ma il suo calcio di punizione termina di poco fuori. Al 17′ Acireale vicino al gol con Diop, servito ancora da Rizzo, il numero 9 acese prima controlla, poi si gira ma non inquadra lo specchio della porta. Al 30′ è Crispini ad avere sulla testa il possibile pallone del pareggio sulla solita pennelletta di Rizzo su calcio piazzato, pallone però che termina alto. Sul finale di tempo il Roccella sfiora la rete del 2-0, con Camara che da buona posizione calcia forte, ma mette solo i brividi a Pitarresi. Al duplice fischio Roccella avanti per una rete a zero.

Nella ripresa Pagana mischia le carte e si gioca il tutto per tutto: fuori Ba e Mbaba, dentro Barcio e De Felice. E’ 4-2-3-1 a trazione anteriore. Gli effetti dei cambi si notano, con capitan Savanarola e compagni che attaccano a testa bassa constringendo di fatto il Roccella a rintanarsi e difendersi. D’altro canto, però, padroni di casa ben messi in campo e, nonostante i continui attacchi avversari, concedono la prima vera occasione solo al 61′. L’occasione però è bella ghiotta: Rizzo serve sulla corsa De Felice che ha i sui piedi il pallone del pareggio, ma il suo tiro termina fuori. Al 74′ ancora Acireale vicino al gol, ma il risultato è sempre lo stesso: Rizzo va per Diop, che serve Savanarola in posizione invitante, conclusione alta sopra la traversa. A furia di sprecare il Roccella si riaffaccia in avanti sfiorando il raddoppio con Di Franco, che riesce a calciare a botta sicura da posizione vincente trovando sulla sua strada la perentoria chiusura di Silvestri. Ci provano fino alla fine i ragazzi di mister Pagana, prima con Raucci, poi con De Felice negli ultimi istanti di gara. Sarà tutto vano: vince il Roccella, per i granata prima sconfitta stagionale.

Giorgio Cavallaro