Le donne sole vittime di violenza avranno finalmente un ricovero.

E’ una bella notizia quella che ieri sera ha visto il consiglio comunale approvare la proposta voluta dall’assessorato ai servizi sociali, in merito alla richiesta di uno schema di convenzione per la gestione di una casa di accoglienza o strutture ad indirizzo segreto per donne sole o con figli minori o diversamente abili, vittime di violenza.

La delibera, in realtà, segue una legge regionale del 2018, voluta dall’assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro sulla possibilità di erogare dei contributi economici ai comuni che intendessero realizzare delle Strutture di ospitalità in emergenza alle donne sole vittime di violenza.

La città di Acireale, va detto, si è da sempre impegnata nei confronti delle donne vittime di violenza: dalla creazione della Rete 25 novembre, a manifestazioni e fiaccolate, proprio per commemorare quella data, non ultima quella dello scorso novembre “Una coperta per Palmina”, voluta proprio dall’assessorato alle politiche sociali. Ci pare, tuttavia, che dare voce concretamente ai bisogni delle donne vittime di violenza, che hanno il coraggio di denunciare i propri aguzzini onde poter tutelare se stesse e i propri figli (per lo più minori), con un sostegno vero, una protezione reale prima che sia troppo tardi, sia la migliore risposta da parte di un comune attento alla questione.

Peccato che assieme al bel segnale di sensibilità si sia assistito, ieri sera, ad un indegno spettacolo da parte di uno dei consiglieri comunali di maggioranza, il quale, forse, non voleva farci rimpiangere le più celebri “uscite” di un consigliere comunale di opposizione della precedente giunta, celebre, appunto, per i suoi interventi poco opportuni nei confronti delle donne. Peccato, dicevamo, perché quando si trattano temi come la violenza delle donne e il sostegno verso coloro che spesso vengono lasciate sole -all’indomani delle denunce, ad attendere le ritorsioni da parte dei compagni denunciati- sarebbe il caso di tacere. Nessuno nega che possa esistere anche una violenza verso gli uomini, ma, certamente, quello di ieri sera non era né il luogo, né il contesto adatto dove tirar fuori certe esternazioni (vedi il video).

BINGO…. UN'ALTRA PERLA!!!In Aula approda una Delibera con oggetto una " Proposta di Convenzione per il sostegno economico alle rette di ricovero per DONNE ( e sottolineo donne) sole, o con figli minori o diversamente abili, VITTIME DI VIOLENZA", promossa dalla Regione Siciliana.A parte il fatto che, considerate le dichiarazioni precedenti, il consigliere (?) in questione pare non abbia neanche letto la Delibera in argomento, ma si possono fare simili esternazioni che nulla attengono con l'argomento trattato? Siamo ancorati all' "Aria fritta"? Dal Palazzo di Città è tutto. A voi la linea!

Pubblicato da Salvo Seminara su Giovedì 13 giugno 2019

(Valeria Musmeci)