L’OVA RUTTI ALL’ACQUA DI KETTY”

Buongiorno liberi navigatori

Oggi per la nostra rubrica “Panza e Prisenza” vi proponiamo una ricetta semplice e gustosa “L’OVA RUTTI ALL’ACQUA”. Ieri mattina mi arriva un messaggio di Ketty che mi ha messo subito il buon umore:D perchè lei, è una simpaticona anche quando descrive in poche righe le sue ricette😁

Tipico e gustoso piatto invernale ma soprattutto piatto povero del nostro mondo contadino. Nelle fredde sere d’inverno, consumare un pasto caldo e proteico era una buona soluzione per affrontare la notte nelle abitazioni scarsamente o per nulla riscaldate. In realtà l’acqua di cui parliamo era un semplicissimo ma saporito brodo vegetale, a base di aglio e prezzemolo. Il brodo poteva essere rinforzato con aggiunta di patate a tocchetti, piselli, di asparagi, pomodoro e altre verdure che i contadini portavano la sera dalla campagna. Il brodino veniva allungato per inzupparvi tanto pane di casa raffermo, fatto giorni prima nel forno a legna con lievito madre.

Ecco a voi la ricetta della nostra simpaticuna amica Ketty, così come me l’ha inviata 😂😚

“INGREDIENTI
1o 2 uova a testa. Si non c’hai testa pacenzia, ti suchi u brodo. 😂
Prezzemolo
Aglio
Olio extravergine di oliva
Pomodorini o Passata di pomodoro (poca)
1Dado
Formaggio grattugiato

PREPARAZIONE
In un pentolino fare soffriggere con un filo di olio l’aglio, il prezzemolo, il pomodoro a pezzettini oppure un un po’ di salsa, unire un dado e poi aggiungere tanta acqua per fare massimo 2 porzioni per volta ( 2 tazze circa). Dopo aver fatto bollire il brodo per circa 10 minuti aggiungere le uova facendole colare dentro un mulinello che farete aiutandovi con una forchetta, in modo che l’albume, con la centrifuga si addensi intorno al tuorlo.

Prima di mettere le uova nel brodo, abbrustolite qualche fetta di pane che farà da base al piatto. Fare cucinare le uova solo pochi minuti e/o a piacimento dei commensali.

Servire sul letto di pane e finire con una spolverata di pepe nero e prezzemolo fresco. Chi lo gradisce può aggiungere il formaggio grattugiato. Nelle sere fredde è un cunotto. Un bacione bella Graziella”. (Foto Web)

Premettiamo che di questa ricetta ne esistono svariate versioni che variano da famiglia a famiglia. (Questa è la ricetta personalissima di Ketty.)

Buon appetito da
(Panza, Prisenzae Ketty)