NOVITA’ PER LA SOSTA A PAGAMENTO. 15 MINUTI DI TOLLERANZA, LIMITE DI 2 ORE PER LE AREE COMMERCIALI E ABBONAMENTI

Nuove regole per la sosta. Stamattina il sindaco Stefano Alì, l’assessore alla Mobilità Carmelo Grasso, e l’assessore alla Polizia Municipale Mario Di Prima hanno presentato le novità alla stampa.

La concessione di 15 minuti gratuiti per acquisti rapidi, accompagnamento anziani ed esigenze varie, assieme agli abbonamenti e alla rotazione dei parcheggi nelle aree ad alta rilevanza commerciale, è la novità di maggiore rilievo tra quelle introdotte nel processo di rimodulazione delle strisce blu cittadine, in quanto viene incontro sia ad esigenze di naturale commerciale che residenziali-sociali. Ciò è previsto da una recente delibera della giunta comunale, adottata tenendo conto delle varie indicazioni provenienti, segnatamente, dalla Confcommercio e dalla società civile”, si legge nel comunicato.

«I vantaggi dei parchimetri saranno rilevanti. La sosta gratuita di un quarto d’ora garantirà la possibilità degli acquisti veloci quotidiani del pane del giornale o nel negozio di fiducia e il continuo ricambio delle auto. Per le zone che hanno maggiori criticità, in cui i commercianti e i residenti si lamentano che non si riesce a trovare posto, il sistema garantisce la maggiore rotazione attraverso i limite della sosta di due ore. Abbiamo pensato pure ai lavoratori o ai residenti che non hanno il garage avranno la possibilità di abbonamenti agevolati in zone riservate. La striscia bianca sarà garantita secondo le proporzioni previste dalla legge al di fuori della stretta cinta del centro storico», ha spiegato l’assessore Di Prima.

E’ stato annunciato che la nuova distribuzione degli stalli sarà operativa dopo l’installazione dei parchimetri di ultima generazione. Saranno recuperati spazi “in attesa della predisposizione della delibera quadro”, come i circa 200 posti con sbarra del parcheggio Cappuccini. Inoltre, è stato previsto un incremento di posti adiacenti corso Italia per sopperire a quelli saltati con la pista ciclabile e sono stati ricavati circa 70 stalli in più in via Vittorio Emanuele, dopo la concertazione con residenti e commercianti della zona.

“Quindi, a parte i posti del parcheggio Cappuccini prima delimitati con barra e i nuovi ricavati per tener conto dell’esigenza di residenti e commercianti, la differenza con la situazione preesistente è di circa 250 stalli, 100 dei quali non sono previsti nei piani esecutivi di breve e medio termine, mentre 150 sono stati previsti sia per favorire  le  aree commerciali oggi esistenti in città che per tener conto  della richieste di abbonamento di residenti e lavoratori, comunque seguendo sempre, al di fuori della zona “A” di centro storico, un criterio di proporzionalità e il principio della equa ripartizione tra strisce blu e sosta libera gratuita”, si legge nella nota diffusa a margine della conferenza stampa.

A tal proposito l’assessore Grasso ha precisato: «Il sistema della mobilità è un piano ben più ampio. Questa è una delle azioni fatte dall’Amministrazione e a breve pubblicheremo un decalogo delle azioni fatte. La delibera è la fotografia dello stato attuale, però non possiamo non considerare che in questo numero vi erano 200 posti delimitati con barra al parcheggio Cappuccini e che ci vuole una riserva di posti per gli abbonamenti. Essendo un piano di gestione di breve, media e lunga attuazione ci saranno circa 100 parcheggi che nella fase iniziale non saranno attuati. In più sono stati aggiunti posti auto in nuove zone commerciali, aree legate a corso Italia, dove è stata realizzata la ciclabile, al viale Regina Margherita, a via Vittorio Emanuele, e alle zone di via Kennedy e via Verga. Questi provvedimenti nel complesso non hanno un maggior costo per i cittadini, perché i numeri non vanno valutati in maniera asettica, ma in maniera strutturata e consentiranno un ricambio auto a vantaggio di tutte le attività commerciali».

A Grasso ha fatto eco il sindaco, puntualizzando: «Sottolineo che la rimodulazione non serve a fare cassa, non è questo l’obiettivo.  Il costo dei parcheggi, fra l’altro, viene coperto dal personale che deve controllare i parcheggi. E’ un nuovo modo di gestire la città. Abbiamo fatto uno studio puntuale in cui sono individuati gli stalli blu e i parcheggi oggi utilizzabili, è una base di partenza su cui ragionare per migliorare la città».

 Anche il fenomeno dei parcheggiatori abusivi sarebbe “destinato ad essere debellato con la delimitazione degli stalli in varie zone del centro storico e non solo”, ma la nota stampa si conclude con ulteriori sottolineature “L’avvio dell’operatività del nuovo sistema legato alle strisce blu sarà scaglionato secondo esigenze di natura gestionale e organizzative. Si prevede di arrivare a pieno regime in modo graduale, così da compiere le opportune verifiche e, al tempo stesso, valutare se possa essere il caso di adottare modifiche nella distribuzione degli stalli. La mobilità cittadina si appresta ad assumere una connotazione diversa e questo richiede una comune sensibilità, la stessa che in molti auspicano e che, talvolta, dimenticano di tradurre in fatti concreti, sia per un pregiudizio che per l’insufficienza di cognizioni. E, a riguardo, una delle inesattezze più rilevanti è quella che ipotizza un aumento indiscriminato degli stalli, considerato che la delibera prevede aspetti innovativi (15 minuti gratuiti, abbonamenti, tempo massimo della sosta per favorire il ricambio nel parcheggio) che a ragion veduta consentono di affermare che, complessivamente, per residenti e commercianti non avrà luogo alcun aggravio di costi, bensì vantaggi diretti e indiretti”.


Erano presenti in conferenza stampa anche il presidente del Consiglio comunale, Sonia Abbotto, e i consiglieri Francesco Coco, Martino Florio e Fabio Fontanesca.

Coco, presidente della Commissione con delega al Commercio, ha dichiarato: «Chi amministra deve fare delle scelte, scelte che non vanno confuse con obiettivi e risultati. Avendo contezza delle esigenze dei residenti, delle attività produttive e dei lavoratori si fanno scelte che devono avere dei risultati.  Per questo c’è un programma che prevede la realizzazione di strisce blu che non sono 550 in più, ma una rimodulazione dei parcheggi a pagamento con abbonamenti, la creazione di nuove aree di sosta e la reintroduzione dell’area del parcheggio Cappuccini. Le strisce blu che si stanno realizzando in più sono quelle a beneficio degli abbonamenti».

L.C.